logo

In Evidenza

  • CORSO DI AGGIORNAMENTO PER RLS – 4 DICEMBRE

    Approfondisci
  • PUBBLICATO IL CALENDARIO DELLA FORMAZIONE IN AULA PER L'ANNO 2017

    Approfondisci
           

La frase del mese

Se ti trovi ad affrontare un problema, i casi sono due:
- il problema è risolvibile e quindi non ha senso preoccuparsi
oppure
- il problema NON è risolvibile e quindi perché ti affanni?
TAKE IT EASY. . .

- Approccio ai problemi - Anonimo su web

La foto del mese

Uso improprio? Sul manuale non era scritto che non si potevano tagliare le siepi. . .

I nostri Corsi

Organizziamo corsi in aula e online per la tua azienda. I corsi E-learning sono fruibili da qualsiasi dispositivo...

IL QUIZ DEL MESE: CONOSCI LA SICUREZZA?

Mettiti alla prova con 4 livelli di difficoltà per verificare le tue conoscenze...

PARTNER - SITI AMICI

Scopri i nostri partner

Manualistica

Vedi Manuali disponibili

Area Riservata

 Ven 9 Giu 2017

VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI (VVF) INCARICATI COME ADDETTI PREVENZIONE INCENDI: SONO ESONERATI DAI CORSI FORMATIVI?

  formazione , prevenzione incendi

Immagine

Ai sensi del D.Lgs. 81/08 il datore di lavoro ha l’onere di organizzare le squadre di prevenzione incendi e di primo soccorso individuando i soggetti ed sottoponendoli ai specifici percorsi formativi.

In particolare per il corso di addetti alla prevenzione incendi il D.M. 10 marzo 1998 definisce la necessità di sottoporre il personale ai percorsi formativi di durata variabile in base all’entità di rischio incendio presente (4 ore per le aziende a rischio basso, 8 per le aziende a rischio medio e 16 per le aziende a rischio elevato).

Il D.Lgs. 81/08 cita, come riferimento per gli aspetti formativi a riguardo, il D.M. 10 marzo 1998, senza indicare direttamente eventuali esoneri (come, ad esempio, il personale Vigili del Fuoco volontario).

Ci si è trovati quindi in una situazione in cui un Vigili del Fuoco volontario attivo non poteva, nonostante le ovvie capacità acquisite, documentare prove la sua formazione ai sensi della vigente normativa sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

Al fine di riempire tale vuoto normativo il Ministero dell’Interno, con nota 6059 del 3-05-2016 ha chiarito che, verificati i programmi dei corsi di formazione per gli addetti nelle aziende a rischio incendio elevato individuati dal D.M. 10 marzo 1998 e i programmi di formazione iniziale e di addestramento periodico dei Vigili del Fuoco Volontari e altresì tenuto conto della specifica qualificazione di tale personale volontario, questi potranno richiedere, il rilascio dell’attestazione di idoneità per le attività a “rischio elevato”.

Al fine di poter ricevere tale attestazione è necessario che i Vigili del Fuoco Volontari siano in possesso dei seguenti requisiti:

- essere iscritti negli elenchi di cui all’art. 6 del D.Lgs. n. 139/2006;

- di aver superato il corso di addestramento iniziale;

- per il personale “discontinuo”, aver compiuto almeno un periodo di richiamo in servizio nell’ultimo quinquennio;

- per il personale volontario che presta servizio presso i distaccamenti volontari, aver effettuato non meno di 10 interventi o, in alternativa, non meno di 10 turni di servizio nell’ultimo quinquennio.

Per ricevere l’attestazione è necessario presentare istanza al Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco presso cui si è iscritti in elenco allegando autodichiarazione, resa ai sensi del D.P.R. n. 445/2000, del possesso dei requisiti previsti, con indicazione dei periodi di servizio prestati.

Si chiarisce che, l’acquisizione dell’attestazione di idoneità per le attività a “rischio elevato” è da ritenersi superiore e quindi adeguata anche per svolgere il ruolo di addetto prevenzione incendi presso aziende con attività a rischio basso e medio.

Permane in ogni caso l’obbligo, a carico del Datore di Lavoro, l’obbligo di informazione sulle specifiche procedure di emergenza adottate nell’attività lavorativa nonché gli obblighi previsti dal D.Lgs. 81/08.

Si allega alla presente ODG 33-2016 del Comando Provinciale Vigili di Macerata e relativa Nota 6059 del 3-05-2016 del Ministero dell’Interno.





A cura di: Dott. Mag. Marco CARENA 


ALLEGATI
  Allegato: ODG 33-2016

ECOLAV Service S.r.l. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l' utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento