logo

La foto del mese

Uso improprio? Sul manuale non era scritto che non si potevano tagliare le siepi. . .

La frase del mese

Se ti trovi ad affrontare un problema, i casi sono due:
- il problema è risolvibile e quindi non ha senso preoccuparsi
oppure
- il problema NON è risolvibile e quindi perché ti affanni?
TAKE IT EASY. . .

- Approccio ai problemi - Anonimo su web

In Evidenza

  • CORSI DI FORMAZIONE PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI CARRELLI INDUSTRIALI – 28/29 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI AGGIORNAMENTO PER ADDETTI ANTINCENDIO - RISCHIO BASSO, MEDIO, ALTO - 25 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI ANTINCENDIO – RISCHIO BASSO E MEDIO – 25 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI FORMAZIONE DATORI DI LAVORO/RSPP – A PARTIRE DAL 25 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI AGGIORNAMENTO PER ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO – 22 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO – 20/21 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • PUBBLICATO IL CALENDARIO DELLA FORMAZIONE IN AULA PER L'ANNO 2017

    Approfondisci
           

I nostri Corsi

Organizziamo corsi in aula e online per la tua azienda. I corsi E-learning sono fruibili da qualsiasi dispositivo...

IL QUIZ DEL MESE: CONOSCI LA SICUREZZA?

Mettiti alla prova con 4 livelli di difficoltà per verificare le tue conoscenze...

PARTNER - SITI AMICI

Scopri i nostri partner

Manualistica

Vedi Manuali disponibili

Area Riservata

 Ven 19 Mag 2017

PLE: USO SICURO, OBBLIGHI DEL FABBRICANTE, CONTROLLI E MANUTENZIONE

  attrezzature di lavoro , inail , sicurezza

Immagine

Nei lavori in quota va sempre più diffondendosi l’uso di piattaforme di lavoro mobili elevabili (PLE). Per l’utilizzo sicuro di questa attrezzatura è necessario prendere in considerazione vari elementi fra cui la tipologia e le caratteristiche della macchina utilizzata, l’ambiente di lavoro o, ancora, la tipologia di lavoro da eseguire; tutte componenti che, se non correttamente considerate e valutate, possono portare ad infortuni molto gravi, le cui cause più frequenti sono:

- il ribaltamento della macchina dovuto a errato posizionamento o stabilizzazione o a cedimento del terreno, il cedimento o ribaltamento causato da sovraccarico;

- il ribaltamento durante la fase di carico o scarico su mezzi di trasporto;

- l’urto con altri mezzi in movimento;

- l’urto con strutture fisse;

- l’intrappolamento tra la base e la struttura;

- la discesa incontrollata per guasto ai componenti;

- l’intrappolamento con parti mobili;

- le cadute dal cestello;

- la folgorazione per contatto con linee elettriche in tensione;

- la manutenzione carente e i cedimenti strutturali.

Focus su questi ed altri aspetti è fornito da una recente pubblicazione dell’Inail sulle PLE, pubblicazione realizzata da Inail Direzione regionale per le Marche, con la collaborazione di IPAF (International Powered Access Federation), e dal titolo “PLE nei cantieri. L’uso delle piattaforme di lavoro mobili in elevato nei cantieri temporanei o mobili”(cfr. allegato), che aggiorna un analogo documento del 2012.

Il documento ha l’obiettivo di promuovere l'uso efficace e sicuro delle piattaforme di lavoro mobili elevabili illustrando il quadro legislativo di riferimento, aggiornato alla normativa più recente, i criteri di scelta, le modalità d'uso, gli elementi da considerare nella valutazione dei rischi e la gestione delle emergenze.

Riguardo alla conformità delle macchine e agli obblighi del fabbricante vengono segnalate alcune delle direttive europee applicabili.

Infatti oltre al rispetto della direttiva 2006/42/CE, la nuova Direttiva Macchine, il fabbricante della piattaforma di lavoro mobile elevabile “deve rispettare le altre direttive applicabili allo specifico modello di macchina come, ad esempio:

direttiva 2000/14/CE modificata dalla 2005/88/CE che disciplina le emissioni acustiche di macchine ed attrezzature destinate a funzionare all’aperto e che definisce le modalità che il fabbricante deve seguire per poter apporre la marcatura di conformità CE e l’indicazione del livello di potenza sonora garantita;

direttiva 2014/35/CE (detta anche nuova ‘direttiva bassa tensione’) si applica a tutto il ‘materiale elettrico destinato ad essere adoperato ad una tensione nominale compresa fra 50 e 1000 V in corrente alternata e fra 75 e 1500 V in corrente continua’; 

direttiva 2014/30/CE (compatibilità elettromagnetica) che abroga la direttiva 2001/108/CE e che riguarda tutti i dispositivi elettrici ed elettronici che possono creare emissioni elettromagnetiche o il cui funzionamento può essere alterato da disturbi elettromagnetici presenti nell’ambiente”.

Riguardo ai controlli e alla manutenzione il documento si sofferma su quanto richiesto dal D.Lgs. 81/2008 e dalla norma UNI ISO 18893:2014, (in lingua inglese).

Gli obiettivi che si pone la norma sono:

a) “prevenzione di lesioni personali, danni a proprietà e incidenti;

b) definizione di criteri per l’ispezione, la manutenzione e l’azionamento”.


Per la manutenzione la norma prevede che sia predisposto “un programma di manutenzione preventiva in conformità alle raccomandazioni del fabbricante e in base all’ambiente e alla gravosità di utilizzo della PLE. La frequenza di ispezione e manutenzione deve essere compatibile con le condizioni operative e la gravosità dell’ambiente di utilizzo”. Inoltre le PLE che non sono in condizioni operative appropriate “devono essere riparate da una persona qualificata e le riparazioni devono avvenire in conformità alle raccomandazioni del fabbricante”.

Inoltre la norma prevede:

- che “se una macchina è fuori servizio da un periodo maggiore di tre mesi sia sottoposta ad un’ispezione effettuata da una persona qualificata per la marca e il modello prima di rimetterla in servizio”;

- che “ogni giorno prima dell’uso o all’inizio di ogni turno, la PLE sia sottoposta a un’ispezione visiva ed una prova funzionale che può effettuare l’operatore stesso”;

- “precauzioni di sicurezza per la manutenzione e la riparazione”;

- che il personale di manutenzione “sia addestrato da una persona qualificata”.

Si rimanda alla lettura completa del documento per ulteriori approfondimenti.





A cura di: Ing. Emanuela PISANU


ALLEGATI
  Allegato: "PLE nei cantieri. L’uso delle piattaforme di lavoro mobili in elevato nei cantieri temporanei o mobili"

ECOLAV Service S.r.l. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l' utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento