logo

In Evidenza

           

La foto del mese

Chi sei? COVID19. Cosa fai lì tutto solo? Mi sono autoisolato: non si trovano più mascherine e non vorrei contagiarmi. . .

La frase del mese

Prima di parlare domandati se ciò che dirai corrisponde a verità, se non provoca male a qualcuno, se è utile, ed infine se vale la pena turbare il silenzio per dire ciò che vuoi dire.

- Il silenzio è d'oro - Buddha

I nostri Corsi

Organizziamo corsi in aula e online per la tua azienda. I corsi E-learning sono fruibili da qualsiasi dispositivo...

IL QUIZ DEL MESE: CONOSCI LA SICUREZZA?

Mettiti alla prova con 4 livelli di difficoltà per verificare le tue conoscenze...

PARTNER - SITI AMICI

Scopri i nostri partner

Manualistica

Vedi Manuali disponibili

Cerca con i Tags

ARPA   BAT   CIT   COVID-19   CPI   GSE   ISPRA   MOG   OT24   RSPP   acqua   acustica   agenti biologici   agenti cancerogeni   agenti chimici   agenti fisici   aia   albo gestori ambientali   ambiente   amianto   aria   atex   atmosfere esplosive   attrezzature di lavoro   aua   audit   bonifiche   burn out   cantieri   cem   certificazioni iso   circolare   clima   clp   codici cer   comunicazione   controlli   ctd   danno ambientale   datore di lavoro   dpi   due diligence   ecologia   edilizia   emergenze   emissioni   energia   ergonomia   età   f-gas   finanziamenti   formazione   fotovoltaico   gas effetto serra   imballaggi   impianti   inail   incidente rilevante   infortunio   inquinamento   interpelli   lavori in quota   lavoro agile   lavoro notturno   legionella   linee guida   luoghi di lavoro   macchine   malattia professionale   manuale   manutenzione   marcatura ce   medico competente   microclima   mmc   modulistica   mud   normativa   norme tecniche   prevenzione   prevenzione incendi   primo soccorso   privacy   procedura   provincia   qualità   radiazioni ionizzanti   reach   registro infortuni   responsabilità   rifiuti   rls   roa   rumore   salute   segnaletica   sentenza   sicurezza   sistemi di gestione   sistri   smartworking   sorveglianza sanitaria   sostanze pericolose   spazi confinati   stress   terre e rocce da scavo   trasporti   valutazione dei rischi   vas   vdt   verifiche periodiche   via   vibrazioni   vigili del fuoco  

Area Riservata

 Ven 20 Dic 2019

I RISULTATI DELL'INDAGINE EU-OSHA ESNER-3 SUI RISCHI NUOVI ED EMERGENTI

  salute , sicurezza , valutazione dei rischi

I RISULTATI DELL'INDAGINE EU-OSHA ESNER-3 SUI RISCHI NUOVI ED EMERGENTI

Digitalizzazione e sedentarietà prolungata: sono questi alcuni degli “emerging risks” che si vanno ad unire a rischi più conosciuti e assolutamente non nuovi, come quello da movimenti ripetitivi dell’arto superiore e il rapporto con individui di difficile gestione.

E’ l’indagine ESNER-3 (EU-OSHA), ormai arrivata alla sua terza edizione, che nel 2019 ha fatto luce sui rischi nuovi ed emergenti per i lavoratori in Europa. Tale studio opera con ampio respiro esaminando la gestione pratica dei rischi per la sicurezza e salute negli ambienti di lavoro europei, invitando migliaia di imprese e organizzazioni a rispondere ad un questionario incentrato su:

- rischi generali per la sicurezza e la salute sul lavoro e loro gestione;

- rischi psicosociali quali stress, bullismo e violenza;

- incentivi e ostacoli alla gestione della SSL;

- partecipazione dei lavoratori alle prassi in materia di sicurezza e salute.

Tali risultati vengono poi integrati da analisi secondarie basate su studi quantitativi e qualitativi incentrati su argomenti specifici.

Nel 2019 l’ESNER è stata condotta coinvolgendo 45.000 stabilimenti di tutte le classi di dimensione economica e settori di attività in 33 paesi europei.

Rispetto alla versione precedente del 2014, l’ESNER-3 si concentra in particolare sulla gestione dei rischi psicosociali (come lo stress e le molestie legate al lavoro) e include anche domande sulla digitalizzazione o la sedentarietà prolungata, che, secondo l’indagine ESENER-3, è ora il terzo fattore di rischio per frequenza segnalato dalle imprese europee.

Rispetto al 2014 si evincono le tendenze a livello nazionale ed europeo non solo relative ai fattori di rischio, ma anche alla gestione della SSL, nonché le barriere e i fattori trainanti correlati.

La partecipazione dei lavoratori nella gestione dei rischi psicosociali, ad esempio, è diminuita in alcuni paesi (nonostante sia riconosciuta l’importanza dell’approccio partecipativo nell’affrontare tali rischi sempre più frequenti.) D’altro canto, è incoraggiante notare che la percentuale di stabilimenti che effettuano valutazioni del rischio è aumentata in alcuni paesi.

Analizzando la tabella riportata in allegato (cfr. allegato 1) si può osservare come i principali rischi emergenti individuati siano:

- Movimenti ripetitivi di mano o braccio (Repetitive hand or arm movements);

- Rapporti con clienti difficili, pazienti, alunni (Having to deal with difficult customers, patients, pupils etc.);

- Sedentarietà prolungata (Prolonged sitting);

- Sollevamento e movimentazione di persone o carichi pesanti (Lifting or moving people or heavy loads);

- Lavoro sotto pressione (Time pressure);

- Carenza di comunicazione/cooperazione all’interno dell’azienda (Poor communication or cooperation within the organisation).

Adottando una visione olistica delle attuali pratiche di SSL in Europa, i risultati dell'indagine mirano a contribuire a informare le nuove politiche in materia di SSL e garantire che i rischi nei luoghi di lavoro europei siano gestiti in modo più efficace.

Per una visione più completa, si rimanda alla lettura del documento completo con i primi risultati dell’indagine 2019 (cfr. allegato 2).





A cura di: Dott.ssa Elena RICHERI



 


ALLEGATI
  Allegato 1: Tabella rischi emergenti
  Allegato 2:

Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.