logo

In Evidenza

  • CORSI DI FORMAZIONE ADDETTI E TECNICI RIMOZIONE, BONIFICA E SMALTIMENTO MATERIALI CONTENENTI AMIANTO – A PARTIRE DAL 8 GENNAIO

    Approfondisci
  • CORSO DI FORMAZIONE PER AUDITOR INTERNO DI SISTEMI DI GESTIONE (in collaborazione con BUREAU VERITAS) – 11 E 18 FEBBRAIO

    Approfondisci
  • PUBBLICATO IL CALENDARIO DELLA FORMAZIONE IN AULA PER L'ANNO 2019

    Approfondisci
           

La foto del mese

Auguri di buon Natale e di un sereno 2019

La frase del mese

Non ho voglia di tuffarmi
in un gomitolo di strade
Ho tanta stanchezza
sulle spalle
Lasciatemi cosi
come una cosa posata
in un angolo
e dimenticata
Qui non si sente altro
che il caldo buono
Sto con le quattro
capriole di fumo
del focolare

- Natale (Giuseppe Ungaretti)

I nostri Corsi

Organizziamo corsi in aula e online per la tua azienda. I corsi E-learning sono fruibili da qualsiasi dispositivo...

IL QUIZ DEL MESE: DI AMBIENTE COSA NE SAI?

Mettiti alla prova con 4 livelli di difficoltà per verificare le tue conoscenze...

PARTNER - SITI AMICI

Scopri i nostri partner

Manualistica

Vedi Manuali disponibili

Cerca con i Tags

ARPA   CIT   CPI   ISPRA   MOG   OT24   RSPP   acqua   acustica   agenti biologici   agenti cancerogeni   agenti chimici   agenti fisici   aia   albo gestori ambientali   ambiente   amianto   aria   atex   atmosfere esplosive   attrezzature di lavoro   aua   audit   bonifiche   burn out   cantieri   cem   certificazioni iso   clp   codici cer   comunicazione   controlli   ctd   danno ambientale   datore di lavoro   dpi   due diligence   ecologia   edilizia   emergenze   emissioni   energia   ergonomia   f-gas   finanziamenti   formazione   gas effetto serra   imballaggi   impianti   inail   incidente rilevante   infortunio   inquinamento   interpelli   lavoro notturno   legionella   linee guida   luoghi di lavoro   macchine   malattia professionale   manuale   manutenzione   marcatura ce   medico competente   microclima   mmc   modulistica   mud   normativa   prevenzione incendi   primo soccorso   privacy   provincia   qualità   radiazioni ionizzanti   reach   registro infortuni   responsabilità   rifiuti   rls   roa   rumore   salute   segnaletica   sentenza   sicurezza   sistemi di gestione   sistri   sorveglianza sanitaria   sostanze pericolose   spazi confinati   stress   terre e rocce da scavo   trasporti   valutazione dei rischi   vas   vdt   verifiche periodiche   via   vibrazioni  

Area Riservata

 Mer 7 Ott 2015

L’IMPORTANZA DELLO SPAZIO DI LAVORO

  ergonomia , luoghi di lavoro , stress

Immagine

Una postazione ben progettata, in grado di rispondere alle specifiche esigenze di chi ci lavora, incide positivamente sul benessere lavorativo, influenzando la produttività del singolo e del gruppo e favorendo rapporti di qualità sia all’interno dell’azienda che con i clienti.

Tramite il coordinamento di varie attività, partendo da un’analisi della singola azienda che consideri tutti i suoi aspetti, quantitativi e qualitativi, si possono creare ambienti di lavoro in grado di garantire elevati livelli di benessere organizzativo anche in termini di produttività e di performance.

Il modo in cui l’ambiente fisico di lavoro può influenzare la salute del lavoratore è abbastanza ovvio, meno evidente è, invece, verificare le influenze a livello psicologico, ambito in cui il dato principale è come i lavoratori interpretano le caratteristiche di questi spazi, e quindi i risvolti sui loro comportamenti, considerando, tuttavia, che ciò che in realtà incide non è solo un elemento, ma la combinazione di vari fattori. Gli aspetti ambientali del posto di lavoro includono fattori quali il rumore, l’illuminazione, la qualità dell’aria, il comfort dal punto di vista della temperatura, la disposizione degli arredi e l’ergonomia, gli aspetti legati ai processi (come la possibilità di partecipare alla progettazione), ma anche agli obiettivi organizzativi; se le condizioni ambientali non sono adeguate, ciò si ripercuote negativamente tanto sul senso di soddisfazione lavorativa, quanto sulla produttività.

Ancora maggiormente collegato alla soddisfazione e alla produttività è il concetto di “comfort funzionale”, che va oltre al tradizionale concetto di comfort basato sulla misurazione delle reazioni dei lavoratori alla variazione di condizioni ambientali (temperatura, umidità, ventilazione, illuminazione, ecc.), collegando gli aspetti psicologici positivi e negativi dell’ambiente dei lavoratori con misure concrete relative al miglioramento delle prestazioni nei compiti e all’efficacia del team.

Il modo in cui un ambiente di lavoro è progettato, il suo lay-out, influisce anche sulla prestazione lavorativa, sull’impegno dei lavoratori, sullo sviluppo di nuove competenze nell’organizzazione e sulla crescita del “capitale umano”, aspetto intangibile dell’organizzazione rappresentato dagli elementi non fisici peculiari delle persone, come il sapere, le competenze, le esperienze e in genere le qualità personali e umane messe in campo che, assieme al “capitale organizzativo” e a quello “relazionale”, costituiscono il “capitale intellettuale” di un’azienda.

In questo contesto il termine “comportamento” assume un significato molto ampio comprendente non solo le azioni e le reazioni, ma anche le attitudini, i sentimenti, le aspettative, i valori e le credenze di chi lavora. Ciò significa concentrarsi sulle caratteristiche fisiche osservabili, ma anche sugli atteggiamenti che le persone hanno verso un particolare ambiente, ed è quindi importante il loro livello di soddisfazione percepita. La soddisfazione ambientale è, dunque, una misura implicita non solo dell’efficienza dell’ambiente di lavoro, ma anche della soddisfazione del lavoro.

Mentre il “comfort fisico” cerca di andare incontro ai bisogni umani di base, come sicurezza, igiene e accessibilità, il “comfort funzionale” viene considerato come un supporto allo svolgimento dei compiti e alle attività del lavoratore. La differenza tra un ambiente che supporta e uno che non supporta si valuta dal grado in cui chi lo occupa può conservare le sue energie e le sue risorse attentive per svolgere i suoi compiti, piuttosto che spenderle per fronteggiare condizioni ambientali avverse che causano stress e che hanno quindi conseguenze negative sulla produttività.  Altro elemento importante è l’adattabilità degli spazi: uno spazio di lavoro non può essere progettato per essere definitivo e sostenere qualsiasi attività o compito, in maniera indifferenziata, ma piuttosto deve essere adattabile e negoziabile. Avere la possibilità di adattare il proprio spazio di lavoro incide anche su un aspetto molto importante rispetto al benessere lavorativo: la motivazione, ossia la spinta sostanziale che muove la persona all’azione. La dedizione al lavoro e la disponibilità ad affrontare i sacrifici, in termini sia di investimento di energie sul lavoro sia di organizzazione della propria vita privata, sono tra gli aspetti più significativi del fatto che i dipendenti vivano positivamente l’ambiente e l’organizzazione del lavoro.

L’utilizzo di uno spazio, anche quello di lavoro, è da considerarsi soddisfacente se, oltre a servire per lo scopo per il quale è stato progettato, lascia all’individuo uno “spazio di gioco”, in qualche modo, uno spazio all’immaginazione del singolo. L’eccesso di funzionalità può ostacolare una “crescita” nella persona che frequenta quel dato ambiente e renderla in qualche modo prigioniera dell’utilizzo specifico; più gli ambienti sono flessibili e permettono alle persone di adattarseli, più si prestano a una gestione poliedrica della propria immagine, più contribuiscono a un’attività di rielaborazione creativa, indirizzata verso bisogni espressi e inespressi. Sostengono l’autovalutazione del singolo circa la propria capacità di autodeterminarsi, di compiere atti “creativi” e “responsabili”, di adeguarsi ai tempi attivamente; ciò è collegato anche al concetto di “controllo sull’ambiente”, alla percezione di controllo da parte del lavoratore, che si sviluppa sostanzialmente su due livelli: meccanico-strumentale e di responsabilizzazione.

Favorire il controllo sull’ambiente evidenzia effetti positivi, favorendo le possibilità del lavoratore di partecipare al processo di decisione su come realizzare un determinato spazio di lavoro; l’accesso a queste opportunità aiuta la persona a gestire le richieste ambientali e la incoraggia a individuare nuove strategie per risolvere i problemi, evitando di incorrere nel rischio di sviluppare demotivazione e senso di impotenza appresa.

Queste considerazioni non possono dunque tralasciare l’importanza che lo spazio fisico riveste nell’interscambio comunicativo e collaborativo tra i membri di un’azienda; esso è infatti da considerare come un “mezzo di comunicazione” con cui ogni individuo si rende più o meno accessibile agli altri, con l’esigenza di incrementare e facilitare la comunicazione tra i lavoratori, i rapporti sociali e collaborativi. Ciò richiede un’analisi che tenga in considerazione aspetti e bisogni diversi, individuali e collettivi, tra loro in relazione dinamica, in quanto lo spazio personale del singolo si modifica proprio secondo le relazioni instaurate con gli altri nei vari contesti.



A cura di: Dott.ssa Elena RICHERI


Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.