logo

In Evidenza

  • CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI ESCAVATORI, PALE CARICATRICI FRONTALI, TERNE – 20 LUGLIO

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE ADDETTI E TECNICI RIMOZIONE, BONIFICA E SMALTIMENTO MATERIALI CONTENENTI AMIANTO – A PARTIRE DAL 30 OTTOBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI PLE – 25/26 OTTOBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI AGGIORNAMENTO PREPOSTI – 24 OTTOBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI AGGIORNAMENTO PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI PLE – 23 OTTOBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI CARRELLI INDUSTRIALI – 23 OTTOBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI AGGIORNAMENTO PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI GRU PER AUTOCARRO – 26 LUGLIO

    Approfondisci
  • CORSO DI FORMAZIONE PREPOSTI – 18 OTTOBRE

    Approfondisci
  • PUBBLICATO IL CALENDARIO DELLA FORMAZIONE IN AULA PER L'ANNO 2018

    Approfondisci
           

La foto del mese

L'estate sta finendo. . . speriamo in un autunno migliore. Un pensiero alle vittime di Genova.

La frase del mese

Le statistiche dicono che tutte le volte che un uomo respira una persona muore. Bisogna trovare quell'uomo e fare qualcosa per il suo alito. . .

- Anonimo

I nostri Corsi

Organizziamo corsi in aula e online per la tua azienda. I corsi E-learning sono fruibili da qualsiasi dispositivo...

IL QUIZ DEL MESE: DI AMBIENTE COSA NE SAI?

Mettiti alla prova con 4 livelli di difficoltà per verificare le tue conoscenze...

PARTNER - SITI AMICI

Scopri i nostri partner

Manualistica

Vedi Manuali disponibili

Cerca con i Tags

ARPA   CIT   CPI   ISPRA   MOG   OT24   RSPP   acqua   acustica   agenti biologici   agenti cancerogeni   agenti chimici   agenti fisici   aia   albo gestori ambientali   ambiente   amianto   aria   atex   atmosfere esplosive   attrezzature di lavoro   aua   audit   bonifiche   burn out   cantieri   cem   certificazioni iso   clp   codici cer   comunicazione   controlli   ctd   danno ambientale   datore di lavoro   dpi   due diligence   ecologia   edilizia   emergenze   emissioni   energia   ergonomia   f-gas   finanziamenti   formazione   gas effetto serra   imballaggi   impianti   inail   incidente rilevante   infortunio   inquinamento   interpelli   lavoro notturno   legionella   linee guida   luoghi di lavoro   macchine   malattia professionale   manuale   manutenzione   marcatura ce   medico competente   microclima   mmc   modulistica   mud   normativa   prevenzione incendi   primo soccorso   privacy   provincia   qualità   radiazioni ionizzanti   reach   registro infortuni   responsabilità   rifiuti   rls   roa   rumore   salute   segnaletica   sentenza   sicurezza   sistemi di gestione   sistri   sorveglianza sanitaria   sostanze pericolose   spazi confinati   stress   terre e rocce da scavo   trasporti   valutazione dei rischi   vas   vdt   verifiche periodiche   via   vibrazioni  

Area Riservata

 Gio 28 Gen 2016

STRESS SUL LAVORO: UN UTILE STRUMENTO PER MONITORARLO E COMBATTERLO

  stress

Immagine

Il benessere sul posto di lavoro è una questione assai articolata che non si può semplicemente ridurre all’assenza di malattie; d’altra parte, la salute fisica, psichica e sociale dei lavoratori non è assicurata solamente dall’assenza di stress lavoro-correlato, ma anche dalla presenza di fattori positivi che alimentino la motivazione nei lavoratori.

A porre in luce questo aspetto è Stressnostress.ch, uno strumento pratico gestito su incarico della SECO, della Suva e della fondazione Promozione Salute Svizzera per la gestione dello stress e dei rischi psicosociali elaborato in Svizzera e utilizzabile anche in lingua italiana; un tool informativo che in relazione allo stress contiene indicazioni, misure di riduzione e check-list ( per lavoratori e dirigenti) ed è stato proposto sul sito della campagna europea EU-OSHA 2014/2015 “Insieme per la prevenzione e la gestione dello stress lavoro correlati”.

