logo

In Evidenza

  • CORSI DI AGGIORNAMENTO PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI PLE – 01 MARZO

    Approfondisci
  • CORSO DI AGGIORNAMENTO PER ADDETTI ANTINCENDIO - RISCHIO BASSO, MEDIO, ALTO - 02 MARZO

    Approfondisci
  • CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI ANTINCENDIO – RISCHIO BASSO E MEDIO – 02 MARZO

    Approfondisci
  • CORSI DI AGGIORNAMENTO PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI CARRELLI ELEVATORI – 01 MARZO

    Approfondisci
  • CORSO DI AGGIORNAMENTO FORMAZIONE LAVORATORI – 09 MARZO

    Approfondisci
  • CORSO DI AGGIORNAMENTO PER RLS – 15 MARZO

    Approfondisci
  • CORSO DI AGGIORNAMENTO PER ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO – 24 MARZO

    Approfondisci
  • CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO - A - B - C – 22/23 MARZO

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE LAVORATORI (FORMAZIONE GENERALE E SPECIFICA) – 04/05 MARZO

    Approfondisci
  • PUBBLICATO IL CALENDARIO DELLA FORMAZIONE IN AULA PER L'ANNO 2021

    Approfondisci
           

La foto del mese

Cosa ti fa pensare? Liberazione da un vincolo. . . Rottura di un legame affettivo. . . Verifiche manutentive discutibili. . .

La frase del mese

Il nostro tempo è limitato, per cui non lo dobbiamo sprecare vivendo la vita di qualcun altro. Non facciamoci intrappolare dai dogmi, che vuol dire vivere seguendo i risultati del pensiero di altre persone. Non lasciamo che il rumore delle opinioni altrui offuschi la nostra voce interiore. E, cosa più importante di tutte, dobbiamo avere il coraggio di seguire il nostro cuore e la nostra intuizione. In qualche modo, essi sanno che cosa vogliamo realmente diventare. Tutto il resto è secondario.

- Il tempo - Steve Jobs

I nostri Corsi

Organizziamo corsi in aula e online per la tua azienda. I corsi E-learning sono fruibili da qualsiasi dispositivo...

IL QUIZ DEL MESE: DI AMBIENTE COSA NE SAI?

Mettiti alla prova con 4 livelli di difficoltà per verificare le tue conoscenze...

PARTNER - SITI AMICI

Scopri i nostri partner

Manualistica

Vedi Manuali disponibili

Cerca con i Tags

ARPA   BAT   CIT   COVID-19   CPI   GSE   INPS   ISPRA   MOG   OT23   RAEE   RSPP   acqua   acustica   agenti biologici   agenti cancerogeni   agenti chimici   agenti fisici   agricoltura   aia   albo gestori ambientali   ambiente   amianto   aria   atex   atmosfere esplosive   attrezzature di lavoro   aua   audit   bonifiche   burn out   cantieri   cem   certificazioni iso   circolare   clima   clp   codici cer   comunicazione   controlli   ctd   danno ambientale   datore di lavoro   dpi   due diligence   ecologia   economia   edilizia   emergenze   emissioni   energia   ergonomia   età   f-gas   finanziamenti   formazione   fotovoltaico   gas effetto serra   imballaggi   impianti   inail   incidente rilevante   infortunio   inquinamento   interpelli   lavori in quota   lavoro agile   lavoro notturno   legionella   linee guida   luoghi di lavoro   macchine   malattia   malattia professionale   manuale   manutenzione   marcatura ce   medico competente   microclima   mmc   modulistica   mud   normativa   norme tecniche   prevenzione   prevenzione incendi   primo soccorso   privacy   procedura   provincia   qualità   radiazioni ionizzanti   reach   registro infortuni   responsabilità   rifiuti   rischio incendio   rls   roa   rumore   salute   segnaletica   sentenza   sicurezza   sistemi di gestione   sistri   smartworking   sorveglianza sanitaria   sostanze pericolose   spazi confinati   stress   terre e rocce da scavo   trasporti   valutazione dei rischi   vas   vdt   verifiche periodiche   via   vibrazioni   vigili del fuoco  

Area Riservata

 Lun 18 Gen 2021

MASCHERINE E APPANNAMENTO DEGLI OCCHIALI: COME RIMEDIARE A QUESTO FASTIDIOSO PROBLEMA?

  COVID-19 , dpi

MASCHERINE E APPANNAMENTO DEGLI OCCHIALI: COME RIMEDIARE A QUESTO FASTIDIOSO PROBLEMA?

Da quando l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha raccomandato l’uso delle mascherine per contenere la diffusione del Coronavirus, tutti coloro che indossano gli occhiali per correggere un disturbo visivo sono stati interessati da un problema che, se a primo impatto può sembrare di poco conto, in realtà è fastidioso per chi già soffre di un’alterazione della vista e deve utilizzare occhiali e mascherina tutto il giorno, magari all’interno di luoghi di lavoro: l’appannamento delle lenti.

Tale fenomeno può impedire alle persone comuni di svolgere in modo confortevole attività quotidiane (condurre automezzi, utilizzare il cellulare, fare la spesa, ecc.) ma può essere ancor più invalidante per persone che svolgono una attività lavorativa critica come ad esempio l’assistenza medica o lavori di precisione: il rischio è che qualcuno possa addirittura pensare di sganciare e togliere il dispositivo esponendosi al rischio di contrarre il virus.

I recenti Decreti hanno ribadito l’obbligo di utilizzo di DPI delle vie respiratorie riconducibili prevalentemente a due tipologie: maschere chirurgiche e facciali filtranti. Le prime sono dispositivi medici (limitano la diffusione del virus da parte di chi le utilizza), le seconde, invece, sono classificate come DPI e proteggono dal contagio chi le indossa. L’uso di maschere ad uso sociale autoprodotte o prive di certificazioni, previste inizialmente da alcuni Decreti Legge, è stato scoraggiato col tempo, ad esempio in scuole e uffici, poiché non danno sufficienti garanzie sulla loro efficacia.

Tutti i dispositivi filtrano l’aria, espirata o inspirata, trattenendo in percentuale diversa le particelle capaci di trasmettere il virus, ma è altrettanto importante che questi siano correttamente indossati per impedire fuoriuscite di aria da vie alternative a minore resistenza, (ad esempio lungo i bordi della maschera), bypassando così la filtrazione. Se ciò avviene in determinate condizioni ambientali, ecco che avverrà il fastidioso fenomeno di appannamento delle lenti.

In un tipico caso invernale, se i nostri occhiali si adattano alla temperatura di circa 10 °C, si ha la condensazione dell’80% dell’umidità emessa col respiro, mentre se gli occhiali hanno una temperatura di circa 20 °C si ha la condensazione di circa il 50% dell’umidità emessa col respiro. Questo fenomeno, inoltre, si verifica normalmente quando entriamo in un ambiente più caldo, ma in questo caso si interrompe quando la temperatura delle lente eguaglia quella dell’ambiente.

Fortunatamente il problema può essere evitato, del tutto o almeno in parte, adottando alcuni accorgimenti pratici:

- Scegliere il dispositivo per noi più ergonomico e la taglia più adatta alla conformazione del nostro viso;

- Sigillare il bordo superiore del dispositivo posizionando del nastro biadesivo tra la pelle ed il dispositivo, oppure applicare del cerotto sul bordo superiore.

- Assicurarsi che il nasello della mascherina sia ben stretto e che questa sia perfettamente aderente al ponte nasale, in modo che l’aria espirata fuoriesca lontano dagli occhiali, dal fondo o dai lati;

- Posizionare gli occhiali sul naso oltre il bordo della maschera in modo da consentire all’aria calda di uscire invece di rimanere intrappolata tra il viso e le lenti;

- Utilizzare prodotti anti appannamento come spray, cere o gel appositi o, in alternativa, lavare le lenti con acqua saponata (questo gesto lascia sulle lenti degli occhiali una sottile pellicola di tensioattivo che permette alle molecole d’acqua di diffondersi uniformemente sulla superfici, prevenendone l’appannamento);

- Preferire la respirazione dal naso, in quanto esso con la sua forma indirizza l’aria verso il basso;

- Nel caso si debba, invece, respirare dalla bocca, espirare tenendo il labbro superiore sopra il labbro inferiore, in modo da indirizzare il flusso d’aria verso il basso;

- Laddove fosse possibile, preferire l’uso delle lenti a contatto a quello degli occhiali, in quanto queste eliminano il problema dell’appannamento alla base.

Adottando questi accorgimenti saremo in grado di utilizzare i dispositivi in condizioni di maggiore comfort e, probabilmente, riusciremo a resistere più a lungo senza toccarli o sganciarli proteggendo così la nostra salute.





A cura di: Dott.ssa Elena RICHERI


Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.