logo

La foto del mese

Migliorare le condizioni di lavoro concedendo pause libere. . .

La frase del mese

Non chiederti cosa il tuo paese può fare per te, ma chiediti che cosa tu puoi fare per il tuo paese

- John Fitzgerald Kennedy

In Evidenza

  • CORSO PER AUDITOR DI PARTE TERZA DI SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA (in collaborazione con RICEC) – 28 MARZO, 08 E 09 APRILE

    Approfondisci
  • CORSI DI AGGIORNAMENTO PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI PLE – 09 APRILE

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE LAVORATORI (FORMAZIONE GENERALE E SPECIFICA) – 04/05 APRILE

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE ADDETTI E TECNICI RIMOZIONE, BONIFICA E SMALTIMENTO MATERIALI CONTENENTI AMIANTO – A PARTIRE DAL 12 APRILE

    Approfondisci
  • CORSO PER ADDETTI ESPOSTI AL RISCHIO ELETTRICO – QUALIFICA PES, PAV E PEI – 01/02 APRILE

    Approfondisci
  • CORSI AGGIORNAMENTO PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI CARRELLI INDUSTRIALI – 09 APRILE

    Approfondisci
  • CORSO DI AGGIORNAMENTO PER ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO – 27 MARZO

    Approfondisci
  • CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO - A - B - C – 25 E 26 MARZO

    Approfondisci
  • PUBBLICATO IL CALENDARIO DELLA FORMAZIONE IN AULA PER L'ANNO 2019

    Approfondisci
           

I nostri Corsi

Organizziamo corsi in aula e online per la tua azienda. I corsi E-learning sono fruibili da qualsiasi dispositivo...

IL QUIZ DEL MESE: CONOSCI LA SICUREZZA?

Mettiti alla prova con 4 livelli di difficoltà per verificare le tue conoscenze...

PARTNER - SITI AMICI

Scopri i nostri partner

Manualistica

Vedi Manuali disponibili

Cerca con i Tags

ARPA   CIT   CPI   ISPRA   MOG   OT24   RSPP   acqua   acustica   agenti biologici   agenti cancerogeni   agenti chimici   agenti fisici   aia   albo gestori ambientali   ambiente   amianto   aria   atex   atmosfere esplosive   attrezzature di lavoro   aua   audit   bonifiche   burn out   cantieri   cem   certificazioni iso   clp   codici cer   comunicazione   controlli   ctd   danno ambientale   datore di lavoro   dpi   due diligence   ecologia   edilizia   emergenze   emissioni   energia   ergonomia   f-gas   finanziamenti   formazione   gas effetto serra   imballaggi   impianti   inail   incidente rilevante   infortunio   inquinamento   interpelli   lavoro notturno   legionella   linee guida   luoghi di lavoro   macchine   malattia professionale   manuale   manutenzione   marcatura ce   medico competente   microclima   mmc   modulistica   mud   normativa   prevenzione incendi   primo soccorso   privacy   provincia   qualità   radiazioni ionizzanti   reach   registro infortuni   responsabilità   rifiuti   rls   roa   rumore   salute   segnaletica   sentenza   sicurezza   sistemi di gestione   sistri   sorveglianza sanitaria   sostanze pericolose   spazi confinati   stress   terre e rocce da scavo   trasporti   valutazione dei rischi   vas   vdt   verifiche periodiche   via   vibrazioni  

Area Riservata

 Lun 5 Nov 2018

TERRE E ROCCE DA SCAVO: OMISSIONE DELLA DICHIARAZIONE DI AVVENUTO UTILIZZO (DAU)

  ambiente , terre e rocce da scavo

Immagine

Il Ministero dell’Ambiente, con nota n. 12021 del 19/07/2018 (cfr. allegato), ha fornito risposta ad un quesito, posto da un’amministrazione provinciale, in merito alla cessazione della qualifica di sottoprodotto, con conseguente “riassunzione” (o assunzione ex novo) di quella di rifiuto, di terre e rocce da scavo per le quali sia stata omessa nei termini previsti la dichiarazione di avvenuto utilizzo (Dau).

In sostanza, nel momento stesso in cui si rileva la scadenza del termine per la presentazione della dichiarazione di avvenuto utilizzo (Dau), si verifica la cessazione della qualifica di sottoprodotto del materiale; da tale momento questo deve essere considerato a tutti gli effetti un rifiuto.

Quali effetti pratici ne derivano? Il produttore/proponente (in ogni caso, il soggetto che mette in atto quanto contenuto nel Piano di Utilizzo o nella Dichiarazione) deve dimostrare che tali materiali, qualora già riutilizzati (ossia già riposti a dimora in opere edili o di interventi a carattere ambientale) non sono contaminati e non possono quindi arrecare alcun danno alle matrici suolo e acque sotterranee sulle quali insistono; a tal fine procede con l’esecuzione di test di cessione (ex DM 5 febbraio 1998) e verifica della conformità alle concentrazioni soglia di contaminazione CSC per le acque sotterranee (ex Tab. 2, Allegato 5 al Titolo 5 della Parte IV del D.lgs. n. 152/2006).

Per il materiale che, alla data di scadenza del Piano di Utilizzo o della Dichiarazione, risultasse in deposito e non ancora riutilizzato, si dovrà procedere ad una gestione come rifiuto.





A cura di: Dott. Marco ABRATE


ALLEGATI
  Allegato: Parere Ministero dell’Ambiente n. 12021 del 19/07/2018

Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.