logo

In Evidenza

  • CORSO DI FORMAZIONE PER AUDITOR INTERNO DI SISTEMI DI GESTIONE (in collaborazione con BUREAU VERITAS) – 11 E 18 FEBBRAIO

    Approfondisci
  • PUBBLICATO IL CALENDARIO DELLA FORMAZIONE IN AULA PER L'ANNO 2019

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE LAVORATORI (FORMAZIONE GENERALE E SPECIFICA) – 12/13/14 DICEMBRE

    Approfondisci
           

La foto del mese

Auguri di buon Natale e di un sereno 2019

La frase del mese

Non ho voglia di tuffarmi
in un gomitolo di strade
Ho tanta stanchezza
sulle spalle
Lasciatemi cosi
come una cosa posata
in un angolo
e dimenticata
Qui non si sente altro
che il caldo buono
Sto con le quattro
capriole di fumo
del focolare

- Natale (Giuseppe Ungaretti)

I nostri Corsi

Organizziamo corsi in aula e online per la tua azienda. I corsi E-learning sono fruibili da qualsiasi dispositivo...

IL QUIZ DEL MESE: DI AMBIENTE COSA NE SAI?

Mettiti alla prova con 4 livelli di difficoltà per verificare le tue conoscenze...

PARTNER - SITI AMICI

Scopri i nostri partner

Manualistica

Vedi Manuali disponibili

Cerca con i Tags

ARPA   CIT   CPI   ISPRA   MOG   OT24   RSPP   acqua   acustica   agenti biologici   agenti cancerogeni   agenti chimici   agenti fisici   aia   albo gestori ambientali   ambiente   amianto   aria   atex   atmosfere esplosive   attrezzature di lavoro   aua   audit   bonifiche   burn out   cantieri   cem   certificazioni iso   clp   codici cer   comunicazione   controlli   ctd   danno ambientale   datore di lavoro   dpi   due diligence   ecologia   edilizia   emergenze   emissioni   energia   ergonomia   f-gas   finanziamenti   formazione   gas effetto serra   imballaggi   impianti   inail   incidente rilevante   infortunio   inquinamento   interpelli   lavoro notturno   legionella   linee guida   luoghi di lavoro   macchine   malattia professionale   manuale   manutenzione   marcatura ce   medico competente   microclima   mmc   modulistica   mud   normativa   prevenzione incendi   primo soccorso   privacy   provincia   qualità   radiazioni ionizzanti   reach   registro infortuni   responsabilità   rifiuti   rls   roa   rumore   salute   segnaletica   sentenza   sicurezza   sistemi di gestione   sistri   sorveglianza sanitaria   sostanze pericolose   spazi confinati   stress   terre e rocce da scavo   trasporti   valutazione dei rischi   vas   vdt   verifiche periodiche   via   vibrazioni  

Area Riservata

 Mer 1 Ago 2018

UNI EN ISO 14738: REQUISITI ANTROPOMETRICI PER LA PROGETTAZIONE DI POSTAZIONI DI LAVORO SUL MACCHINARIO

  ergonomia

Immagine

Questo standard tecnico definisce sostanzialmente una procedura ed i parametri dimensionali al fine della progettazione di posti di lavoro (inclusi quelli industriali), tenendo conto delle caratteristiche dei compiti e dei parametri antropometrici di riferimento.

Preliminarmente occorre evidenziare che una serie di norme tecniche (in evidenza le seguenti: EN 547, parti 1-2-3; ISO EN 7250) identifica i criteri di misurazione e le significative misure umane per la determinazione delle dimensioni dei posti di lavoro.

I dati sono basati su parametri ricavati da gruppi significativi di popolazione, di ambo i generi, a livello europeo. Ad esempio, i dati antropometrici forniti dalle diverse norme, sono riferibili a (elenco non esaustivo):

Larghezza delle spalle

Larghezza dei fianchi, in posizione seduta

Lunghezza di presa in grip, anteriore (braccio disteso)

Profondità addome/natiche, in posizione seduta

Spessore coscia, in posizione seduta

Lunghezza natiche-ginocchia, in posizione seduta

Lunghezza del piede

Altezza delle spalle, in posizione seduta

Altezza dal ginocchio a terra, in posizione seduta

Lunghezza di presa dell’avambraccio

Lunghezza di presa del braccio


Lo standard UNI EN ISO 14738 definisce preliminarmente la necessità di tenere conto, in fase di progettazione, di una serie di caratteristiche fondamentali del compito, fra le quali:

Durata del lavoro sul macchinario

Dimensioni dell’area di lavoro

Dimensioni degli oggetti da manipolare

Richiesta di forza

Azioni richieste (per esempio, per l’alimentazione del macchinario o la rimozione di elementi dallo stesso)

Misurazioni dinamiche del corpo

Richiesta di coordinazione

Richiesta di stabilità

Esigenze visive

Necessità di comunicazione

Frequenza e durata dei movimenti di corpo, testa e arti

Necessità di spostarsi fra le postazioni di lavoro

La possibilità di adizione di posture differenti


In relazione alle suddette caratteristiche operative, ed utilizzando un vero e proprio metodo di analisi, si crea la necessità di determinare la postura principale, fra assisa, assisa sollevata, eretta con supporto, eretta, considerando i seguenti principi:

La progettazione della macchina, del posto di lavoro, del compito e dell’attrezzatura, deve incoraggiare una certa quantità di movimento e di cambio di postura

La progettazione dovrebbe inoltre consentire all'operatore di alternare liberamente la postura eretta a quella assisa durante la giornata di lavoro

Quando il progettista sceglie la postura di lavoro principale, generalmente deve preferire quella assisa

Le posture erette sono meno consigliate.

Le posture inginocchiate, carponi e prone dovrebbero essere evitate come posture di lavoro


Di ogni postura principale vengono delineati i vantaggi e gli svantaggi. Inoltre vengono forniti, attraverso apposite tavole, dettagli relativi agli aspetti dimensionali e funzionali, basati su dati antropometrici. Questi ultimi traggono origine dalle misurazioni statiche delle persone nude e non tengono conto dei movimenti di corpo, indumenti, attrezzature, condizioni operative del macchinario o condizioni ambientali. Essi tendono a garantire le dimensioni e le capacità funzionali di almeno il 90% del campione di popolazione preso a riferimento.

Relativamente alla postura assisa, vengono forniti dettagli inerenti i seguenti aspetti:

la disposizione ottimale degli oggetti di lavoro in funzione degli angoli visivi orizzontali e verticali (preferenziali)

le altezze preferenziali della superficie di lavoro

le caratteristiche del sedile

le aree operative al di sopra della superficie di lavoro, per il raggiungimento degli oggetti con gli arti superiori

lo spazio per l’alloggiamento degli arti inferiori


Per le posizioni assise con sedile assiso/eretto (es. sedili cosiddetti “regginpiedi”), oltre ai parametri su indicati, sono anche considerati:

le caratteristiche dello spazio per gli arti inferiori nei piani di lavoro regolabili e non regolabili

il rapporto fra banco di lavoro e sedile regginpiedi

le caratteristiche del sedile regginpiedi






A cura di: PI Marco ANTONIELLI


Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.