logo

In Evidenza

  • CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI ESCAVATORI, PALE CARICATRICI FRONTALI, TERNE – 20 LUGLIO

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE ADDETTI E TECNICI RIMOZIONE, BONIFICA E SMALTIMENTO MATERIALI CONTENENTI AMIANTO – A PARTIRE DAL 30 OTTOBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI PLE – 25/26 OTTOBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI AGGIORNAMENTO PREPOSTI – 24 OTTOBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI AGGIORNAMENTO PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI PLE – 23 OTTOBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI CARRELLI INDUSTRIALI – 23 OTTOBRE

    Approfondisci
  • PUBBLICATO IL CALENDARIO DELLA FORMAZIONE IN AULA PER L'ANNO 2018

    Approfondisci
           

La foto del mese

L'estate sta finendo. . . speriamo in un autunno migliore. Un pensiero alle vittime di Genova.

La frase del mese

Le statistiche dicono che tutte le volte che un uomo respira una persona muore. Bisogna trovare quell'uomo e fare qualcosa per il suo alito. . .

- Anonimo

I nostri Corsi

Organizziamo corsi in aula e online per la tua azienda. I corsi E-learning sono fruibili da qualsiasi dispositivo...

IL QUIZ DEL MESE: DI AMBIENTE COSA NE SAI?

Mettiti alla prova con 4 livelli di difficoltà per verificare le tue conoscenze...

PARTNER - SITI AMICI

Scopri i nostri partner

Manualistica

Vedi Manuali disponibili

Cerca con i Tags

ARPA   CIT   CPI   ISPRA   MOG   OT24   RSPP   acqua   acustica   agenti biologici   agenti cancerogeni   agenti chimici   agenti fisici   aia   albo gestori ambientali   ambiente   amianto   aria   atex   atmosfere esplosive   attrezzature di lavoro   aua   audit   bonifiche   burn out   cantieri   cem   certificazioni iso   clp   codici cer   comunicazione   controlli   ctd   danno ambientale   datore di lavoro   dpi   due diligence   ecologia   edilizia   emergenze   emissioni   energia   ergonomia   f-gas   finanziamenti   formazione   gas effetto serra   imballaggi   impianti   inail   incidente rilevante   infortunio   inquinamento   interpelli   lavoro notturno   legionella   linee guida   luoghi di lavoro   macchine   malattia professionale   manuale   manutenzione   marcatura ce   medico competente   microclima   mmc   modulistica   mud   normativa   prevenzione incendi   primo soccorso   privacy   provincia   qualità   radiazioni ionizzanti   reach   registro infortuni   responsabilità   rifiuti   rls   roa   rumore   salute   segnaletica   sentenza   sicurezza   sistemi di gestione   sistri   sorveglianza sanitaria   sostanze pericolose   spazi confinati   stress   terre e rocce da scavo   trasporti   valutazione dei rischi   vas   vdt   verifiche periodiche   via   vibrazioni  

Area Riservata

 Gio 3 Nov 2016

INSTALLAZIONI AIA: IN VIGORE DECRETO PER LA DETERMINAZIONE DELLE GARANZIE FINANZIARIE A COPERTURA DI ONERI PER IL RIPRISTINO AMBIENTALE

  ambiente , bonifiche , finanziamenti

Immagine

“La ditta dovrà adeguarsi alle disposizioni del decreto relativo alla garanzie finanziarie di cui al comma 9-septies dell’art. 29-sexies del D.lgs. n. 152/2006 e s.m.i.”. Questa espressione campeggia nelle premesse delle Autorizzazioni Integrate Ambientali, meglio note come AIA, rilasciate dopo l’11 aprile 2014, data di entrata in vigore del D.lgs. n. 46/2014, che come noto ha apportato importanti modifiche ed integrazioni nel campo della prevenzione e riduzione integrate dell'inquinamento in attuazione della direttiva 2010/75/UE relativa alle emissioni industriali.

Il citato comma prevede che “a garanzia degli obblighi di cui alla lettera c del comma 9-quinquies (relazione di riferimento e aspetti connessi alla gestione del sito in relazione a possibilità di contaminazione, con ripristino dello stato preesistente, n.d.r.), l'autorizzazione integrata ambientale prevede adeguate garanzie finanziarie, da prestare entro 12 mesi dal rilascio in favore della regione o della provincia autonoma territorialmente competente. Con uno o più decreti del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare sono stabiliti criteri che l'autorità competente dovrà tenere in conto nel determinare l'importo di tali garanzie finanziarie”.

Nella Gazzetta Ufficiale del 10/10/2016, n. 237, è stato pubblicato il Decreto del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare del 26 maggio 2016 (cfr. allegato) che, alla luce di quanto riportato al comma 9-septies dell’art. 29-sexies del D.lgs. n. 152/2006 e s.m.i., definisce i criteri che le autorità competenti devono considerare nel determinare l'importo delle garanzie finanziarie che i gestori di installazioni soggette ad Autorizzazione integrata ambientale sono tenuti a prestare (dall’11 ottobre 2016) a garanzia del ripristino del sito al momento della cessazione delle attività, ove le attività stesse siano suscettibili di determinare una contaminazione del suolo o delle acque sotterranee.

Viene prima di tutto individuato il campo di applicazione, chiarendo quali installazioni IPPC sono tenute alla presentazione delle garanzie finanziarie: si riportano i casi di siti autorizzati ex art. 208 e di quelli che hanno già presentato le garanzie di cui all’art. 242, comma 7 del n. 152/2006 e s.m.i. (interventi di bonifica), chiarendo inoltre (aspetto importante) che i gestori di impianti IPPC esonerati dalla presentazione della Relazione di riferimento sono al tempo stesso esentati dalla presentazione delle garanzie finanziarie.

Per quanto concerne l’ammontare economico delle garanzie, il decreto stabilisce che l’importo sia determinato in ragione delle categorie di attività IPPC condotte nell'installazione, dell'estensione del sito dell'installazione, della pericolosità e delle quantità delle sostanze pericolose pertinenti, del tipo di garanzia prestata, nonché del periodo di vita utile dell'installazione residuo. Il metodo di calcolo è indicato nell'allegato A, che riporta alcuni casi esemplificativi. L'ammontare della garanzia deve in ogni caso essere tale da consentire la copertura dei costi per la valutazione dello stato di contaminazione, nonché per la progettazione ed attuazione delle misure necessarie e tecnicamente fattibili per rimediare riportando il sito allo stato corrispondente a quello constatato nella Relazione di riferimento. In caso di situazioni di potenziale particolare rischio ambientale e igienico-sanitario, l’autorità competente può, con parere motivato, prevedere coefficienti più elevati di quelli di cui all’Allegato A. L’importo delle garanzie deve essere rivisto in caso di modifiche sostanziali dell’installazione.

Sono poi previste riduzioni e modifiche degli importi stabiliti con la modalità sopra descritta: –50 % per le imprese registrate ai sensi del Regolamento EMAS e –40% per quelle in possesso della certificazione ambientale ai sensi della norma UNI EN ISO 14001.

Per quanto concerne gli aspetti temporali, la garanzia, che si intende accettata decorsi 30 giorni dalla data di acquisizione senza diversa indicazione dell’amministrazione beneficiaria, è prestata entro 12 mesi dalla validazione, da parte dell'autorità competente, della Relazione di riferimento, e per la durata di 12 anni dal rilascio dell’Autorizzazione Integrata Ambientale o dall’ultimo riesame effettuato sull’intera installazione (termine di cui all'art. 29-octies, comma 3, lettera b) del D.lgs. n. 152/2006 e s.m.i., maggiorato di 2 anni), ovvero fino al termine di validità dell’AIA, maggiorato di 2 anni, se antecedente.





A cura di: Dott. Marco ABRATE


ALLEGATI
  Allegato: DM 26/05/2016

ECOLAV Service S.r.l. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l' utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento