logo

In Evidenza

           

La foto del mese

Chi sei? COVID19. Cosa fai lì tutto solo? Mi sono autoisolato: non si trovano più mascherine e non vorrei contagiarmi. . .

La frase del mese

Prima di parlare domandati se ciò che dirai corrisponde a verità, se non provoca male a qualcuno, se è utile, ed infine se vale la pena turbare il silenzio per dire ciò che vuoi dire.

- Il silenzio è d'oro - Buddha

I nostri Corsi

Organizziamo corsi in aula e online per la tua azienda. I corsi E-learning sono fruibili da qualsiasi dispositivo...

IL QUIZ DEL MESE: CONOSCI LA SICUREZZA?

Mettiti alla prova con 4 livelli di difficoltà per verificare le tue conoscenze...

PARTNER - SITI AMICI

Scopri i nostri partner

Manualistica

Vedi Manuali disponibili

Cerca con i Tags

ARPA   BAT   CIT   COVID-19   CPI   GSE   ISPRA   MOG   OT24   RSPP   acqua   acustica   agenti biologici   agenti cancerogeni   agenti chimici   agenti fisici   aia   albo gestori ambientali   ambiente   amianto   aria   atex   atmosfere esplosive   attrezzature di lavoro   aua   audit   bonifiche   burn out   cantieri   cem   certificazioni iso   circolare   clp   codici cer   comunicazione   controlli   ctd   danno ambientale   datore di lavoro   dpi   due diligence   ecologia   edilizia   emergenze   emissioni   energia   ergonomia   età   f-gas   finanziamenti   formazione   fotovoltaico   gas effetto serra   imballaggi   impianti   inail   incidente rilevante   infortunio   inquinamento   interpelli   lavori in quota   lavoro agile   lavoro notturno   legionella   linee guida   luoghi di lavoro   macchine   malattia professionale   manuale   manutenzione   marcatura ce   medico competente   microclima   mmc   modulistica   mud   normativa   norme tecniche   prevenzione   prevenzione incendi   primo soccorso   privacy   procedura   provincia   qualità   radiazioni ionizzanti   reach   registro infortuni   responsabilità   rifiuti   rls   roa   rumore   salute   segnaletica   sentenza   sicurezza   sistemi di gestione   sistri   smartworking   sorveglianza sanitaria   sostanze pericolose   spazi confinati   stress   terre e rocce da scavo   trasporti   valutazione dei rischi   vas   vdt   verifiche periodiche   via   vibrazioni  

Area Riservata

 Ven 31 Gen 2020

RISCHIO CANCEROGENO INTERCONNESSO ALL'USO DEI CELLULARI

  cem , malattia professionale , salute , sentenza

RISCHIO CANCEROGENO INTERCONNESSO ALL'USO DEI CELLULARI

Il 14 Gennaio 2020 la Corte d’Appello di Torino ha confermato la sentenza di Ivrea che nell’aprile 2017 aveva riconosciuto il nesso causale fra insorgenza di tumore del nervo acustico (neurinoma) e esposizione al telefono cellulare per motivi professionali. Un verdetto storico, per la prima volta un lavoratore ha ottenuto due sentenze di merito favorevoli a tal proposito. Tale verdetto stabilisce un precedente unico al mondo, suggerendo una connessione casuale tra l'uso dei cellulari e l'insorgenza di tumori ad oggi non riconosciuta da nessuna istituzione scientifica.

Il lavoratore è un ex dipendente Telecom che trascorreva almeno 4 ore al giorno al cellulare per un tempo complessivo stimato di 12.600 ore nel corso di 15 anni (1995-2010). Già la sentenza di primo grado aveva riconosciuto come malattia professionale la patologia in oggetto e questa ulteriore sentenza, conferma quella di primo grado e rigetta il ricorso in appello avanzato dall’Inail.

La sentenza ha fatto guadagnare alla Corte più di un commento di disappunto da parte di esperti del mondo della salute facendo emergere pareri molto discordanti.

C’è chi denuncia periodi di osservazione troppo brevi nella maggior parte degli studi scientifici affinché la malattia si sviluppi e chi invece accusa un presunto conflitto d'interessi, dichiarando che quegli stessi studi vengono finanziariamente supportati dalle compagnie telefoniche.

Moltissimi sono i prestigiosi studi scientifici che ritengono infondata la correlazione individuata dai giudici.

Esiste tuttavia un ristretto numero di studi che hanno evidenziato la possibile correlazione tra uso del cellulare e sviluppo di neoplasie, tuttavia questi rappresentano una minoranza e i loro risultati non sono stati ripetuti.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) in passato ha presentato più volte il proprio parere, l’ultima delle quali nel 2017, dove ha dichiarando che le evidenze scientifiche fino ad allora dimostravano che nessun effetto avverso è stato valutato come causato dall'uso del telefono cellulare. Tuttavia dal maggio del 2011 l’International Agency for Research on Cancer (IARC) dell’OMS ha classificato i campi elettrici a radiofrequenza nella categoria 2B di rischio, ovvero li ha classificati con la dicitura «possibili cancerogeni», tutt’oggi questo risulta essere ancora un parere valido per il quale non si è presa una vera posizione definitiva.





A cura di: Dott. Davide BAGLIONI


Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.