logo

In Evidenza

  • CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI ESCAVATORI, PALE CARICATRICI FRONTALI, TERNE – 20 LUGLIO

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE ADDETTI E TECNICI RIMOZIONE, BONIFICA E SMALTIMENTO MATERIALI CONTENENTI AMIANTO – A PARTIRE DAL 30 OTTOBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI PLE – 25/26 OTTOBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI AGGIORNAMENTO PREPOSTI – 24 OTTOBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI AGGIORNAMENTO PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI PLE – 23 OTTOBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI CARRELLI INDUSTRIALI – 23 OTTOBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI AGGIORNAMENTO PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI GRU PER AUTOCARRO – 26 LUGLIO

    Approfondisci
  • CORSO DI FORMAZIONE PREPOSTI – 18 OTTOBRE

    Approfondisci
  • PUBBLICATO IL CALENDARIO DELLA FORMAZIONE IN AULA PER L'ANNO 2018

    Approfondisci
           

La foto del mese

L'estate sta finendo. . . speriamo in un autunno migliore. Un pensiero alle vittime di Genova.

La frase del mese

Le statistiche dicono che tutte le volte che un uomo respira una persona muore. Bisogna trovare quell'uomo e fare qualcosa per il suo alito. . .

- Anonimo

I nostri Corsi

Organizziamo corsi in aula e online per la tua azienda. I corsi E-learning sono fruibili da qualsiasi dispositivo...

IL QUIZ DEL MESE: DI AMBIENTE COSA NE SAI?

Mettiti alla prova con 4 livelli di difficoltà per verificare le tue conoscenze...

PARTNER - SITI AMICI

Scopri i nostri partner

Manualistica

Vedi Manuali disponibili

Cerca con i Tags

ARPA   CIT   CPI   ISPRA   MOG   OT24   RSPP   acqua   acustica   agenti biologici   agenti cancerogeni   agenti chimici   agenti fisici   aia   albo gestori ambientali   ambiente   amianto   aria   atex   atmosfere esplosive   attrezzature di lavoro   aua   audit   bonifiche   burn out   cantieri   cem   certificazioni iso   clp   codici cer   comunicazione   controlli   ctd   danno ambientale   datore di lavoro   dpi   due diligence   ecologia   edilizia   emergenze   emissioni   energia   ergonomia   f-gas   finanziamenti   formazione   gas effetto serra   imballaggi   impianti   inail   incidente rilevante   infortunio   inquinamento   interpelli   lavoro notturno   legionella   linee guida   luoghi di lavoro   macchine   malattia professionale   manuale   manutenzione   marcatura ce   medico competente   microclima   mmc   modulistica   mud   normativa   prevenzione incendi   primo soccorso   privacy   provincia   qualità   radiazioni ionizzanti   reach   registro infortuni   responsabilità   rifiuti   rls   roa   rumore   salute   segnaletica   sentenza   sicurezza   sistemi di gestione   sistri   sorveglianza sanitaria   sostanze pericolose   spazi confinati   stress   terre e rocce da scavo   trasporti   valutazione dei rischi   vas   vdt   verifiche periodiche   via   vibrazioni  

Area Riservata

 Lun 19 Feb 2018

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI: COME LAVORARE IN SICUREZZA

  mmc , salute , sicurezza

Immagine

Per Movimentazione Manuale, il cui rischio è trattato nel titolo VI del D.Lgs 81/08 e approfondito nell’allegato XXXIII dello stesso decreto, si intende qualsiasi tipo di attività che comporti operazioni di sollevamento di un peso, ma anche le azioni di trascinamento, spinta o spostamento che possano dare origine a disturbi e patologie soprattutto a carico della colonna vertebrale, ma anche a carico delle articolazioni e dei muscoli.

Gli infortuni collegati alla movimentazione dei carichi, che questa sia a mano o con attrezzature di sussidio, sono per lo più banali ma caratterizzati da conseguenze che possono protrarsi per lungo tempo.

Per la gestione di questo fattore di rischio, come per molti altri, la sensibilizzazione al riguardo, a tutti i livelli gerarchici, diventa il primo passo fondamentale per individuare nella prassi lavorativa quotidiana i rischi della movimentazione manuale di carichi e per prendere provvedimenti in questo senso.

Un documento del SUVA (cfr. allegato), di cui di seguito si riportano alcuni punti fondamentali, mette in evidenza i punti fondamentali su cui è possibile ragionare per cercare di sensibilizzare la popolazione lavorativa e ridurre infine il numero di infortuni legati al fattore di rischio specifico.

Cause per infortuni e sovraccarichi

Accanto alla tendenza a sottovalutare il rischio, le cause degli infortuni durante la movimentazione manuale di carichi sono molteplici e comprendono:

- fretta;

- percorsi di trasporto con pericoli di inciampo;

- agevolatori mancanti o inappropriati;

- fasi di lavoro non sufficientemente organizzate;

- carichi troppo pesanti o non pratici da afferrare;

- impiego di persone non adatte;

- formazione e istruzione carenti dei collaboratori;

- mancata conoscenza o consapevolezza dei pericoli;

- cattive abitudini ecc.

Per individuare le aree più carenti è possibile utilizzare come linee guida le liste di controllo allegate al documento del SUVA.

Pianificazione del lavoro (trasporto)

Nei lavori di movimentazione carichi c’è spesso la tendenza ad improvvisare e ad affidarsi al caso. Per una maggiore sicurezza ed efficienza dei metodi di lavori è però importante che le fasi di trasporto, in quanto parte integrante dell’intero processo lavorativo, siano preparate e pianificate convenientemente usando la testa.

Un’importanza particolare va attribuita alla preparazione del lavoro, sia per i lavori di movimentazione dei carichi nell’industria che nei posti di lavoro non fissi, come per esempio nei cantieri. In fase di pianificazione deve essere prevista un’accurata armonizzazione delle diverse componenti del processo di movimentazione, vale a dire:

- peso e forma della merce da trasportare;

- scelta degli agevolatori utilizzati per il trasporto;

- selezione e formazione degli operatori;

- vie di trasporto;

- luogo dove posare il carico e;

- organizzazione del lavoro.

Il processo di trasporto come tale deve essere organizzato perfettamente e funzionare senza intoppi per evitare improvvisazioni pericolose.

Svolgimento del trasporto

Una volta pianificato il sistema di trasporto è necessario valutare la correttezza di quanto pianificato, ponendosi delle semplici domande:

- C’è un’alternativa alla movimentazione manuale di carichi (trasporto con mezzi meccanici anziché a mano)?

- Gli agevolatori in dotazione funzionano come avete previsto e sono utili ed efficaci anche agli occhi dei collaboratori?

- Le istruzioni riguardanti il carico, gli agevolatori, la scelta del personale, il luogo dove deporre il carico, le vie di trasporto, ecc. sono identiche a quelle che avete pianificato?

- Nessuna fase del lavoro richiede improvvisazioni?

- I collaboratori si comportano effettivamente così come pensavate?

Laddove si presentasse la necessità, sarà opportuno definire delle procedure, approfondire la formazione sulle corrette modalità di movimentazione manuale e la formazione al corretto uso degli apparecchi di supporto alla movimentazione.

Il documento si concentra poi su un elenco di principali regole da osservare, con un quadro riepilogativo dei principali pericoli connessi alla movimentazione dei carichi e le possibili misure di sicurezza.

Per ulteriori approfondimenti si rimanda alla lettura completa del documento.





A cura di: Ing. Emanuela PISANU


ALLEGATI
  Allegato: Sicurezza sul lavoro e tutela della salute nella movimentazione manuale di carichi

ECOLAV Service S.r.l. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l' utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento