logo

In Evidenza

  • CORSI DI FORMAZIONE PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI CARRELLI INDUSTRIALI – 24 e 25 SETTEMBRE

    Approfondisci
           

La foto del mese

Chi sei? COVID19. Cosa fai lì tutto solo? Mi sono autoisolato: non si trovano più mascherine e non vorrei contagiarmi. . .

La frase del mese

Prima di parlare domandati se ciò che dirai corrisponde a verità, se non provoca male a qualcuno, se è utile, ed infine se vale la pena turbare il silenzio per dire ciò che vuoi dire.

- Il silenzio è d'oro - Buddha

I nostri Corsi

Organizziamo corsi in aula e online per la tua azienda. I corsi E-learning sono fruibili da qualsiasi dispositivo...

IL QUIZ DEL MESE: CONOSCI LA SICUREZZA?

Mettiti alla prova con 4 livelli di difficoltà per verificare le tue conoscenze...

PARTNER - SITI AMICI

Scopri i nostri partner

Manualistica

Vedi Manuali disponibili

Cerca con i Tags

ARPA   BAT   CIT   COVID-19   CPI   GSE   ISPRA   MOG   OT24   RSPP   acqua   acustica   agenti biologici   agenti cancerogeni   agenti chimici   agenti fisici   aia   albo gestori ambientali   ambiente   amianto   aria   atex   atmosfere esplosive   attrezzature di lavoro   aua   audit   bonifiche   burn out   cantieri   cem   certificazioni iso   circolare   clima   clp   codici cer   comunicazione   controlli   ctd   danno ambientale   datore di lavoro   dpi   due diligence   ecologia   edilizia   emergenze   emissioni   energia   ergonomia   età   f-gas   finanziamenti   formazione   fotovoltaico   gas effetto serra   imballaggi   impianti   inail   incidente rilevante   infortunio   inquinamento   interpelli   lavori in quota   lavoro agile   lavoro notturno   legionella   linee guida   luoghi di lavoro   macchine   malattia professionale   manuale   manutenzione   marcatura ce   medico competente   microclima   mmc   modulistica   mud   normativa   norme tecniche   prevenzione   prevenzione incendi   primo soccorso   privacy   procedura   provincia   qualità   radiazioni ionizzanti   reach   registro infortuni   responsabilità   rifiuti   rls   roa   rumore   salute   segnaletica   sentenza   sicurezza   sistemi di gestione   sistri   smartworking   sorveglianza sanitaria   sostanze pericolose   spazi confinati   stress   terre e rocce da scavo   trasporti   valutazione dei rischi   vas   vdt   verifiche periodiche   via   vibrazioni   vigili del fuoco  

Area Riservata

 Ven 9 Set 2016

STRESS E RISCHI PSICOSOCIALI - SETTORE ISTRUZIONE

  stress , valutazione dei rischi

Immagine

A pochi giorni dall’inizio del nuovo anno scolastico, la Regione Lombardia, insieme ad Inail e nell’ambito del progetto CCM 2013 del Ministero della Salute, ha prodotto alcune schede sul tema dello Stress lavoro-correlato e dei rischi psico-sociali in nove diversi settori di attività, tra cui quello dell’istruzione.

Come riportato nel testo del documento:

“La letteratura scientifica internazionale ha evidenziato come il settore dell’Istruzione sia particolarmente interessato dal fenomeno del rischio da stress lavoro-correlato e dai fattori di rischio psicosociale.”

Più precisamente, la categoria degli insegnanti, a causa di particolari fattori stressogeni legati all’attività professionale, è soggetta a rischio per la sindrome del burnout.

Tale condizione è caratterizzata da:

- affaticamento fisico ed emotivo;

- atteggiamento distaccato e apatico nei rapporti interpersonali;

- sentimento di frustrazione per mancata realizzazione delle proprie aspettative.

Nella sola Italia:

- quasi un milione d’insegnanti per l’alto rischio professionale di sviluppare una patologia psichiatrica rispetto ad altre categorie di lavoratori;

- più di otto milioni di studenti con le rispettive famiglie a rischio di fruire di un servizio inefficiente per assenze e demotivazione del personale docente

- le istituzioni che si trovano ad affrontare le conseguenze socio-economiche date da un sistema scolastico inefficiente (per la demotivazione e l’assenteismo della classe docente), un aumento dei costi (per supplenze, giorni di malattia da retribuire, pensioni d’inabilità, equo indennizzo, assistenza sanitaria), risultati educativi e culturali insoddisfacenti;

- le parti sociali che hanno come mandato fondamentale quello di tutelare i diritti dei lavoratori;

- le associazioni di categoria degli insegnanti, degli studenti, delle famiglie chiamate a tutelare i rispettivi diritti e interessi.

La natura delle cause scatenanti burnout e stress professionale nell’istruzione può essere ricondotta ad alcuni fattori riguardanti nello specifico:

- la peculiarità della professione (rapporto con studenti e genitori, classi numerose, situazione di precariato, conflittualità tra colleghi, costante necessità di aggiornamento),

- la trasformazione della società verso uno stile di vita sempre più multietnico e multiculturale (crescita del numero di studenti extracomunitari),

- il continuo evolversi della percezione dei valori sociali (inserimento di alunni disabili nelle classi, delega educativa da parte della famiglia a fronte dell’assenza di genitori-lavoratori o di famiglie monoparentali),

- l’evoluzione scientifica (internet e informatica),

- il susseguirsi continuo di riforme (autonomia scolastica, innalzamento della scuola dell’obbligo, ingresso nel mondo della scuola anticipato all’età di cinque anni e mezzo),

- la maggior partecipazione degli studenti alle decisioni e conseguente livellamento dei ruoli con i docenti,

- il passaggio critico dall’individualismo al lavoro in équipe,

- l’inadeguato ruolo istituzionale attribuito/riconosciuto alla professione (retribuzione insoddisfacente, scarsa considerazione da parte dell’opinione pubblica, etc.)

Nella scheda (cfr. allegato) si procede all’approfondimento delle cause scatenanti lo stress lavoro correlato e si propongono, per ognuna di esse, alcune misure correttive di carattere generale utili alla prevenzione e/o riduzione di questo grave problema, spesso preso troppo alla leggera o ignorato.



A cura di: Dott.ssa Elena RICHERI


ALLEGATI
  Allegato:

Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.