logo

La frase del mese

Il nostro tempo è limitato, per cui non lo dobbiamo sprecare vivendo la vita di qualcun altro. Non facciamoci intrappolare dai dogmi, che vuol dire vivere seguendo i risultati del pensiero di altre persone. Non lasciamo che il rumore delle opinioni altrui offuschi la nostra voce interiore. E, cosa più importante di tutte, dobbiamo avere il coraggio di seguire il nostro cuore e la nostra intuizione. In qualche modo, essi sanno che cosa vogliamo realmente diventare. Tutto il resto è secondario.

- Il tempo - Steve Jobs

La foto del mese

Cosa ti fa pensare? Liberazione da un vincolo. . . Rottura di un legame affettivo. . . Verifiche manutentive discutibili. . .

In Evidenza

  • CORSO DI AGGIORNAMENTO PER RLS – 01 DICEMBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE LAVORATORI (FORMAZIONE GENERALE E SPECIFICA) – 10/11 DICEMBRE

    Approfondisci
           

I nostri Corsi

Organizziamo corsi in aula e online per la tua azienda. I corsi E-learning sono fruibili da qualsiasi dispositivo...

IL QUIZ DEL MESE: DI AMBIENTE COSA NE SAI?

Mettiti alla prova con 4 livelli di difficoltà per verificare le tue conoscenze...

PARTNER - SITI AMICI

Scopri i nostri partner

Manualistica

Vedi Manuali disponibili

Cerca con i Tags

ARPA   BAT   CIT   COVID-19   CPI   GSE   INPS   ISPRA   MOG   OT24   RAEE   RSPP   acqua   acustica   agenti biologici   agenti cancerogeni   agenti chimici   agenti fisici   aia   albo gestori ambientali   ambiente   amianto   aria   atex   atmosfere esplosive   attrezzature di lavoro   aua   audit   bonifiche   burn out   cantieri   cem   certificazioni iso   circolare   clima   clp   codici cer   comunicazione   controlli   ctd   danno ambientale   datore di lavoro   dpi   due diligence   ecologia   economia   edilizia   emergenze   emissioni   energia   ergonomia   età   f-gas   finanziamenti   formazione   fotovoltaico   gas effetto serra   imballaggi   impianti   inail   incidente rilevante   infortunio   inquinamento   interpelli   lavori in quota   lavoro agile   lavoro notturno   legionella   linee guida   luoghi di lavoro   macchine   malattia   malattia professionale   manuale   manutenzione   marcatura ce   medico competente   microclima   mmc   modulistica   mud   normativa   norme tecniche   prevenzione   prevenzione incendi   primo soccorso   privacy   procedura   provincia   qualità   radiazioni ionizzanti   reach   registro infortuni   responsabilità   rifiuti   rls   roa   rumore   salute   segnaletica   sentenza   sicurezza   sistemi di gestione   sistri   smartworking   sorveglianza sanitaria   sostanze pericolose   spazi confinati   stress   terre e rocce da scavo   trasporti   valutazione dei rischi   vas   vdt   verifiche periodiche   via   vibrazioni   vigili del fuoco  

Area Riservata

 Gio 11 Giu 2020

LE CONSEGUENZE DELLO SMARTWORKING AI TEMPI DEL COVID-19: I RISULTATI DEL SONDAGGIO COMMISSIONATO DA LINKEDIN

  COVID-19 , smartworking , stress

LE CONSEGUENZE DELLO SMARTWORKING AI TEMPI DEL COVID-19: I RISULTATI DEL SONDAGGIO COMMISSIONATO DA LINKEDIN

Negli ultimi mesi il Coronavirus ha imposto un grande cambiamento nelle vite di molti lavoratori, costringendoli a riadattare la propria quotidianità entro i confini delle proprie mura domestiche.

LinkedIn, la grande rete professionale sul web, ha commissionato una ricerca che ha coinvolto oltre 2.000 italiani che hanno lavorato da casa per il lockdown (o che stanno tuttora continuando a lavorare in smartworking/telelavoro) per capire come queste modalità stiano impattando sulla salute mentale dei lavoratori italiani.

