logo

In Evidenza

  • CORSO DI AGGIORNAMENTO PER ADDETTI ANTINCENDIO - RISCHIO BASSO, MEDIO, ALTO - 25 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI ANTINCENDIO – RISCHIO BASSO E MEDIO – 25 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI FORMAZIONE DL/RSPP – A PARTIRE DAL 24 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE RESPONSABILI E REDATTORI PIANI DI MANUTENZIONE E CONTROLLO DI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO – 10-17-24 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE LAVORATORI (FORMAZIONE GENERALE E SPECIFICA) – 12/13/14 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI AGGIORNAMENTO FORMAZIONE LAVORATORI – 18 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI AGGIORNAMENTO PER ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO – 21 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO - A - B - C – 19/20 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • PUBBLICATO IL CALENDARIO DELLA FORMAZIONE IN AULA PER L'ANNO 2018

    Approfondisci
           

La foto del mese

E' solo un ragazzino. . . Quanto pensi possa tirare forte?

La frase del mese

Primo assioma sull'organizzazione del lavoro: lavorare in gruppo è essenziale perchè ti permette di dare la colpa a qualcun altro. . .

- Organizzazione del lavoro (Legge di Murphy)

I nostri Corsi

Organizziamo corsi in aula e online per la tua azienda. I corsi E-learning sono fruibili da qualsiasi dispositivo...

IL QUIZ DEL MESE: DI AMBIENTE COSA NE SAI?

Mettiti alla prova con 4 livelli di difficoltà per verificare le tue conoscenze...

PARTNER - SITI AMICI

Scopri i nostri partner

Manualistica

Vedi Manuali disponibili

Cerca con i Tags

ARPA   CIT   CPI   ISPRA   MOG   OT24   RSPP   acqua   acustica   agenti biologici   agenti cancerogeni   agenti chimici   agenti fisici   aia   albo gestori ambientali   ambiente   amianto   aria   atex   atmosfere esplosive   attrezzature di lavoro   aua   audit   bonifiche   burn out   cantieri   cem   certificazioni iso   clp   codici cer   comunicazione   controlli   ctd   danno ambientale   dpi   due diligence   ecologia   edilizia   emergenze   emissioni   energia   ergonomia   f-gas   finanziamenti   formazione   gas effetto serra   imballaggi   impianti   inail   incidente rilevante   infortunio   inquinamento   interpelli   lavoro notturno   legionella   linee guida   luoghi di lavoro   macchine   malattia professionale   manuale   manutenzione   marcatura ce   medico competente   microclima   mmc   modulistica   mud   normativa   prevenzione incendi   primo soccorso   privacy   provincia   qualità   radiazioni ionizzanti   reach   registro infortuni   responsabilità 231   rifiuti   rls   roa   rumore   salute   segnaletica   sentenza   sicurezza   sistemi di gestione   sistri   sorveglianza sanitaria   sostanze pericolose   spazi confinati   stress   terre e rocce da scavo   trasporti   valutazione dei rischi   vas   vdt   verifiche periodiche   via   vibrazioni  

Area Riservata

 Lun 13 Feb 2017

SCALE FISSE A PIOLI

  attrezzature di lavoro , normativa , sicurezza

Immagine

Le scale fisse a pioli vengono frequentamene impiegate per l’accesso ai luoghi di lavoro sopraelevati o in profondità quali: gru, serbatoi, tralicci ciminiere, silos, pozzi, tali strutture sono solitamente verticali o con una inclinazione non inferiore ai 75° . Strutturalmente tali scale sono costituite da una serie di pioli fissati a due montanti o direttamente murati sulla parete.

I riferimenti normativi vigenti per la costruzione e l’uso delle scale fisse a pioli sono:

1. Il Testo Unico sulla sicurezza, D.Lgs  81/2008 che, all’art. 113 comma 2, sancisce l'obbligatorietà della gabbia per scale a pioli fisse verticali alte più di metri 5; lo stesso articolo sancisce, che “la parete della gabbia opposta al piano dei pioli non deve distare da questi più di cm 60”.

2. il D.M. 23.3.1998 consente l'uso di scale fisse metalliche ad un montante dotate di un sistema anticaduta al posto della gabbia di protezione.

Allo stato dell’arte è possibile indicare che :

- In Italia persiste l’obbligo di legge di utilizzo di scale fisse a pioli dotate di gabbia, secondo le indicazioni riportate nel D. Lgs. 81/08;

- Solo quando l’applicazione della gabbia alle scale costituisca intralcio all’esercizio o presenti notevoli difficoltà costruttive, devono essere adottate, in luogo della gabbia, altre misure di sicurezza atte ad evitare la caduta delle persone per un tratto superiore ad un metro.

- Per poter installare una linea vita al posto della gabbia, il sistema in opera deve essere certificato secondo il D.M. 23.3.1998.

Le scale con linea anticaduta (nate per tralicci, pozzetti e cantieri), possono essere utilizzate da personale in possesso di specifica autorizzazione e abilitazione conseguita dopo un corso di addestramento all’uso dei DPI di terza categoria, con idoneità medica al lavoro in altezza.

Attualmente le scale con gabbia potrebbero essere marchiate CE secondo EN 14122-4, tuttavia questa norma tecnica risulta incompatibile con il D.L. 81/2008. Pertanto in Italia possono essere vendute e installate scale con gabbia conformi a D. Lgs .81/08 e smi; scale con gabbia con marcatura CE possono essere installate all’estero.

Una scala fissa alta mt. 10 non ha obbligo di piani di riposo intermedi. Quando la scala supera i metri 10 di altezza sono necessari dei piani di riposo: la normativa EN 14122-4 prevede piani di riposo ogni mt. 6 qualora la scala superi i mt. 10.

Indicazioni regionali, riportano regole tecniche differenti:

a. Il decreto regione veneto nr. 97 del 31/01/2012 prevede, piani di riposo ogni mt. 4,

b. il decreto regione Toscana nr. 62/R 05 prevede, l’obbligo di protezione anticaduta quanto la scala fissa è più alta di mt. 3 (invece dei mt. 5 previsti dal D. Lgs. 81/08).

Riassumendo, le scale fisse a pioli con gabbia metallica, risultano a norma secondo il D. Lgs. 81/08 e pertanto rappresentano un punto di accesso sicuro, sebbene possano avere grossi limiti per garantire la massima sicurezza dell’operatore, pertanto occorre valutare l’opportunità, secondo le indicazioni riportante anche nel documento di valutazione dei rischi aziendali, di integrare tale dispositivo con una linea vita di supporto.





A cura di: P.I. Perpaolo RAVERA


ECOLAV Service S.r.l. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l' utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento