logo

In Evidenza

  • CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI ESCAVATORI, PALE CARICATRICI FRONTALI, TERNE – 20 LUGLIO

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE ADDETTI E TECNICI RIMOZIONE, BONIFICA E SMALTIMENTO MATERIALI CONTENENTI AMIANTO – A PARTIRE DAL 30 OTTOBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI PLE – 25/26 OTTOBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI AGGIORNAMENTO PREPOSTI – 24 OTTOBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI AGGIORNAMENTO PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI PLE – 23 OTTOBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI CARRELLI INDUSTRIALI – 23 OTTOBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI AGGIORNAMENTO PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI GRU PER AUTOCARRO – 26 LUGLIO

    Approfondisci
  • CORSO DI FORMAZIONE PREPOSTI – 18 OTTOBRE

    Approfondisci
  • PUBBLICATO IL CALENDARIO DELLA FORMAZIONE IN AULA PER L'ANNO 2018

    Approfondisci
           

La foto del mese

L'estate sta finendo. . . speriamo in un autunno migliore. Un pensiero alle vittime di Genova.

La frase del mese

Le statistiche dicono che tutte le volte che un uomo respira una persona muore. Bisogna trovare quell'uomo e fare qualcosa per il suo alito. . .

- Anonimo

I nostri Corsi

Organizziamo corsi in aula e online per la tua azienda. I corsi E-learning sono fruibili da qualsiasi dispositivo...

IL QUIZ DEL MESE: DI AMBIENTE COSA NE SAI?

Mettiti alla prova con 4 livelli di difficoltà per verificare le tue conoscenze...

PARTNER - SITI AMICI

Scopri i nostri partner

Manualistica

Vedi Manuali disponibili

Cerca con i Tags

ARPA   CIT   CPI   ISPRA   MOG   OT24   RSPP   acqua   acustica   agenti biologici   agenti cancerogeni   agenti chimici   agenti fisici   aia   albo gestori ambientali   ambiente   amianto   aria   atex   atmosfere esplosive   attrezzature di lavoro   aua   audit   bonifiche   burn out   cantieri   cem   certificazioni iso   clp   codici cer   comunicazione   controlli   ctd   danno ambientale   datore di lavoro   dpi   due diligence   ecologia   edilizia   emergenze   emissioni   energia   ergonomia   f-gas   finanziamenti   formazione   gas effetto serra   imballaggi   impianti   inail   incidente rilevante   infortunio   inquinamento   interpelli   lavoro notturno   legionella   linee guida   luoghi di lavoro   macchine   malattia professionale   manuale   manutenzione   marcatura ce   medico competente   microclima   mmc   modulistica   mud   normativa   prevenzione incendi   primo soccorso   privacy   provincia   qualità   radiazioni ionizzanti   reach   registro infortuni   responsabilità   rifiuti   rls   roa   rumore   salute   segnaletica   sentenza   sicurezza   sistemi di gestione   sistri   sorveglianza sanitaria   sostanze pericolose   spazi confinati   stress   terre e rocce da scavo   trasporti   valutazione dei rischi   vas   vdt   verifiche periodiche   via   vibrazioni  

Area Riservata

 Mar 14 Mar 2017

L’ANALISI E LA QUANTIFICAZIONE DELLA FORZA NEL RISCHIO DA SOVRACCARICO BIOMECCANICO DEGLI ARTI SUPERIORI

  ctd , salute , valutazione dei rischi

Immagine

Nelle attività che comportano movimenti ripetuti degli arti superiori, la forza rappresenta l’impegno meccanico (biomeccanico) richiesto per compiere una determinata azione tecnica, ovvero una serie di azioni tecniche.

Il suo contributo concorre in modo determinante alla composizione del livello finale di rischio da sovraccarico biomeccanico degli arti superiori, qualora la valutazione venga affrontata attraverso l’uso della Checklist OCRA o dell’indice OCRA (principali strumenti di valutazione abitualmente utilizzati):

Punteggio finale di checklist = Frequenza + Forza + Postura + Complementari

La forza può essere determinata da una componente esterna (sotto forma di forza applicata), o interna (tensione a livello muscolo/tendineo).

La necessità di applicazione di forza, durante il lavoro, deriva principalmente da:

- movimentazione e/o mantenimento di oggetti o strumenti di lavoro

- mantenimento protratto, in una determinata posizione, di una parte del corpo

Ne consegue l’effettuazione di azioni di tipo dinamico o statico. La letteratura scientifica identifica l’uso della forza come fattore di rischio sia per le strutture tendinee che per quelle muscolari. In particolare, i fattori forza e frequenza d’azione hanno un effetto sinergico (interazione di tipo moltiplicativo) nella determinazione di patologie a carico dei suddetti “organi bersaglio” (es. tunnel carpale).

Si determina quindi la necessità di quantificare la forza, nel contesto dei compiti ripetitivi caratterizzanti l’attività svolta. Possono essere adottate al proposito alcune metodologie, tuttavia non prive di ostacoli operativi:

- stima semiquantitativa della forza esterna attraverso il peso degli oggetti movimentati, ovvero tramite l’utilizzo di dinamometri (non sempre la forza è correttamente esprimibile tramite il peso dell’oggetto movimentato; non sempre i dati ottenuti vengono correttamente integrati con parametri di tipo biomeccanico; non sono sempre disponibili adeguati strumenti di misura);

- definizione della forza interna mediante tecniche di elettromiografia (metodologia con elevatissimi standard di precisione, ma di difficile applicazione sul campo).

Per superare tali difficoltà, si ricorre ad una scala apposita, denominata “scala di Borg”, con la quale si esprime numericamente (con valori da 0 a 10) lo sforzo muscolare percepito a carico di un determinato comparto corporeo.

I risultati ottenuto dall’applicazione della scala di Borg possono essere paragonabili, in linea generale/grossolana, ai dati ottenuti da elettromiografia, a condizione che la stessa venga applicata ad un numero di lavoratori sufficientemente rappresentativo ed avendo l’accortezza di escludere dall’indagine le seguenti categorie di operatori:

lavoratori portatori di patologie a carico degli arti superiori

lavoratori neoassunti (in generale con anzianità lavorativa minore di 12 mesi)

lavoratori con caratteristiche antropometriche estreme, vale a dire soggetti con misure antropometriche non rientranti nell’intervallo 5-95simo percentile

lavoratori non in grado di motivare il valore di forza da essi stessi attribuito (come indicato successivamente)

Dal punto di vista applicativo, vengono suggeriti alcuni accorgimenti utili a garantire la massima rappresentatività ai dati raccolti. È opportuno quindi:

- conoscere preliminarmente lo svolgimento del ciclo o del compito ripetitivo, con studio della forza successivo allo studio della frequenza;

- intervistare i lavoratori a cura del tecnico aziendale incaricato;

- richiedere ai lavoratori se all’interno del ciclo esistono azioni tecniche che richiedono una significativa forza muscolare, da parte degli arti superiori. Nella domanda posta occorre evidenziare la differenza fra forza muscolare e stanchezza complessiva accumulata a fine turno, elementi da non confondere;

- dopo aver selezionato le azioni con uso di forza “significativa”, chiedere al lavoratore di attribuire ad ognuna di esse una delle voci indicate nella scala di Borg, espresse con il termine verbale e non numerico (assente – estremamente leggera – molto leggera – leggera - moderata – moderata+ - forte – forte+ - molto forte – molto forte ++ - molto forte+++ - massima). Ad ogni azione con uso di forza, identificata dal lavoratore, corrisponderà un punteggio progressivo da 0 a 10 (attribuito dal tecnico rilevatore). È importante far attribuire dal lavoratore stesso il livello di forza raggiunto durante lo svolgimento delle diverse azioni. Infatti, soprattutto per azioni compiute con la punta delle dita o dalle piccole articolazioni o in particolari posizioni articolari (azionare pulsante, azionare leva, sforzi a braccia sollevate, etc.) è difficilmente percepibile da un osservatore esterno l’uso di forza, anche se di notevole entità. È anche utile che l’intervistatore provi direttamente ad eseguire i gesti richiedenti forza, al fine di supportare il lavoratore nell’esprimere il giudizio e per avvalorare direttamente il risultato ottenuto;

- richiedere al lavoratore di spiegare il motivo della presenza di sforzo fisico, per le azioni indicate come impegnative. Tali informazioni risultano immediatamente spendibili per determinare possibili migliorie connesse a difetti tecnici del prodotto, a inefficienza degli attrezzi utilizzati, alla scelta non corretta di ausili meccanici, con possibile soluzione immediata;

- alle azioni non segnalate con presenza di forza, attribuire valore 0 o 0,5 in scala di Borg;

- attribuire ad ogni azione con presenza di forza la relativa durata; successivamente tradurre in frazione di tempo rispetto alla durata del ciclo;

- intervistare tutti i lavoratori che svolgono lo stesso compito (anche in turni diversi); utilizzare poi il valore modale;

- calcolare indici differenti per lavoratori di sesso maschile e femminile.

Il calcolo dello sforzo medio ponderato nel tempo si determina moltiplicando il valore, in scala di Borg, attribuito a ciascuna azione per la sua frazione di durata nel tempo e quindi sommando i risultati parziali.

Tale valore verrà utilizzato nella Checklist o nell’indice OCRA per l’attribuzione del punteggio relativo al fattore forza.

In ultimo occorre evidenziare eventuali “picchi di forza” (5 o superiori, in scala di Borg) associati a determinate azioni e le relative durate temporali. La persistenza di picchi per periodi superiori a 1-2 secondi definisce (nella Checklist o nell’indice OCRA) punteggi via via più rilevanti all’aumentare della durata (punteggi da 4 a 32).

Per il controllo del fattore di rischio forza, occorre ridurre/evitare lo sforzo muscolare eccessivo, durante l’effettuazione di un compito. L’uso di forza può anche essere condizionato dalle cattive caratteristiche ergonomiche del posto di lavoro e non solo direttamente connesso al compito da svolgere. In particolare, le posture incongrue del polso e della mano riducono drasticamente la capacità di applicazione di forza da parte della muscolatura del segmento interessato. Una riduzione della richiesta di forza può essere ottenuta utilizzando strumenti a motore (un avvitatore in sostituzione di un cacciavite); strumenti meccanici di presa e di fissaggio della presa (una pinza in sostituzione della pressione manuale, per la tenuta di un particolare); leve più vantaggiose azionabili in posizioni migliori da gruppi muscolari più forti; compiti con una prevalente componente meccanizzata; etc.





A cura di: P.I. Marco ANTONIELLI


ECOLAV Service S.r.l. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l' utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento