logo

In Evidenza

  • CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI ESCAVATORI, PALE CARICATRICI FRONTALI, TERNE – 20 LUGLIO

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE ADDETTI E TECNICI RIMOZIONE, BONIFICA E SMALTIMENTO MATERIALI CONTENENTI AMIANTO – A PARTIRE DAL 30 OTTOBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI PLE – 25/26 OTTOBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI AGGIORNAMENTO PREPOSTI – 24 OTTOBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI AGGIORNAMENTO PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI PLE – 23 OTTOBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI CARRELLI INDUSTRIALI – 23 OTTOBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI AGGIORNAMENTO PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI GRU PER AUTOCARRO – 26 LUGLIO

    Approfondisci
  • CORSO DI FORMAZIONE PREPOSTI – 18 OTTOBRE

    Approfondisci
  • PUBBLICATO IL CALENDARIO DELLA FORMAZIONE IN AULA PER L'ANNO 2018

    Approfondisci
           

La foto del mese

L'estate sta finendo. . . speriamo in un autunno migliore. Un pensiero alle vittime di Genova.

La frase del mese

Le statistiche dicono che tutte le volte che un uomo respira una persona muore. Bisogna trovare quell'uomo e fare qualcosa per il suo alito. . .

- Anonimo

I nostri Corsi

Organizziamo corsi in aula e online per la tua azienda. I corsi E-learning sono fruibili da qualsiasi dispositivo...

IL QUIZ DEL MESE: DI AMBIENTE COSA NE SAI?

Mettiti alla prova con 4 livelli di difficoltà per verificare le tue conoscenze...

PARTNER - SITI AMICI

Scopri i nostri partner

Manualistica

Vedi Manuali disponibili

Cerca con i Tags

ARPA   CIT   CPI   ISPRA   MOG   OT24   RSPP   acqua   acustica   agenti biologici   agenti cancerogeni   agenti chimici   agenti fisici   aia   albo gestori ambientali   ambiente   amianto   aria   atex   atmosfere esplosive   attrezzature di lavoro   aua   audit   bonifiche   burn out   cantieri   cem   certificazioni iso   clp   codici cer   comunicazione   controlli   ctd   danno ambientale   datore di lavoro   dpi   due diligence   ecologia   edilizia   emergenze   emissioni   energia   ergonomia   f-gas   finanziamenti   formazione   gas effetto serra   imballaggi   impianti   inail   incidente rilevante   infortunio   inquinamento   interpelli   lavoro notturno   legionella   linee guida   luoghi di lavoro   macchine   malattia professionale   manuale   manutenzione   marcatura ce   medico competente   microclima   mmc   modulistica   mud   normativa   prevenzione incendi   primo soccorso   privacy   provincia   qualità   radiazioni ionizzanti   reach   registro infortuni   responsabilità   rifiuti   rls   roa   rumore   salute   segnaletica   sentenza   sicurezza   sistemi di gestione   sistri   sorveglianza sanitaria   sostanze pericolose   spazi confinati   stress   terre e rocce da scavo   trasporti   valutazione dei rischi   vas   vdt   verifiche periodiche   via   vibrazioni  

Area Riservata

 Lun 18 Dic 2017

LA STIMA DEI COSTI DEGLI INFORTUNI

  infortunio , sicurezza

immagine

Nell’ambito degli incidenti sul lavoro, un tema particolarmente impattante e quindi interessante per tutte le componenti in gioco nel sistema aziendale è rappresentato dai costi degli infortuni, sebbene poi la ricaduta in termini di conseguenze economiche investa prevalentemente la figura del datore di lavoro (non entriamo nel merito delle conseguenze derivanti dall’applicazione del D.lgs. 231/2001, per quanto concerne la responsabilità amministrativa dell’Ente – persona giuridica).

Il costo complessivo degli infortuni è pari alla somma di tutti i costi derivanti da un episodio di infortunio lavorativo, suddivisibili principalmente in costi diretti ed indiretti.

Fra i costi diretti sono da considerare:

- il costo delle ore perse dal lavoratore vittima dell’infortunio;

- il costo della mancata produttività (per eventuali fermi impianto);

- il maggior premio pagato all’INAIL per l’infortunio;

- il costo di eventuali sanzioni amministrative;

- il costo dei risarcimenti agli infortunati.

Sono invece da considerare quali costi indiretti:

- i costi salariali corrispondenti al tempo perso dall’infortunato, dai colleghi di lavoro, dagli addetti al servizio sanitario, dagli addetti al servizio tecnico per le necessarie riparazioni/manutenzioni delle attrezzature danneggiate, etc.

- i costi complementari dovuti all’infortunato e quelli previdenziali;

- i costi per le ore supplementari da riconoscere ai colleghi dell’infortunato chiamati a sostituirlo, ovvero per l’assunzione a tempo determinato o indeterminato di un altro addetto con la spesa da affrontare per la sua formazione e addestramento;

- i costi materiali per la riparazione delle attrezzature danneggiate;

- i costi relativi all’aumento delle polizze assicurative;

- i costi per le spese legali da sostenere nel procedimento penale conseguente all’infortunio;

- i costi di immagine (costo cosiddetto “nascosto”);

- i costi per le penali previste da contratto, dovute alla mancata o ritardata consegna della commessa.

I costi indiretti possono variare da 2,5 a 4 volte i costi diretti, a seconda della gravità dell’infortunio verificatosi, dall’area aziendale coinvolta, dall’organizzazione aziendale.

Per poter fare un’analisi precisa sui costi totali degli infortuni e, di conseguenza, agire per una loro efficace riduzione, è necessario esaminare i costi della prevenzione e definire come questi interagiscano con i costi diretti ed indiretti.

Nei costi della prevenzione, possono rientrare le seguenti voci principali:

- i costi di gestione del sistema di prevenzione interno aziendale (SPP, sorveglianza sanitaria, corsi di informazione, formazione, addestramento, etc.);

- i costi di adeguamento degli impianti e delle macchine;

- i costi della progettazione/fattibilità del lay-out aziendale;

- i costi di adeguamento dell’ambiente di lavoro;

- i costi di acquisto dei DPI.

Da studi statistici ottenuti esaminando molteplici casi di infortunio, la letteratura tecnica si è potuta dotare di un grafico esplicativo (cfr. allegato) dal quale si evince un andamento decrescente del costo totale dell’infortunio (somma dei costi diretti e indiretti) all’aumentare dell’investimento nella prevenzione, costituita non solo da aspetti tecnici (esempio innovazione tecnologica condotta dall’azienda), ma anche di sviluppo della “cultura della sicurezza” in tutti i soggetti coinvolti. Tale ultimo aspetto è da ritenere indispensabile per una corretta gestione del processo produttivo.

Il rafforzamento della cultura della sicurezza è peraltro uno degli obbiettivi del D.lgs. 81/2008, imposto a tutti i livelli dell’organizzazione aziendale. Il percorso per il conseguimento di tale obbiettivo comprende, come ovvio, anche la formazione quale processo educativo di tutte le figure aziendali, con e senza compiti “attivi” nella gestione della sicurezza. Assume un valore sempre più determinante, nella gestione del rischio, l’insieme delle variabili di carattere soggettivo (quali elementi caratterizzanti il lavoratore, per esempio), a fianco degli aspetti oggettivi inerenti le caratteristiche delle attività condotte.

Per il lavoratore, il livello di percezione del rischio è certamente un fattore cruciale, in grado di condizionare (positivamente o negativamente) il suo percorso professionale nei confronti dei pericoli presenti sul posto di lavoro.

Formazione ed esperienza acquisita sul campo, nonché partecipazione e consultazione, concorrono fortemente a conferire le giuste competenze al lavoratore, favorendo l’adozione di comportamenti sicuri. Processo certamente non privo di ostacoli, nella complessa varietà di situazioni con differenti tipologie e livelli di esposizione a rischi.

La messa in atto di comportamenti pericolosi ed il mancato rispetto di regole e procedure di lavoro sono elementi fondamentali da correggere, anche attraverso un giusto approccio mentale alla tematica. Possono essere il risultato di una errata percezione del rischio da parte del lavoratore, che spesso si traduce nella sottostima del rischio reale. Fra le principali cause di tale condizione consideriamo la disattenzione, l’errata convinzione che lavori di breve durata od occasionali possano essere privi di rischi, l’eccessiva sicurezza nelle proprie capacità e l’affidamento alla propria esperienza/anzianità lavorativa, etc.

Occorre fare i conti anche con la difficoltà di cambiare i propri atteggiamenti, pur se riconosciuti non sicuri, qualora gli stessi producano “vantaggi” immediatamente percepibili e certi (comodità, rapidità, etc.), ovvero espongano a potenziali conseguenze, ma future ed incerte (potrebbe succedere che…..).

Ogni lavoratore quindi, dovrebbe acquisire la capacità di valutare i rischi propri dell’attività da eseguire, attraverso un semplice ragionamento mentale (favorito dalle varie attività a lui rivolte e precedentemente descritte), così riassumibile:

- pensare mentre si agisce, ed avere sempre le idee chiare (ho capito cosa devo fare? – esistono procedure standard per questo lavoro? – sono in possesso di tutti i permessi di lavoro necessari? – dispongo di tutti i dispositivi di protezione necessari? – i miei utensili e le mie attrezzature sono in adeguate condizioni di efficienza?);

- verificare l’esposizione al rischio (come e dove viene effettuato il lavoro? – quali sono i rischi?);

- valutare il rischio (qual è il livello dei rischi individuati? - cosa potrebbe succedere nel caso si perdesse il controllo della situazione?);

- adottare le necessarie precauzioni per il controllo dei rischi individuati.

In tal modo, si potrà procedere con l’effettuazione del lavoro in sicurezza, con l’attenzione rivolta anche al possibile cambiamento degli scenari e dei rischi conseguenti.





A cura di: P.I. Marco ANTONIELLI


ALLEGATI
  Allegato: Grafico

ECOLAV Service S.r.l. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l' utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento