logo

In Evidenza

  • CORSI DI AGGIORNAMENTO ADDETTI E TECNICI RIMOZIONE, BONIFICA E SMALTIMENTO MATERIALI CONTENENTI AMIANTO – 30 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI FORMAZIONE DL/RSPP – A PARTIRE DAL 20 SETTEMBRE

    Approfondisci
           

La foto del mese

Cosa ti fa pensare? Liberazione da un vincolo. . . Rottura di un legame affettivo. . . Verifiche manutentive discutibili. . .

La frase del mese

Il nostro tempo è limitato, per cui non lo dobbiamo sprecare vivendo la vita di qualcun altro. Non facciamoci intrappolare dai dogmi, che vuol dire vivere seguendo i risultati del pensiero di altre persone. Non lasciamo che il rumore delle opinioni altrui offuschi la nostra voce interiore. E, cosa più importante di tutte, dobbiamo avere il coraggio di seguire il nostro cuore e la nostra intuizione. In qualche modo, essi sanno che cosa vogliamo realmente diventare. Tutto il resto è secondario.

- Il tempo - Steve Jobs

I nostri Corsi

Organizziamo corsi in aula e online per la tua azienda. I corsi E-learning sono fruibili da qualsiasi dispositivo...

IL QUIZ DEL MESE: DI AMBIENTE COSA NE SAI?

Mettiti alla prova con 4 livelli di difficoltà per verificare le tue conoscenze...

PARTNER - SITI AMICI

Scopri i nostri partner

Manualistica

Vedi Manuali disponibili

Cerca con i Tags

ARPA   BAT   CIT   COVID-19   CPI   GSE   INPS   ISPRA   MOG   OT23   RAEE   RSPP   acqua   acustica   agenti biologici   agenti cancerogeni   agenti chimici   agenti fisici   agricoltura   aia   albo gestori ambientali   ambiente   amianto   aria   atex   atmosfere esplosive   attrezzature di lavoro   aua   audit   bonifiche   burn out   cantieri   cem   certificazioni iso   circolare   clima   clp   codici cer   comunicazione   controlli   ctd   danno ambientale   datore di lavoro   dpi   due diligence   ecologia   economia   edilizia   emergenze   emissioni   energia   ergonomia   età   f-gas   finanziamenti   formazione   fotovoltaico   gas effetto serra   imballaggi   impianti   inail   incidente rilevante   infortunio   inquinamento   interpelli   lavori in quota   lavoro agile   lavoro notturno   legionella   linee guida   luoghi di lavoro   macchine   malattia   malattia professionale   manuale   manutenzione   marcatura ce   medico competente   microclima   mmc   modulistica   mud   normativa   norme tecniche   prevenzione   prevenzione incendi   primo soccorso   privacy   procedura   provincia   qualità   radiazioni ionizzanti   reach   registro infortuni   responsabilità   rifiuti   rischio incendio   rls   roa   rumore   salute   segnaletica   sentenza   sicurezza   sistemi di gestione   sistri   smartworking   sorveglianza sanitaria   sostanze pericolose   spazi confinati   stress   terre e rocce da scavo   trasporti   valutazione dei rischi   vas   vdt   verifiche periodiche   via   vibrazioni   vigili del fuoco  

Area Riservata

 Mar 3 Ago 2021

NOVITA' ALL'ORIZZONTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO NEI LUOGHI DI LAVORO

  normativa , rischio incendio , valutazione dei rischi

NOVITA' ALL'ORIZZONTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO NEI LUOGHI DI LAVORO

A 12 anni dall’entrata in vigore del D.Lgs. 81/2008 finalmente vedranno la luce le nuove disposizioni previste dall’art. 46 comma 3 dello stesso decreto. Nel corso dell’ultimo anno, infatti, il Corpo Nazionale dei Vigili del fuoco e il Ministero del lavoro hanno elaborato quelli che saranno i decreti sostitutivi del D.M. 10 marzo 1998, decreto che, fino ad oggi, ha rappresentato il principale riferimento normativo per la valutazione del rischio incendio nei luoghi di lavoro.

Nel mese di maggio, infatti, il CCTS (Comitato centrale tecnico scientifico) ha presentato le stesure finali dei tre decreti che manderanno in pensione il D.M. 10/03/98, in attesa di essere pubblicati in Gazzetta Ufficiale: si tratta dei c.d. “Decreto Controlli”, “Decreto GSA” e “Decreto Mini-codice”.

La ragione principale di questa rivoluzione normativa è quella di collegare il mondo della sicurezza e salute sul lavoro con quello della prevenzione incendi adeguando, in termini di approccio e di linguaggio, la normativa destinata alle attività non soggette ai controlli dei Vigili del Fuoco (generalmente attività a basso rischio di incendio) a quella relativa alle attività soggette (ai sensi del D.P.R. 151/2011).

Decreto controlli

Il “Decreto controlli” si occupa dei “criteri generali per il controllo e la manutenzione degli impianti, attrezzature ed altri sistemi di sicurezza antincendio”, ai sensi dell’art.46 co.3 lett.1 punto 3 del D.Lgs. 81/08 e introduce l’obbligatorietà della qualificazione dei tecnici manutentori (secondo le modalità stabilite all’Allegato II). Si ribadisce, inoltre, che l’adozione della normativa tecnica volontaria (norme ISO, UNI, IEC, EN, CEI) conferisce presunzione di conformità, ma rimane non obbligatoria, per quanto suggerita.

Decreto GSA

Il “Decreto GSA” stabilisce i “criteri per la gestione dei luoghi di lavoro in esercizio ed in emergenza e caratteristiche dello specifico servizio di prevenzione e protezione antincendio”, ai sensi dell’art. 46 co.3 lett.1 punti 2 e 4 del D.Lgs. 81/08 e ridefinisce i criteri per predisporre il piano di emergenza e per la formazione degli addetti servizio antincendio, stabilendo la cadenza dell’aggiornamento quinquennale.

Decreto Mini-Codice 

Il “Decreto Mini-Codice” definisce i “criteri generali di progettazione e realizzazione ed esercizio della sicurezza antincendio per i luoghi di lavoro”, ai sensi dell’art.46 co.3 lett.1 punto 1 del D.Lgs. 81/08. Il Mini-Codice è destinato ai luoghi di lavoro a basso rischio di incendio e introduce un approccio di tipo prestazionale, in linea con quanto realizzato dal Codice di prevenzione incendi, ma in forma semplificata.

Il decreto chiarisce:

- la sua applicazione ai luoghi di lavoro (esclusi i cantieri edili), che deve risultare complementare alla valutazione del rischio esplosione, se necessaria;

- che la valutazione rischio incendio va effettuata con il nuovo decreto nel momento in cui occorrono modifiche come previsto dall’art.29 comma 3 del D.Lgs. 81/08;

- e non da ultimo che l’entrata in vigore sarà un anno dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Il Mini-Codice classifica a basso rischio di incendio i luoghi di lavoro ubicati nelle attività cosiddette “non soggette” e “non normate”, ossia non sottoposte a controllo dei Vigili del Fuoco e prive di regola tecnica verticale (RTO). In più, per essere considerato a basso rischio d’incendio, ai fini dell’applicazione del nuovo decreto, il luogo di lavoro deve rispondere a sette requisiti aggiuntivi, verificati contemporaneamente:

- adibiti ad attività afferenti ad un solo responsabile dell’attività̀;

- con affollamento complessivo ≤ 100 occupanti;

- con superficie lorda complessiva ≤ 1000 m2;

- con piani situati a quota compresa tra -5 m e +24 m;

- ove non si detengono o trattano materiali combustibili in quantità significative;

- ove non si detengono o trattano sostanze o miscele pericolose in quantità̀ significative;

- ove non si effettuano lavorazioni pericolose ai fini dell’incendio.

Come già faceva il D.M. 10/03/98, il Mini-Codice non prende in considerazione le misure di reazione e resistenza al fuoco ma fornisce indicazioni essenziali per una corretta progettazione delle altre misure (previste anche dal Codice): compartimentazione, esodo, gestione della sicurezza antincendio, controllo dell'incendio, rivelazione e allarme, controllo di fumi e calore, operatività antincendio, sicurezza degli impianti tecnologici e di servizio.

Per i luoghi di lavoro non classificabili a basso rischio di incendio, invece, si applica la regola tecnica orizzontale (RTO) del Codice di prevenzione incendi (D.M. 03/08/2015), sottolineando la stretta interconnessione che lega “sicurezza sul lavoro” (D.Lgs. 81/2008) e “prevenzione incendi” (Codice).



A cura di: Ing. Riccardo BESSONE


Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.