logo

La foto del mese

Stress l.c. - Lavori in quota - MMC - Scivolamento: vita d'inferno per Babbo Natale

In Evidenza

  • AUGURI DI BUON NATALE E DI UN SERENO 2018 DA PARTE DELLO STAFF DI ECOLAV SERVICE

    Approfondisci
           

La frase del mese

I ragazzi che si amano si baciano in piedi
Contro le porte della notte
E i passanti che passano li segnano a dito
Ma i ragazzi che si amano
Non ci sono per nessuno
Ed è la loro ombra soltanto
Che trema nella notte
Stimolando la rabbia dei passanti
La loro rabbia il loro disprezzo le risa la loro invidia
I ragazzi che si amano non ci sono per nessuno
Essi sono altrove molto più lontano della notte
Molto più in alto del giorno
Nell'abbagliante splendore del loro primo amore

- Jacques Prévert - I ragazzi che si amano

I nostri Corsi

Organizziamo corsi in aula e online per la tua azienda. I corsi E-learning sono fruibili da qualsiasi dispositivo...

IL QUIZ DEL MESE: CONOSCI LA SICUREZZA?

Mettiti alla prova con 4 livelli di difficoltà per verificare le tue conoscenze...

PARTNER - SITI AMICI

Scopri i nostri partner

Manualistica

Vedi Manuali disponibili

Area Riservata

 Ven 4 Ago 2017

NUOVA VESTE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE VIA

  ambiente , normativa , via

Immagine

Facendo seguito alla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale n. 156 del 6 luglio 2017, lo scorso lunedì 21 luglio è entrato in vigore il Decreto Legislativo 16 giugno 2017, n. 104 recante “Attuazione della direttiva 2014/52/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 aprile 2014, che modifica la direttiva 2011/92/UE, concernente la valutazione dell'impatto ambientale di determinati progetti pubblici e privati, ai sensi degli articoli 1 e 14 della legge 9 luglio 2015, n. 114”.

La disciplina, che vede modificati in modo sostanziale diversi passaggi della Parte II del D.lgs. 152/2006, ne risulta profondamente rinnovata.

Si parte, ad esempio, con uno snellimento dei tempi, che diventano ridotti ma al tempo stesso perentori, che se non rispettati, comportano la possibilità di operare in regime di sostituzione amministrativa, con conseguenti profili di responsabilità per gli enti convolti; si introduce poi il concetto di “procedimento unico” (regionale o statale) nell’ambito del quale racchiudere sia la VIA a sia gli altri atti autorizzativi necessari per il progetto, AIA compresa.

Come previsto dalla direttiva europea, per la fase del cd. ‘screening’ si procederà alla presentazione di uno studio preliminare ambientale, mentre per la procedura di VIA vera e propria, si esporranno gli elaborati progettuali a un livello informativo e di dettaglio, almeno equivalente al progetto di fattibilità o, comunque, tali da consentire la compiuta valutazione degli impatti ambientali.

È prevista la possibilità del proponente il progetto di avviare presso l’Autorità competente una fase di confronto volta alla univoca definizione del livello di dettaglio degli elaborati necessari.

Sarà inoltre possibile richiedere all’Autorità competente una valutazione preliminare del progetto (il cd. ‘pre-screening’) per concordare la corretta procedura da avviare, con particolare riferimento ad interventi di modifica di progetti già realizzati soggetti ad adeguamenti tecnici volti, ad esempio, al miglioramento delle prestazioni ambientali o a potenziamenti impiantistici.

Una norma transitoria ad hoc consente, infine, l’applicazione alle procedure in corso del nuovo sistema introdotto dalla riforma.

Detto ciò, da più parti si evidenziano però alcune criticità sulla nuova veste della VIA. Si segnala innanzitutto un possibile svuotamento della VIA come finora intesa, cioè di un provvedimento amministrativo omnicomprensivo di tutti i titoli (ambientali, paesaggistici, edilizi, nulla osta, licenze, etc.); nella nuova versione, infatti, stando anche alle rivedute definizioni di valutazione di impatto ambientale del modificato art. 5, comma 1, lettera b) del D.lgs. 152/2006 (“processo che comprende […] l’integrazione del provvedimento di Via nel provvedimento di approvazione o autorizzazione del progetto”) e di provvedimento di Via (art. 5, comma 1, lettera o), la portata della disciplina sembra ridursi ai soli aspetti ambientali significativi del progetto. Inoltre, aspetto fortemente evidenziato dalle associazioni ambientaliste e da altri stakeholder della società civile, la scelta di effettuare la valutazione di impatto ambientale sul progetto di fattibilità, invece che su quello definitivo, con un potenziale blando monitoraggio delle condizioni ambientali contenute nel provvedimento di VIA nelle fasi successive di progettazione e realizzazione, comporterebbe in queste la possibilità di variazioni, anche sostanziali, del progetto, dei relativi impatti ambientali e delle misure di compensazione e mitigazione necessarie, con il pericolo di lievitazione dei costi delle opere, di danni all’ambiente e alla collettività.





A cura di: Dott. Marco ABRATE


ECOLAV Service S.r.l. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l' utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento