logo

In Evidenza

  • CORSO DI AGGIORNAMENTO PER ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO – 18 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO - A - B - C – 16/17 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE LAVORATORI (FORMAZIONE GENERALE E SPECIFICA) – 10/11 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI AGGIORNAMENTO FORMAZIONE LAVORATORI – 15 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE RESPONSABILI E REDATTORI PIANI DI MANUTENZIONE E CONTROLLO DI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO – 14-21-28 SETTEMBRE

    Approfondisci
           

La foto del mese

Chi sei? COVID19. Cosa fai lì tutto solo? Mi sono autoisolato: non si trovano più mascherine e non vorrei contagiarmi. . .

La frase del mese

Prima di parlare domandati se ciò che dirai corrisponde a verità, se non provoca male a qualcuno, se è utile, ed infine se vale la pena turbare il silenzio per dire ciò che vuoi dire.

- Il silenzio è d'oro - Buddha

I nostri Corsi

Organizziamo corsi in aula e online per la tua azienda. I corsi E-learning sono fruibili da qualsiasi dispositivo...

IL QUIZ DEL MESE: CONOSCI LA SICUREZZA?

Mettiti alla prova con 4 livelli di difficoltà per verificare le tue conoscenze...

PARTNER - SITI AMICI

Scopri i nostri partner

Manualistica

Vedi Manuali disponibili

Cerca con i Tags

ARPA   BAT   CIT   COVID-19   CPI   GSE   ISPRA   MOG   OT24   RSPP   acqua   acustica   agenti biologici   agenti cancerogeni   agenti chimici   agenti fisici   aia   albo gestori ambientali   ambiente   amianto   aria   atex   atmosfere esplosive   attrezzature di lavoro   aua   audit   bonifiche   burn out   cantieri   cem   certificazioni iso   circolare   clp   codici cer   comunicazione   controlli   ctd   danno ambientale   datore di lavoro   dpi   due diligence   ecologia   edilizia   emergenze   emissioni   energia   ergonomia   età   f-gas   finanziamenti   formazione   fotovoltaico   gas effetto serra   imballaggi   impianti   inail   incidente rilevante   infortunio   inquinamento   interpelli   lavori in quota   lavoro agile   lavoro notturno   legionella   linee guida   luoghi di lavoro   macchine   malattia professionale   manuale   manutenzione   marcatura ce   medico competente   microclima   mmc   modulistica   mud   normativa   norme tecniche   prevenzione   prevenzione incendi   primo soccorso   privacy   procedura   provincia   qualità   radiazioni ionizzanti   reach   registro infortuni   responsabilità   rifiuti   rls   roa   rumore   salute   segnaletica   sentenza   sicurezza   sistemi di gestione   sistri   smartworking   sorveglianza sanitaria   sostanze pericolose   spazi confinati   stress   terre e rocce da scavo   trasporti   valutazione dei rischi   vas   vdt   verifiche periodiche   via   vibrazioni  

Area Riservata

 Lun 9 Nov 2015

NUOVE LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE DELLE PATOLOGIE MUSCOLOSCHELETRICHE

  ergonomia , linee guida

Immagine

Approvato un decreto della Regione Lombardia inerente l’aggiornamento delle linee guida regionali per la prevenzione delle patologie muscolo scheletriche connesse con movimenti e sforzi ripetuti degli arti superiori.

I dati di un’indagine, condotta nel 2005 e 2010 dalla Fondazione di Dublino sulle condizioni di salute dei lavoratori europei, evidenziano che tra i problemi di salute, riferiti al lavoro, sono molto frequenti il mal di schiena (24,7%) e i dolori arto-muscolari agli arti (22,8%). E in Italia ben il 65% dei lavoratori svolge compiti con movimenti ripetitivi degli arti superiori per almeno il 25% del tempo di lavoro (il 33% in modo permanente).

Con riferimento a questi dati è evidente quanto sia importante continuamente rinnovare e migliorare le strategie di prevenzione delle patologie muscolo-scheletriche lavoro-correlate degli arti superiori.

Ed è proprio in riferimento a quanto detto precedentemente che la  Regione Lombardia ha approvato con il Decreto n. 7661 del 23 settembre 2015 un aggiornamento di un precedente decreto/documento sul tema, il  decreto regionale n. 3958 del 22 settembre 2009.

Il decreto regionale 7661/2015 ha per oggetto le “Linee Guida Regionali per la prevenzione delle patologie muscolo scheletriche connesse con movimenti e sforzi ripetuti degli arti superiori - Aggiornamento Decreto Direttore Generale Sanità n. 3958 del 22/04/2009”. Dette Linee guida vogliono essere un valido riferimento per la “definizione di un percorso per la prevenzione e l’emersione di patologie muscoloscheletriche lavoro-correlate degli arti superiori” basato su conoscenze ed esperienze ormai consolidate.

Nel capitolo 1 del presente documento è presentata una tabella con una lista di fattori causali, derivata dalla letteratura, non esaustiva dei principali determinanti di rischio (lavorativi e non) di tali patologie. Il documento indica che nel presente contesto “va sottolineato come siano di specifico interesse i fattori di rischio lavorativo che determinano un sovraccarico biomeccanico degli arti superiori. Questi sono rappresentati, in relazione alla rispettiva durata di esposizione, da: ripetitività (alta frequenza) dei gesti, uso di forza, posture incongrue dei diversi segmenti degli arti superiori, carenza di adeguati periodi di recupero.

A questi principali determinanti di rischio se ne possono aggiungere altri, sempre di natura lavorativa (sia fisico-meccanici che di tipo organizzativo) che usualmente vengono raggruppati nella famiglia dei cosiddetti fattori complementari”.

Questi i fattori causali riportati nella tabella contenuta nel capitolo 1:

lavorativi: “movimenti ripetitivi, alta frequenza e velocità, uso di forza, posizioni incongrue, compressioni di strutture anatomiche, recupero insufficiente, vibrazioni, strumenti non ergonomici, uso di guanti, esposizione a freddo, lavoro a cottimo, parcellizzazione lavoro, inesperienza lavorativa;

extra-lavorativi: sesso, età, traumi e fratture, patologie croniche, stato ormonale, attività tempo libero, struttura antropometrica, condizione psicologica”.

Una seconda tabella riporta poi le principali attività lavorative che potenzialmente espongono al rischio di contrarre patologie muscolo scheletriche agli arti superiori. Una lista non esaustiva e solo indicativa “poiché, nella pratica, attività fra loro similari ma organizzate con procedure e tecniche diverse comportano livelli di esposizione assolutamente differenti”.

Questa è la lista non esaustiva dei principali gruppi di lavoratori esposti:

- “addetti alle catene di montaggio, assemblaggio, cablaggio;

- addetti carico/scarico linea a ritmi prefissati;

- addetti al confezionamento;

- addetti alla cernita manuale;

- addetti a filatura-orditura nell'industria tessile;

- addetti alla macellazione e lavorazione carni;

- addetti a levigatura manuale;

- addetti alla preparazione e confezionamento cibi nell’industria alimentare;

- addetti alle cucine;

- addetti alle pulizie;

- addetti al taglio e cucito nell'industria di confezioni abiti;

- operatori a tastiere;

- musicisti;

- addetti alle casse;

- parrucchieri;

- imbianchini;

- muratori;

- addetti nell' industria calzaturiera e della pelletteria;

- addetti al lavoro di tappezzeria;

- addetti in via continuativa ad alcune lavorazioni agricole (potatura, raccolta e cernita, mungitura manuale, cc.)”.

Nelle linee guida - che si rivolgono agli attori sociali (datori di lavoro in primis), alle figure che appartengono al sistema aziendale di prevenzione (Servizio di prevenzione e protezione, Medico competente, RLS), ai Servizi di prevenzione e sicurezza nei luoghi di lavoro delle ASL– sono riportati anche dei precisi riferimenti normativi relativi al tema dei movimenti e sforzi ripetuti degli arti superiori.

 Il documento ricorda, ad esempio, che nell’aprile del 2014, ISO ha pubblicato un Technical Report (TR), “ ISO TR 12295 - Ergonomics — Application document for International Standards on manual handling (ISO 11228-1, ISO 11228-2 and ISO 11228-3) and evaluation of static working postures (ISO 11226)”, che “meglio specifica campo e modalità di applicazione anche della norma ISO 11228 parte 3” (Ergonomics — Manual handling — Handling of low loads at high frequency). In particolare nel TR si forniscono indicazioni sia per utilizzatori meno esperti, per operare in modalità standardizzate “identificazioni del pericolo” e “valutazioni veloci”, che per utilizzatori già esperti, per orientare ad un uso più circostanziato dei metodi e strumenti” già identificati nella normativa tecnica. Si sottolinea ad esempio l’utilità della Checklist OCRA “come strumento di stima del rischio e del metodo OCRA (Checklist e Indice) per meglio definire le modalità di analisi dei compiti ripetitivi in rotazione fra loro”.

L’indice delle linee guida:

Premessa

1- Introduzione e scopo

2- Brevi riferimenti normativi

3- Le patologie di interesse

4- Il campo di applicazione

5- L’identificazione dei lavori ripetitivi e la valutazione rapida del rischio

6- La stima dell’esposizione e la valutazione del rischio

7- La sorveglianza sanitaria

8- Gli aspetti medico-legali

9- Orientamenti per la (ri)progettazione del lavoro e dei posti di lavoro con compiti ripetitivi

10- Criteri per il reinserimento lavorativo di soggetti portatori di patologie muscolo- scheletriche degli arti superiori sulla base di prime esperienze applicative



A cura di: Ing. Edoardo PEIRETTI


Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.