logo

La foto del mese

Eppure il geometra mi ha detto di aver preso le misure tre volte. . .

La frase del mese

La follia sta nel fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi.

- Albert EINSTEIN

In Evidenza

  • CORSI DI FORMAZIONE PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI CARRELLI ELEVATORI – 26 E 27 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI FORMAZIONE DL/RSPP – A PARTIRE DAL 23 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI AGGIORNAMENTO PER ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO – 20 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE RESPONSABILI E REDATTORI PIANI DI MANUTENZIONE E CONTROLLO DI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO – 16-23-30 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE LAVORATORI (FORMAZIONE GENERALE E SPECIFICA) – 12/13 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI AGGIORNAMENTO FORMAZIONE LAVORATORI – 17 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO - A - B - C – 18 E 19 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • PUBBLICATO IL CALENDARIO DELLA FORMAZIONE IN AULA PER L'ANNO 2019

    Approfondisci
           

I nostri Corsi

Organizziamo corsi in aula e online per la tua azienda. I corsi E-learning sono fruibili da qualsiasi dispositivo...

IL QUIZ DEL MESE: CONOSCI LA SICUREZZA?

Mettiti alla prova con 4 livelli di difficoltà per verificare le tue conoscenze...

PARTNER - SITI AMICI

Scopri i nostri partner

Manualistica

Vedi Manuali disponibili

Cerca con i Tags

ARPA   CIT   CPI   ISPRA   MOG   OT24   RSPP   acqua   acustica   agenti biologici   agenti cancerogeni   agenti chimici   agenti fisici   aia   albo gestori ambientali   ambiente   amianto   aria   atex   atmosfere esplosive   attrezzature di lavoro   aua   audit   bonifiche   burn out   cantieri   cem   certificazioni iso   clp   codici cer   comunicazione   controlli   ctd   danno ambientale   datore di lavoro   dpi   due diligence   ecologia   edilizia   emergenze   emissioni   energia   ergonomia   f-gas   finanziamenti   formazione   gas effetto serra   imballaggi   impianti   inail   incidente rilevante   infortunio   inquinamento   interpelli   lavori in quota   lavoro notturno   legionella   linee guida   luoghi di lavoro   macchine   malattia professionale   manuale   manutenzione   marcatura ce   medico competente   microclima   mmc   modulistica   mud   normativa   prevenzione incendi   primo soccorso   privacy   provincia   qualità   radiazioni ionizzanti   reach   registro infortuni   responsabilità   rifiuti   rls   roa   rumore   salute   segnaletica   sentenza   sicurezza   sistemi di gestione   sistri   sorveglianza sanitaria   sostanze pericolose   spazi confinati   stress   terre e rocce da scavo   trasporti   valutazione dei rischi   vas   vdt   verifiche periodiche   via   vibrazioni  

Area Riservata

 Ven 9 Ago 2019

SISTEMA DI SORVEGLIANZA DEGLI INFORTUNI MORTALI E GRAVI SUL LAVORO: I LAVORATORI ANZIANI

  inail , infortunio , valutazione dei rischi

SISTEMA DI SORVEGLIANZA DEGLI INFORTUNI MORTALI E GRAVI SUL LAVORO: I LAVORATORI ANZIANI

A conferma del progressivo invecchiamento della popolazione, nella UE15 si stima che nel 2025 i lavoratori di età tra 50 e 64 anni saranno il 35%, pari al doppio dei minori di 25 anni, ponendo problemi di sostenibilità economica, anche dal punto di vista sanitario e pensionistico, rendendo di conseguenza necessaria una maggior durata della vita lavorativa.

Per le elaborazioni dei dati resi disponibili dal sistema Infor.MO (finalizzato a studiare le cause degli infortuni mortali e gravi sul lavoro, tramite l’analisi della dinamica infortunistica) (cfr. allegato), la categoria dei lavoratori anziani è definita quella dei soggetti di età pari o superiore ai 55 anni. Rispetto al totale dei 1.256 casi registrati nel quinquennio 2011 - 2015, nell’archivio Infor.MO si sono registrati 442 infortuni mortali di anziani (35%).

Tra gli anziani le modalità di accadimento più frequenti per gli infortuni mortali sono le cadute dall’alto (34%) e la perdita di controllo di mezzi (25%), spesso con conseguente ribaltamento.

Nei vari comparti si può rilevare in Agricoltura il 44% dei casi mortali che coinvolgono lavoratori anziani e si osserva che le modalità di accadimento più frequenti sono la perdita di controllo dei mezzi (46%), molto spesso trattori, e la caduta dall’alto (16%); nelle Costruzioni la modalità di accadimento più frequente è la caduta dall’alto (71%); nel Manifatturiero tra i lavoratori più anziani, gli eventi mortali più frequenti sono dovuti a caduta dall’alto dei gravi (29%) e a caduta dall’alto degli infortunati stessi (21%); anche nel terziario, le modalità di accadimento più frequenti per gli infortuni mortali sono la caduta dall’alto (29%) e la caduta dall’alto dei gravi (25%), mentre nei trasporti gli infortuni mortali maggiormente ricorrenti sono la caduta dall’alto (40%), la caduta dall’alto dei gravi (12%) e l’avviamento inopportuno di veicolo, macchina e attrezzatura (12%).

Dalle analisi riportate emerge che i lavoratori anziani sono una parte crescente della forza lavoro, dal momento che si lavora più a lungo, per cui la gestione della SSL per la forza lavoro in età avanzata è divenuta una priorità. La strategia Europa 2020 si propone di aumentare il tasso di occupazione della popolazione in età compresa tra 20 e 64 anni al 75% ed è probabile che i cittadini europei dovranno lavorare più a lungo nei prossimi anni.

Gli studi condotti negli ultimi anni ci dicono che i lavoratori anziani in generale risultano avere meno incidenti/infortuni, ma questi tendono ad essere più gravi; l’assenteismo è meno frequente ma di maggiore durata; la loro adattabilità alle nuove tecnologie è più lenta ma solo quando la formazione è inadeguata.

I datori di lavoro, secondo la norma cogente devono effettuare la valutazione dei rischi considerando anche alcune caratteristiche individuali dei lavoratori come l’età, va in questo senso, con la finalità di adeguare quanto più possibile il lavoro all’uomo e non viceversa.

Emerge, infatti, la centralità della valutazione sulla persona e non sul solo rischio, integrando l’approccio della valutazione basata sui soli modelli e parametri di quantificazione (checklist, algoritmi, rilevazioni), con la considerazione di altri fattori, per lo più minimizzati, come l’organizzazione del lavoro, le relazioni, i tempi, le competenze, che nella analisi dei rischi in relazione all’età assumono una rilevanza ineludibile. In tale valutazione ha un ruolo fondamentale il Medico competente che dovrà essere coinvolto anche nella definizione dei compiti lavorativi e dei rischi correlati, soprattutto se ai lavoratori anziani sono già state impartite limitazioni/prescrizioni.



Fonte inail





A cura di: P.I. Pierpaolo RAVERA


ALLEGATI
  Allegato: Scheda Infor.MO

Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.