logo

In Evidenza

  • CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI ESCAVATORI, PALE CARICATRICI FRONTALI, TERNE – 20 LUGLIO

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE ADDETTI E TECNICI RIMOZIONE, BONIFICA E SMALTIMENTO MATERIALI CONTENENTI AMIANTO – A PARTIRE DAL 30 OTTOBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI PLE – 25/26 OTTOBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI AGGIORNAMENTO PREPOSTI – 24 OTTOBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI AGGIORNAMENTO PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI PLE – 23 OTTOBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI CARRELLI INDUSTRIALI – 23 OTTOBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI AGGIORNAMENTO PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI GRU PER AUTOCARRO – 26 LUGLIO

    Approfondisci
  • CORSO DI FORMAZIONE PREPOSTI – 18 OTTOBRE

    Approfondisci
  • PUBBLICATO IL CALENDARIO DELLA FORMAZIONE IN AULA PER L'ANNO 2018

    Approfondisci
           

La foto del mese

L'estate sta finendo. . . speriamo in un autunno migliore. Un pensiero alle vittime di Genova.

La frase del mese

Le statistiche dicono che tutte le volte che un uomo respira una persona muore. Bisogna trovare quell'uomo e fare qualcosa per il suo alito. . .

- Anonimo

I nostri Corsi

Organizziamo corsi in aula e online per la tua azienda. I corsi E-learning sono fruibili da qualsiasi dispositivo...

IL QUIZ DEL MESE: DI AMBIENTE COSA NE SAI?

Mettiti alla prova con 4 livelli di difficoltà per verificare le tue conoscenze...

PARTNER - SITI AMICI

Scopri i nostri partner

Manualistica

Vedi Manuali disponibili

Cerca con i Tags

ARPA   CIT   CPI   ISPRA   MOG   OT24   RSPP   acqua   acustica   agenti biologici   agenti cancerogeni   agenti chimici   agenti fisici   aia   albo gestori ambientali   ambiente   amianto   aria   atex   atmosfere esplosive   attrezzature di lavoro   aua   audit   bonifiche   burn out   cantieri   cem   certificazioni iso   clp   codici cer   comunicazione   controlli   ctd   danno ambientale   datore di lavoro   dpi   due diligence   ecologia   edilizia   emergenze   emissioni   energia   ergonomia   f-gas   finanziamenti   formazione   gas effetto serra   imballaggi   impianti   inail   incidente rilevante   infortunio   inquinamento   interpelli   lavoro notturno   legionella   linee guida   luoghi di lavoro   macchine   malattia professionale   manuale   manutenzione   marcatura ce   medico competente   microclima   mmc   modulistica   mud   normativa   prevenzione incendi   primo soccorso   privacy   provincia   qualità   radiazioni ionizzanti   reach   registro infortuni   responsabilità   rifiuti   rls   roa   rumore   salute   segnaletica   sentenza   sicurezza   sistemi di gestione   sistri   sorveglianza sanitaria   sostanze pericolose   spazi confinati   stress   terre e rocce da scavo   trasporti   valutazione dei rischi   vas   vdt   verifiche periodiche   via   vibrazioni  

Area Riservata

 Gio 19 Apr 2018

SFALCI E POTATURE: DI NUOVO RIFIUTI O SOTTOPRODOTTI?

  normativa , rifiuti

Immagine

Nella prossima Legge Europea 2018 (si ricorda che la cd. “legge europea” contiene disposizioni modificative o abrogative di norme statali in contrasto con gli obblighi Ue, al contrario della cd. “legge di delegazione europea”, con la quale, invece, si conferiscono deleghe legislative al governo per far recepire nell’ordinamento italiano le direttive e gli altri atti comunitari) troveremo con tutta probabilità alcune disposizioni abrogative in materia di rifiuti ed in particolare con riferimento agli sfalci e potature di cui all’art. 185, comma 1, lettera f) del D.lgs. n. 152/2006.

La necessità di procedere con tale iniziativa legislativa nasce a seguito dell’apertura a carico del nostro Paese del caso EU Pilot 9180/2017/ENVI (non si è ancora arrivati alla fase di procedura d’infrazione), relativamente alle modifiche introdotte nel nostro ordinamento dalla legge 154/2016 (cd. “Collegato Agricoltura”), che estendeva l’esclusione prevista dalla direttiva rifiuti comunitaria 2008/98/Ce per gli sfalci e potature agricole e forestali riutilizzati in ambito agroforestale anche ai residui vegetali provenienti da aree verdi, quali giardini, parchi e aree cimiteriali. Come riconosciuto dal Ministero, tale modifica era stata ritenuta opportuna al fine di evitare che l’esclusione dei residui in parola non si applicasse anche per analoghi materiali vegetali prodotti in attività pressoché identiche a quelle agroforestali, ma poste in essere da imprese artigiane, dedite ad esempio alla manutenzione del verde pubblico e/o privato.

La contestazione mossa dalla Commissione europea nei confronti del nostro Paese riguarda pertanto l’eccessiva estensione della deroga comunitaria relativa agli sfalci e potature di origine agroforestale.

Quali le conseguenze dopo la legge europea 2018?

Secondo il Ministero, stando a quanto contenuto nella nota prot. n. 3983 del 15/03/2018, in risposta al quesito giuntogli in data 01/03/2018 (cfr. allegato 1), le future disposizioni abrogative, ripristinando il quadro normativo in conformità alla direttiva rifiuti, non contrasterebbero contro i cd. “legittimi interessi degli operatori del settore”, potendo questi avvalersi della disciplina sui sottoprodotti prevista dal decreto n. 264/2016 (cfr. allegato 2), che richiama alcuni materiali agricoli tra i quali le “potature, ramaglie, e residui dalla manutenzione del verde pubblico e privato”.





A cura di: Dott. Marco ABRATE


ALLEGATI
  Allegato 1: Risposta del Ministero
  Allegato 2: Decreto 264/2016

ECOLAV Service S.r.l. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l' utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento