logo

In Evidenza

  • CORSI DI FORMAZIONE LAVORATORI (FORMAZIONE GENERALE E SPECIFICA) – 12/13/14 DICEMBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI AGGIORNAMENTO PER RLS – 03 DICEMBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI FORMAZIONE PER RLS (COMPLETO) – 20/22/27/29 NOVEMBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI CARRELLI INDUSTRIALI – 15 E 16 NOVEMBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI AGGIORNAMENTO FORMAZIONE LAVORATORI – 13 NOVEMBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI AGGIORNAMENTO DATORI DI LAVORO/RSPP – 16/23 E 30 NOVEMBRE

    Approfondisci
  • PUBBLICATO IL CALENDARIO DELLA FORMAZIONE IN AULA PER L'ANNO 2018

    Approfondisci
           

La foto del mese

Quando la flatulenza può diventare causa radice di un evento infortunistico. . .

La frase del mese

Pape Satàn, pape Satàn aleppe!,
cominciò Pluto con la voce chioccia;
e quel savio gentil, che tutto seppe,
disse per confortarmi: Non ti noccia
la tua paura; ché, poder ch'elli abbia,
non ci torrà lo scender questa roccia.

- Dante Alighieri, Divina Commedia - Inferno, VII, vv. 1-6

I nostri Corsi

Organizziamo corsi in aula e online per la tua azienda. I corsi E-learning sono fruibili da qualsiasi dispositivo...

IL QUIZ DEL MESE: DI AMBIENTE COSA NE SAI?

Mettiti alla prova con 4 livelli di difficoltà per verificare le tue conoscenze...

PARTNER - SITI AMICI

Scopri i nostri partner

Manualistica

Vedi Manuali disponibili

Cerca con i Tags

ARPA   CIT   CPI   ISPRA   MOG   OT24   RSPP   acqua   acustica   agenti biologici   agenti cancerogeni   agenti chimici   agenti fisici   aia   albo gestori ambientali   ambiente   amianto   aria   atex   atmosfere esplosive   attrezzature di lavoro   aua   audit   bonifiche   burn out   cantieri   cem   certificazioni iso   clp   codici cer   comunicazione   controlli   ctd   danno ambientale   datore di lavoro   dpi   due diligence   ecologia   edilizia   emergenze   emissioni   energia   ergonomia   f-gas   finanziamenti   formazione   gas effetto serra   imballaggi   impianti   inail   incidente rilevante   infortunio   inquinamento   interpelli   lavoro notturno   legionella   linee guida   luoghi di lavoro   macchine   malattia professionale   manuale   manutenzione   marcatura ce   medico competente   microclima   mmc   modulistica   mud   normativa   prevenzione incendi   primo soccorso   privacy   provincia   qualità   radiazioni ionizzanti   reach   registro infortuni   responsabilità   rifiuti   rls   roa   rumore   salute   segnaletica   sentenza   sicurezza   sistemi di gestione   sistri   sorveglianza sanitaria   sostanze pericolose   spazi confinati   stress   terre e rocce da scavo   trasporti   valutazione dei rischi   vas   vdt   verifiche periodiche   via   vibrazioni  

Area Riservata

 Ven 12 Ott 2018

LA CONDANNA DEI DATORI DI LAVORO ORMAI È ASSODATA

  datore di lavoro , responsabilità

Immagine

È di recente pubblicazione l’ennesima condanna di un datore di lavoro comminata da un tribunale piemontese per la morte di un lavoratore causata da shock anafilattico a seguito di puntura di una vespa durante l’esecuzione di una sostituzione di un corpo illuminante di un lampione stradale.

Ben lungi dal voler commentare una sentenza passata in giudicato, essendo la giurisprudenza ormai giunta ad un livello intellettuale talmente elevato che un umile tecnico che si occupa di sicurezza sul lavoro, quale il sottoscritto si ritiene di essere, non potrebbe mai raggiungere un tale livello di trascendenza, ma volendo rimanere con i piedi ben piantati nell’immanente ci si permette di voler provare una disamina, forse semi-seria, di quanto potrebbe scaturire o dedursi da tale sentenza.

Innanzi tutto è ormai assodato che se per qualsiasi motivo un lavoratore subisca un infortunio grave o, peggio ancora, una morte sul lavoro il datore di lavoro sarà sempre e comunque colpevole per quanto si sia premurato di mettere in atto tutte le misure di prevenzione e protezione che siano venute in mente a lui, al suo RLS, al suo RSPP, al suo medico competente o ai suoi consulenti e, per quanto la legge preveda il contrario, sarà lui stesso, con i propri legali a dover dimostrare di essere innocente.

Questo appare evidente soprattutto perché, anche se il datore di lavoro abbia ottemperato a tutte le prescrizioni previste dal D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. e altra normativa correlata, quanto fatto non sarà comunque sufficiente visto che, per assodato della giurisprudenza, se fosse stato sufficiente l’evento negativo non sarebbe potuto accadere, come deduzione ne viene fuori che se venisse applicato esattamente quanto previsto nel famosissimo Testo Unico della Sicurezza, che peraltro non è affatto “Unico”, sarebbe garanzia matematica, direi quasi assiomica, che tutti, ma proprio tutti, i rischi sarebbero azzerati e i lavoratori non potrebbero più né farsi male né morire sul lavoro.

Risulta però importante evidenziare che nessun articolo del D.Lgs. 81/2008 prevede che il datore di lavoro possa in qualche modo sostituirsi al cervello del lavoratore, magari tramite la definizione di una procedura che descriva passo per passo quello che il lavoratore debba fare per evitare di farsi male o di stare male, e garantirgli in qualsiasi istante dell’attività lavorativa di impedire che si faccia male; così come non potrà in qualsiasi momento impedire eventi incidentali generati da altri esseri viventi presenti, in modo più o meno volontario, nei luoghi di lavoro, non so ad esempio un carrellista disattento (per quanto formato, informato e addestrato), una vespa o un qualsiasi altro animale infastidito (magari non presente in eventuale sopralluogo preventivo per verificare se il luogo fosse infestato dai suddetti animali); così come non potrà obbligare il medico competente a definire una idoneità parziale, o addirittura una non-idoneità, per un lavoratore con qualche problema di salute come ad esempio un’allergia (magari poi uno mangia le arachidi prese dalla macchinetta che distribuisce gli snack in azienda ed era proprio allergico alle arachidi); così come non potrà certamente obbligare un collega di lavoro presente in situazione di malore a somministrare medicinali salvavita se questo lavoratore non è un medico o un infermiere lui stesso (sia mai che qualcuno debba prendere l’insulina e se ne dimentichi oppure debba prendere il cortisone perché allergico a qualcosa); così come il Datore di Lavoro non potrà in alcun modo garantire l’arrivo dell’ambulanza o dell’elisoccorso in tempo utile per limitare i danni di un infortunio o di un malore al fine di non diventare così gravi da superare i 40 giorni di prognosi, soprattutto se quanto accaduto avvenga a distanza considerevole dal più vicino pronto soccorso.

In sostanza il tutto si può riassumere nella certezza che il datore di lavoro potrà inventarsi quanto di più sofisticato, moderno e aggiornato per prevenire infortuni e malattie professionali ma se qualcosa accade, e ciò sarà comunque possibile visto che il rischio non potrà in nessun modo essere annullato, la sua condizione di responsabilità automatica sarà assicurata e la magistratura non avrà altro da fare che sancire la condizione di “presunto colpevole”.





A cura di: Dott. Pierantonio SERAFINO


ECOLAV Service S.r.l. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l' utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento