logo

La foto del mese

Eppure il geometra mi ha detto di aver preso le misure tre volte. . .

La frase del mese

La follia sta nel fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi.

- Albert EINSTEIN

In Evidenza

  • PUBBLICATO IL CALENDARIO DELLA FORMAZIONE IN AULA PER L'ANNO 2019

    Approfondisci
           

I nostri Corsi

Organizziamo corsi in aula e online per la tua azienda. I corsi E-learning sono fruibili da qualsiasi dispositivo...

IL QUIZ DEL MESE: CONOSCI LA SICUREZZA?

Mettiti alla prova con 4 livelli di difficoltà per verificare le tue conoscenze...

PARTNER - SITI AMICI

Scopri i nostri partner

Manualistica

Vedi Manuali disponibili

Cerca con i Tags

ARPA   CIT   CPI   ISPRA   MOG   OT24   RSPP   acqua   acustica   agenti biologici   agenti cancerogeni   agenti chimici   agenti fisici   aia   albo gestori ambientali   ambiente   amianto   aria   atex   atmosfere esplosive   attrezzature di lavoro   aua   audit   bonifiche   burn out   cantieri   cem   certificazioni iso   clp   codici cer   comunicazione   controlli   ctd   danno ambientale   datore di lavoro   dpi   due diligence   ecologia   edilizia   emergenze   emissioni   energia   ergonomia   f-gas   finanziamenti   formazione   gas effetto serra   imballaggi   impianti   inail   incidente rilevante   infortunio   inquinamento   interpelli   lavoro notturno   legionella   linee guida   luoghi di lavoro   macchine   malattia professionale   manuale   manutenzione   marcatura ce   medico competente   microclima   mmc   modulistica   mud   normativa   prevenzione incendi   primo soccorso   privacy   provincia   qualità   radiazioni ionizzanti   reach   registro infortuni   responsabilità   rifiuti   rls   roa   rumore   salute   segnaletica   sentenza   sicurezza   sistemi di gestione   sistri   sorveglianza sanitaria   sostanze pericolose   spazi confinati   stress   terre e rocce da scavo   trasporti   valutazione dei rischi   vas   vdt   verifiche periodiche   via   vibrazioni  

Area Riservata

 Lun 13 Mag 2019

LE ICT NEI LUOGHI DI LAVORO: I 5 FACT SHEET INAIL PER CAPIRE I NUOVI RISCHI SULLA SICUREZZA

  inail , salute , sicurezza , valutazione dei rischi

i

L’uso sempre maggiore delle Information and Communication Technology (ICT) ha comportato profondi cambiamenti che influenzano la società, il mercato e l’organizzazione del lavoro nonché le abitudini di vita.

I nuovi processi collegati a queste tecnologie, oltre a creare nuove opportunità di lavoro e migliorarne la qualità, possono però anche determinare l’insorgere di nuovi rischi. E’ dunque importante analizzare le opportunità e le criticità derivanti dal loro utilizzo e comprendere quale possa essere il loro impiego da parte delle aziende in ambito di salute e sicurezza sul lavoro, anche alla luce delle trasformazioni in atto nelle modalità di lavoro e nei processi informativi/formativi.

A questo proposito sono state pubblicate da INAIL cinque Fact Sheet sull’impatto e la diffusione delle ICT nelle aziende e sul benessere dei lavoratori.

Le cinque schede (scaricabili a fine articolo) approfondiscono i seguenti argomenti:

ICT: Nuove modalità di lavoro (cfr. allegato 1);

ICT: Piattaforme social e di collaborazione sul lavoro (cfr. allegato 2);

ICT: Innovazione nelle modalità formative nel settore ssl (cfr. allegato 3);

ICT: Distorsioni d’uso (cfr. allegato 4);

ICT: Benessere dei lavoratori (cfr. allegato 5).

In ognuno di questi documenti vengono analizzati aspetti focali dell’argomento, con particolare riguardo sia alle immense possibilità introdotte dalle ICT, ma anche (e soprattutto) ai problemi che potrebbero nascere da un loro uso scorretto o dall’abuso che se ne potrebbe fare.

