logo

In Evidenza

  • CORSI DI FORMAZIONE LAVORATORI (FORMAZIONE GENERALE E SPECIFICA) – 8/9/10 NOVEMBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LAVORATORI E PREPOSTI ADDETTI AL MONTAGGIO/SMONTAGGIO/TRASFORMAZIONE DI PONTEGGI – 6 NOVEMBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI PLE – 26 e 27 OTTOBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE ADDETTI E TECNICI RIMOZIONE, BONIFICA E SMALTIMENTO MATERIALI CONTENENTI AMIANTO – A PARTIRE DAL 30 OTTOBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI FORMAZIONE PREPOSTI – 19 OTTOBRE

    Approfondisci
  • PUBBLICATO IL CALENDARIO DELLA FORMAZIONE IN AULA PER L'ANNO 2017

    Approfondisci
           

La frase del mese

Se ti trovi ad affrontare un problema, i casi sono due:
- il problema è risolvibile e quindi non ha senso preoccuparsi
oppure
- il problema NON è risolvibile e quindi perché ti affanni?
TAKE IT EASY. . .

- Approccio ai problemi - Anonimo su web

La foto del mese

Uso improprio? Sul manuale non era scritto che non si potevano tagliare le siepi. . .

I nostri Corsi

Organizziamo corsi in aula e online per la tua azienda. I corsi E-learning sono fruibili da qualsiasi dispositivo...

IL QUIZ DEL MESE: CONOSCI LA SICUREZZA?

Mettiti alla prova con 4 livelli di difficoltà per verificare le tue conoscenze...

PARTNER - SITI AMICI

Scopri i nostri partner

Manualistica

Vedi Manuali disponibili

Area Riservata

 Ven 25 Ago 2017

PENSIONE DI INABILITA’ PER SOGGETTI AFFETTI DA MALATTIE DI ORIGINE PROFESSIONALE DA ESPOSIZIONE ALL’AMIANTO

  amianto , malattia professionale

Immagine

Sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 166 del 18/07/2017, è stato pubblicato il Decreto 31/05/2017 del Ministero del lavoro e delle politiche sociali (a firma del Ministro Poletto), di seguito descritto.

Con l’articolo 1, tale decreto disciplina i criteri e le modalità per la concessione della pensione di inabilità per i soggetti (iscritti all’assicurazione generale obbligatoria e alle forme esclusive sostitutive della medesima) affetti da malattie di origine professionale da esposizione all’amianto, ai sensi dell’articolo 1, comma 250, della legge 11/12/2016, n. 232 (legge di bilancio).

Secondo l’articolo 2, i soggetti destinatari del decreto sono i lavoratori affetti da mesotelioma pleurico, mesotelioma pericardico, mesotelioma peritoneale, mesotelioma della tunica vaginale del testicolo, carcinoma polmonare e asbestosi, riconosciuti di origine professionale, ovvero quale causa di servizio.

L’articolo 3 definisce che la pensione di inabilità spetti ai soggetti in possesso del requisito contributivo (che si intende perfezionato quando risultino versati o accreditati a favore dell’assicurato almeno cinque anni nell’arco dell’intera vita lavorativa), nonché del riconoscimento da parte dell’INAIL (o di altre amministrazioni competenti secondo la normativa vigente), delle patologie di origine professionale su indicate, anche nel caso in cui l’assicurato non si trovi nell’assoluta e permanente impossibilità a svolgere qualsiasi attività lavorativa.

Nell’articolo 4 si prevede che le domande di accesso alla pensione di inabilità, debbano essere presentate all’INPS entro il 31 marzo di ogni anno, e siano accolte entro il limite di spesa di 20 milioni di euro per l’anno 2017 e 30 milioni di euro annui a decorrere dal 2018.

Qualora dal monitoraggio delle domande presentate e accolte emerga il verificarsi di scostamenti, anche in via prospettica, del numero di domande rispetto ai limiti annuali di spesa, il riconoscimento del beneficio è differito tenendo conto prioritariamente dell’età anagrafica, dell’anzianità contributiva e, a parità delle stesse, della data di presentazione della domanda.

Articolo 5: all’esito del monitoraggio delle domande, l’INPS comunica al richiedente l’accesso al beneficio (accertata la sussistenza della relativa copertura finanziaria), ovvero l’accesso al beneficio con indicazione della prima decorrenza utile della pensione in ragione dello scostamento del numero delle domande rispetto ai limiti annuali di spesa, ovvero ancora il rigetto della domanda qualora l’interessato non risulti in possesso dei requisiti previsti.

L’articolo 6 definisce che la pensione di inabilità sia incompatibile con lo svolgimento da parte del titolare di qualsiasi attività lavorativa dipendente o autonoma; non sia cumulabile con la rendita vitalizia liquidata per lo stesso evento invalidante ai sensi del DPR 1124 del 1965; non sia cumulabile con altri benefici pensionistici previsti dalla normativa vigente.

INPS, INAIL e amministrazioni competenti provvedono alla predisposizione di istruzioni operative di definizione degli aspetti tecnici procedurali per l’accesso alla pensione di inabilità.





A cura di: P.I. Marco ANTONIELLI


ECOLAV Service S.r.l. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l' utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento