logo

La frase del mese

Il nostro tempo è limitato, per cui non lo dobbiamo sprecare vivendo la vita di qualcun altro. Non facciamoci intrappolare dai dogmi, che vuol dire vivere seguendo i risultati del pensiero di altre persone. Non lasciamo che il rumore delle opinioni altrui offuschi la nostra voce interiore. E, cosa più importante di tutte, dobbiamo avere il coraggio di seguire il nostro cuore e la nostra intuizione. In qualche modo, essi sanno che cosa vogliamo realmente diventare. Tutto il resto è secondario.

- Il tempo - Steve Jobs

La foto del mese

Cosa ti fa pensare? Liberazione da un vincolo. . . Rottura di un legame affettivo. . . Verifiche manutentive discutibili. . .

In Evidenza

  • CORSI DI FORMAZIONE LAVORATORI (FORMAZIONE GENERALE E SPECIFICA) – 05/06 NOVEMBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI FORMAZIONE PER RLS (COMPLETO) – A PARTIRE DAL 17 NOVEMBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI AGGIORNAMENTO FORMAZIONE LAVORATORI – 09 NOVEMBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI CARRELLI INDUSTRIALI – 12 E 13 NOVEMBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI AGGIORNAMENTO DATORI DI LAVORO/RSPP – 13/20/27 NOVEMBRE

    Approfondisci
           

I nostri Corsi

Organizziamo corsi in aula e online per la tua azienda. I corsi E-learning sono fruibili da qualsiasi dispositivo...

IL QUIZ DEL MESE: DI AMBIENTE COSA NE SAI?

Mettiti alla prova con 4 livelli di difficoltà per verificare le tue conoscenze...

PARTNER - SITI AMICI

Scopri i nostri partner

Manualistica

Vedi Manuali disponibili

Cerca con i Tags

ARPA   BAT   CIT   COVID-19   CPI   GSE   INPS   ISPRA   MOG   OT24   RAEE   RSPP   acqua   acustica   agenti biologici   agenti cancerogeni   agenti chimici   agenti fisici   aia   albo gestori ambientali   ambiente   amianto   aria   atex   atmosfere esplosive   attrezzature di lavoro   aua   audit   bonifiche   burn out   cantieri   cem   certificazioni iso   circolare   clima   clp   codici cer   comunicazione   controlli   ctd   danno ambientale   datore di lavoro   dpi   due diligence   ecologia   economia   edilizia   emergenze   emissioni   energia   ergonomia   età   f-gas   finanziamenti   formazione   fotovoltaico   gas effetto serra   imballaggi   impianti   inail   incidente rilevante   infortunio   inquinamento   interpelli   lavori in quota   lavoro agile   lavoro notturno   legionella   linee guida   luoghi di lavoro   macchine   malattia   malattia professionale   manuale   manutenzione   marcatura ce   medico competente   microclima   mmc   modulistica   mud   normativa   norme tecniche   prevenzione   prevenzione incendi   primo soccorso   privacy   procedura   provincia   qualità   radiazioni ionizzanti   reach   registro infortuni   responsabilità   rifiuti   rls   roa   rumore   salute   segnaletica   sentenza   sicurezza   sistemi di gestione   sistri   smartworking   sorveglianza sanitaria   sostanze pericolose   spazi confinati   stress   terre e rocce da scavo   trasporti   valutazione dei rischi   vas   vdt   verifiche periodiche   via   vibrazioni   vigili del fuoco  

Area Riservata

 Ven 2 Ott 2020

NUOVA PRASSI DI RIFERIMENTO UNI/PDR 87:2020

  luoghi di lavoro , sistemi di gestione , valutazione dei rischi

NUOVA PRASSI DI RIFERIMENTO UNI/PDR 87:2020

In data 01 luglio 2020 l’UNI ha pubblicato un nuovo documento di riferimento per Datori di lavoro, RSPP e soggetti coinvolti nella gestione della sicurezza nei luoghi di lavoro. Il documento tratta tutte le attività del servizio di prevenzione e protezione con un approccio da sistema di gestione. Non si tratta di una norma nazionale ma di un documento pubblicato da UNI che raccoglie prescrizioni relative a prassi condivise all'interno del CNI (Consiglio Nazionale degli Ingegneri), firmatario di un accordo di collaborazione con la stessa UNI.

Con “prassi di riferimento” si intende un documento nazionale (come previsto dal Regolamento UE n.1025/2012) che introduce prescrizioni tecniche, pubblicato da UNI e avente validità di 5 anni, allo scadere dei quali è convertito in norma tecnica o ritirato; fino ad allora il documento è considerato “in vigore”.

La PdR 87:2020 (cfr. allegato) è il primo documento pubblicato da un ente di normazione che elenca e descrive le attività del servizio di prevenzione e protezione con l’obiettivo è fornire linee guida e modelli di attuazione di quanto previsto dall’art. 33, comma 1, lettere dalla a) alla f) del D.Lgs. 81/2008.

Il documento elenca le attività tipiche e i compiti del SPP, attraverso un approccio che segue la logica del ciclo di Deming PDCA (Plan, Do, Check, Act), largamente utilizzato nelle norme internazionali (ISO) di riferimento per i sistemi di gestione salute, sicurezza e ambiente, nell’ottica del miglioramento continuo:

PLAN

Analisi del contesto organizzativo

Individuazione dei requisiti legislativi, acquisizione e controllo della documentazione

Identificazione dei pericoli e valutazione dei rischi

Individuazione e pianificazione delle misure e interventi di prevenzione e protezione da attuare

DO

Attuazione, controllo operativo e verifica delle misure di prevenzione generali di tutela pianificate e della loro efficacia

Gestione delle procedure organizzative, gestionali e operative interne e di rapporto con le autorità e i fornitori

Gestione delle procedure inerenti i processi di formazione, comunicazione (interna e esterna), informazione, consultazione e partecipazione

CHECK

Riesame periodico, analisi e valutazione dei dati di monitoraggio e controllo; rilevazione di non conformità, infortuni, incidenti e anomalie

ACT

Identificazione delle azioni correttive e migliorative ai fini del miglioramento continuo

​Il documento fornisce, infine, indicazioni metodologiche (a titolo esemplificativo e non esaustivo) utili a orientare sia il Datore di lavoro che il SPP, tenendo conto del livello di rischio, della dimensione dell’organizzazione e di eventuali altri fattori. La metodologia utilizzata adotta una suddivisione per “livello di rischio” e “numero di lavoratori occupati” a cui associare dei parametri temporali minimi per l’espletamento delle attività. Questo approccio permette di associare a ogni attività una stima orientativa del tempo necessario a organizzare e svolgere le attività del SPP.







A cura di: Ing. Riccardo BESSONE


ALLEGATI
  Allegato: PdR 87:2020

Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.