A tale proposito, l’ultimo Fact Sheet (“ICT: Benessere dei lavoratori”) indaga nello specifico il campo del benessere dei lavoratori che si trovano a rapportarsi con le nuove tecnologie; vediamone di seguito un breve riassunto.

“L’uso delle ICT può generare benefici di business, ma può anche causare reazioni negative negli individui, che pertanto devono essere analizzate e gestite. Tra le conseguenze negative emerge il technostress, definito per la prima volta da Brod come una malattia moderna causata dall’incapacità di far fronte o trattare le informazioni e le nuove tecnologie di comunicazione in modo sano. Salanova, contestualizzandolo in ambito lavorativo, lo ha definito come uno stato psicologico negativo associato all’uso delle ICT e ha evidenziato che tale esperienza può essere correlata a sentimenti di ansia, affaticamento mentale, scetticismo e inefficienza. Anche l’uso assiduo e l’abuso di internet sono legati a variabili psicosociali, come la vulnerabilità psicologica, lo stress quotidiano e il sostegno sociale, tanto che i sintomi di un uso eccessivo (technoaddiction) possono essere identificati con i criteri utilizzati per la diagnosi di altre dipendenze.”

I potenziali fattori di rischio nell’uso dell’Information Technology nei luoghi di lavoro sono stati identificati basandosi sul modello Management Standards approntato dall’Health and Safety Executive (HSE) e analizzati tenendo conto di sette dimensioni organizzative chiave riconosciute in letteratura scientifica come potenziali fattori di rischi e corrispondenti a sette stati/condizioni ideali da conseguire per il successo organizzativo:

Domanda (gli utenti delle ICT sono spesso forzati a lavorare più velocemente e più a lungo, con ripercussioni negative in ambito psicologico e fisiologico);

- Controllo (un uso eccessivo delle ICT implica una mancanza di controllo sul ritmo del lavoro e una pressione elevata rispetto alle risposte attese);

- Supporto del management (il management per ridurre l’effetto dello stress legato all’introduzione della tecnologia nei processi lavorativi dovrebbe favorire l’alfabetizzazione digitale, migliorare l’assistenza tecnica e informare adeguatamente i lavoratori);

- Supporto dei colleghi (l’utilizzo di piattaforme social e di collaborazione, che favoriscono il confronto e il supporto tra pari, riduce le criticità legate all’uso delle ICT);

Relazioni (con le ICT a lavoro le interazioni fisiche diminuiscono e diventano artefatte, inoltre sono emersi nuovi fattori di rischio quali cyberharassment at work, cyberstalking, cyberbullying e violazione della privacy);

- Ruolo (con l’uso delle ICT i confini lavorativi dei gruppi di lavoro in termini di interazioni, compiti e spazi fisici rischiano di sovrapporsi, con conseguente caos, attriti e confusione);

- Cambiamento (Se da un lato i nuovi sistemi comunicativi e di informazione rappresentano un valido supporto all’innovazione, incoraggiando la comunicazione e lo sviluppo di nuove idee e promuovendo i rapporti tra i dipendenti, dall’altro espongono i lavoratori al confronto con una tecnologia nuova il cui utilizzo non sempre risulta agevole e di facile comprensione).

Per ognuna di queste dimensioni vengono poi proposti dei brevi testi esplicativi che ne definiscono meglio significato e ambito di applicazione.

Chiude la scheda un utile paragrafo dedicato alle misure di prevenzione che “possono riguardare il livello individuale e il livello organizzativo. A livello individuale sono importanti quelle che consentono al lavoratore di mettere in atto comportamenti per cambiare la situazione come le strategie di problem solving. Le strategie a livello organizzativo dovrebbero riguardare la diminuzione delle richieste poste ai lavoratori e l’implementazione delle risorse anche in termini di supporto tecnico e formazione. “.

A disposizione le cinque schede INAIL per una visione più approfondita dell’argomento.





A cura di: Dott.ssa Elena RICHERI


ALLEGATI
  Allegato 1: ICT - Nuove modalità di lavoro
  Allegato 2: ICT - Piattaforme social e di collaborazione sul lavoro
  Allegato 3: ICT - Innovazione nelle modalità formative nel settore ssl
  Allegato 4: ICT - Distorsioni d’uso
  Allegato 5: ICT - Benessere dei lavoratori

Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.