Ciò che è emerso è che, sostanzialmente, da casa si lavora di più.

Durante la pandemia il 48% dei lavoratori ha fatto più ore del solito, almeno una in più al giorno, per un equivalente di 20 ore (3 giorni) in più al mese.

La ricerca mostra che il 22% dei partecipanti al sondaggio si è sentito obbligato a rispondere più rapidamente alle richieste e ad essere disponibile online più a lungo del normale.

Il 22% dei lavoratori si è sentito spinto ad iniziare le giornate in anticipo, lavorando dalle 8 alle 20.30 (o oltre) e il 24% ha concluso la giornata di lavoro anche dopo le otto ore previste dal contratto.

Lo smart working fa sentire in dovere di essere sempre disponibili: d’altronde, è difficile porre dei limiti al lavoro quando non si ha quel treno da prendere per tornare a casa, perché si è già a casa.

Anche per questo motivo il 21% dei partecipanti alla ricerca di LinkedIn ha espresso la propria fatica a staccare la spina a fine giornata e il 36% ha ammesso che queste nuove aspettative consolidate li ha portati a "fingere” ogni tanto di essere occupati.

Inoltre, il fatto di dover in contemporanea gestire eventuali figli e/o condividere gli spazi con altri membri della famiglia, ha messo in difficoltà molti lavoratori; insomma, “Alla fine, la famiglia la vediamo di più, ma passiamo meno tempo insieme”.

Il 16% dei lavoratori "domestici" teme (o ha temuto nei mesi scorsi) il licenziamento, mentre il 19% si sente ansioso e si chiede se la propria azienda sopravvivrà a questo periodo nero.

Il 27% degli intervistati ha difficoltà a dormire, mentre un altro 26% sente di non essere concentrato durante il giorno.

Come sostiene Alessandro Valzania, psicologo e psicoterapeuta dell'Istituto A.T. Beck per la terapia cognitivo comportamentale:

" Il burnout può essere in qualche modo collegato al lavoro da casa, anche se può apparire come un concetto paradossale rispetto al mero significato di smart working. È, infatti, questo un modello organizzativo che dovrebbe favorire il lavoratore, attraverso una maggiore flessibilità e indipendenza, un ambiente confortevole e una più ampia scelta di orari, ovviamente senza alterare il raggiungimento degli obiettivi aziendali. Evidentemente qualcosa non sta funzionando".

Lo smartworking piace ma dovrebbe essere ben gestito e regolato: il 60% degli italiani che hanno lavorato da casa nei mesi del lockdown vorrebbe proseguire anche dopo la fine dell'emergenza sanitaria, anche se non tutti i giorni e non sempre da casa, come mostrato da un'indagine della Cgil.

Mentre lo stress e l'aumento delle ore lavorative legati alla situazione attuale dipingono un quadro negativo, ci sono, però, anche dei risvolti positivi: il 50% dei lavoratori afferma, innanzitutto che questo periodo ha permesso loro di trascorrere più tempo con i propri figli e le proprie famiglie e l’11% ha avuto un impatto positivo sulle proprie relazioni personali.

Questo periodo di quarantena, inoltre, ha fornito ai lavoratori l'opportunità di mangiare più sano (27%) e di fare più esercizio fisico (14%), il 94% ha indicato come beneficio il risparmio sui tempi di spostamento casa-ufficio e il 72% ha rilevato l’azzeramento delle opportunità di molestie sul lavoro.

Insomma, questo primo “banco di prova” forzato per l’impiego massivo delle modalità del lavoro da casa ha permesso di appurarne le innegabili possibilità da implementare, ma anche i numerosi problemi che dovranno essere affrontati e risolti in tempi utili per evitare il rischio da burnout e tecnostress per queste categorie di lavoratori.





A cura di: Dott.ssa Elena RICHERI


Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.