Partendo da interessanti riflessioni di natura economica sui costi dello stress in azienda (in Svizzera si stimano 4,2 miliardi di franchi all’anno), sulle cause scatenanti e sulle conseguenze su produttività ed infortuni, viene poi presentato un vero e proprio piano d’attacco per affrontare efficacemente il problema.

Le misure presentate su Stressnostress.ch hanno essenzialmente due obiettivi:

- da un lato devono servire a diminuire ed evitare lo stress sul posto di lavoro con le sue ripercussioni negative, evitando le situazioni permanenti di sollecitazione eccessiva o insufficiente, riducendo i processi negativi nell’ambito della collaborazione e nella direzione e ottimizzando le condizioni esterne di lavoro;

- d’altra parte, però, si devono anche potenziare e sviluppare fattori come margine di manovra nello svolgimento dell’attività, responsabilità personale, possibilità di partecipare alle decisioni, clima di lavoro positivo e possibilità di apprendimento e di sviluppo. Benessere personale, soddisfazione e piacere al lavoro permettono ai collaboratori di affrontare meglio e più semplicemente improvvise situazioni impegnative che dovessero sorgere per un breve lasso di tempo e quindi trovarsi anche meno rapidamente in una situazione di stress negativo.

Dal punto di vista aziendale, viene proposto uno Stress-check di indagine per i dirigenti, accorgimenti per riconoscere i sintomi di stress e linee guida per impostare un programma di miglioramento. Viene inoltre incoraggiata la ricerca delle cause di disagio, in modo da evitare che si ripetano nel tempo, ma soprattutto si invita alla riflessione sugli obiettivi da raggiungere, ossia sulla situazione ideale a cui l’azienda vorrebbe arrivare. Tutto questo viene presentato e descritto in modo esaustivo, leggero e semplice, risultando più fruibile, immediato e meno noioso rispetto ai classici strumenti di indagine.

Tuttavia, la vera particolarità della piattaforma consiste nel coinvolgere direttamente il lavoratore, fornendo un valido aiuto all’individuo che voglia valutare autonomamente il proprio livello di stress tramite una check-list che prenda ad esame tanto l’ambiente lavorativo quanto la vita privata della persona.

Il secondo step è poi quello di suggerire all’utente una strategia di riduzione del disagio comprendente, ove necessario, il supporto psicologico e medico di un esperto ma soprattutto, in primis, un semplice programma antistress quotidiano personale.

Dal sito:

- “metto la sveglia 10 minuti prima, mi alzo tranquillamente, saluto positivamente la nuova giornata;

- faccio la mia ginnastica mattutina, mi muovo, elimino le tensioni;

- faccio sempre una sola cosa alla volta;

- vado a piedi quando devo passare da un piano all’altro (niente ascensore!);

- nel corso della giornata faccio 2 ‘pause passeggiata’, anche se c’è tanto da fare;

- seguo una buona ‘alimentazione cerebrale’” (c’è un elenco di alimenti nel capitolo “Forma fisica” del sito);

- “faccio attenzione ai segnali di stress per poterne determinarne per tempo le cause” (“prima di avvenimenti importanti”);

- “ogni giorno mi offro qualche cosa che mi faccia piacere”;

- mi annoto “le esperienze positive e le apprezzo (e non mi concentro sugli avvenimenti negativi);

- concludo la mia giornata di lavoro ‘congedandomi’ in modo formale dai compiti ancora in corso e dai problemi: li ‘depongo’ (li ritroverò domani!)”.

Con un approccio fruibile e semplice, questo strumento online può dunque affiancarsi alla metodologia standard per fornire un valido supporto nell’affrontare la situazione di stress aziendale, facendo nascere la consapevolezza della sua importanza, ma anche della sua risolvibilità, sia nel dirigente che nel lavoratore.





A cura di: Dott.ssa Elena RICHERI


ECOLAV Service S.r.l. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l' utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento