logo

In Evidenza

  • CORSI DI FORMAZIONE LAVORATORI (FORMAZIONE GENERALE E SPECIFICA) – 10/11/12 OTTOBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI FORMAZIONE PREPOSTI – 18 OTTOBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI AGGIORNAMENTO PER RLS – 15 OTTOBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI CARRELLI INDUSTRIALI – 27 e 28 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI AGGIORNAMENTO PER ADDETTI ANTINCENDIO - RISCHIO BASSO, MEDIO, ALTO - 25 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI ANTINCENDIO – RISCHIO BASSO E MEDIO – 25 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI FORMAZIONE DL/RSPP – A PARTIRE DAL 24 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • PUBBLICATO IL CALENDARIO DELLA FORMAZIONE IN AULA PER L'ANNO 2018

    Approfondisci
           

La foto del mese

L'estate sta finendo. . . speriamo in un autunno migliore. Un pensiero alle vittime di Genova.

La frase del mese

Le statistiche dicono che tutte le volte che un uomo respira una persona muore. Bisogna trovare quell'uomo e fare qualcosa per il suo alito. . .

- Anonimo

I nostri Corsi

Organizziamo corsi in aula e online per la tua azienda. I corsi E-learning sono fruibili da qualsiasi dispositivo...

IL QUIZ DEL MESE: DI AMBIENTE COSA NE SAI?

Mettiti alla prova con 4 livelli di difficoltà per verificare le tue conoscenze...

PARTNER - SITI AMICI

Scopri i nostri partner

Manualistica

Vedi Manuali disponibili

Cerca con i Tags

ARPA   CIT   CPI   ISPRA   MOG   OT24   RSPP   acqua   acustica   agenti biologici   agenti cancerogeni   agenti chimici   agenti fisici   aia   albo gestori ambientali   ambiente   amianto   aria   atex   atmosfere esplosive   attrezzature di lavoro   aua   audit   bonifiche   burn out   cantieri   cem   certificazioni iso   clp   codici cer   comunicazione   controlli   ctd   danno ambientale   dpi   due diligence   ecologia   edilizia   emergenze   emissioni   energia   ergonomia   f-gas   finanziamenti   formazione   gas effetto serra   imballaggi   impianti   inail   incidente rilevante   infortunio   inquinamento   interpelli   lavoro notturno   legionella   linee guida   luoghi di lavoro   macchine   malattia professionale   manuale   manutenzione   marcatura ce   medico competente   microclima   mmc   modulistica   mud   normativa   prevenzione incendi   primo soccorso   privacy   provincia   qualità   radiazioni ionizzanti   reach   registro infortuni   responsabilità 231   rifiuti   rls   roa   rumore   salute   segnaletica   sentenza   sicurezza   sistemi di gestione   sistri   sorveglianza sanitaria   sostanze pericolose   spazi confinati   stress   terre e rocce da scavo   trasporti   valutazione dei rischi   vas   vdt   verifiche periodiche   via   vibrazioni  

Area Riservata

 Ven 7 Set 2018

VIOLENZA SUL LUOGO DI LAVORO: UN’INFOGRAFICA EU-OSHA

  sicurezza , stress , valutazione dei rischi

Immagine

Quello di violenza e aggressioni costituisce un tema emergente nell’ambito della sicurezza sul lavoro.

In particolare tali fenomeni possono andare ad influire in modo sostanziale sul rischio da Stress lavoro correlato, altro tema caldo in ambito aziendale e tenuto sempre più in considerazione per creare ambienti di lavoro idonei.

Un’infografica pubblicata da EU-OSHA va ad affrontare l’argomento mostrandone i dati salienti, spiegando i concetti ed evidenziando l'esigenza di considerare la questione con grande serietà. (https://osha.europa.eu/it/tools-and-publications/infographics/third-party-violence-workplace )

I fenomeni di violenza, siano essa in forma verbale o fisica, avvengono soprattutto a causa della presenza di interferenze di persone esterne (clienti, pazienti, studenti, ecc. . .) che accedono a vario titolo negli ambienti di lavoro.

E’ dunque possibile individuare settori e attività professionali, unitamente a tipologie di lavoratori, maggiormente esposti al rischio aggressione poiché aventi un contatto maggiore con questi “terzi”.

Nello specifico:

- Settori: servizi (in particolare sanità), trasporti, commercio, ristorazione, finanziario; istruzione, recupero del credito, esercizio dello sportello clienti;

- Attività: gestione del denaro o beni di valore, distribuzione o gestione di farmaci dal notevole valore economico, assistenza pazienti aggressivi e/o interessati da problematiche mentali, frequenti rapporti con l’utenza (specie se trattasi di utenza sottoposta a stress per varie cause quali le lunghe attese), lavori di ispezione, controllo o esercizio di pubblica autorità;

- Tipologia del lavoratore: lavoratori di sesso femminile, portatori di disabilità o che operano da soli o in contesti isolati, operatori non idoneamente formati dal punto di vista professionale.

Le conseguenze per chi ha subito aggressioni fisico/verbali variano notevolmente a seconda dell’individuo e della sua sensibilità: dalla demotivazione allo svilimento del lavoro svolto, dallo stress ai danni alla salute fisica o psicologica, fino ad arrivare a sintomi post traumatici come paure, fobie e disturbi del sonno.

Tutto questo ha inevitabilmente ripercussioni sull’organizzazione, sia in termini di perdita della produttività sia in termini di assenteismo e difficoltà di assunzione.

Appare, quindi, evidente come un’attenta valutazione del rischio e l’adozione di misure preventive siano strumenti fondamentali per la riduzione del rischio alla fonte e per far sì che esso non diventi causa di stress o burn-out lavorativo.

Questo è possibile agendo sull’organizzazione tramite:

- La regolare rimozione del contante e degli oggetti di valore;

- L’ uso di alternative diverse dal denaro contante;

- La gestione e uso di sistemi elimina code;

- Organici adeguati;

- Orari d'apertura adatti ai clienti;

- Il controllo delle credenziali dei visitatori;

- Staff di accompagnamento per gli esterni;

- ecc. . .

Oppure agendo sulla struttura degli ambienti di lavoro:

- Avvalendosi di sistemi di videosorveglianza;

- Eliminando anfratti o zone poco illuminate;

- Studiando eventuali vie di fuga;

- Utilizzando codici di accesso, allarmi, serrature per evitare l’ingresso di estranei alle zone di lavoro.

Di fondamentale importanza è poi l’adozione di misure informative e di formazione per i lavoratori al fine di:

- Riconoscere i comportamenti inaccettabili e i segnali precoci di aggressività;

- Imparare strategie per gestire le situazioni difficili con i clienti;

- Saper seguire le procedure istituite per tutelare i dipendenti (ad esempio applicare le istruzioni di sicurezza, garantire comunicazioni adeguate, intervenire per contenere l'aggressione, individuare i clienti con precedenti di violenza);

- Imparare a gestire lo stress insito nella situazione per controllare le reazioni emotive.

Per una visione più completa, si rimanda inoltre al FACTSHEET n°24 (https://osha.europa.eu/it/tools-and-publications/publications/factsheets/24 ), specifico sulla “Violenza sul lavoro” , nel quale sono riportate istruzioni sulle forme di sostegno da prevedere e mettere a disposizione della vittima nel caso di episodi di violenza che si siano già verificati.





A cura di: Dott.ssa Elena RICHERI


ECOLAV Service S.r.l. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l' utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento