logo

In Evidenza

  • CORSI DI FORMAZIONE LAVORATORI (FORMAZIONE GENERALE E SPECIFICA) – 8/9/10 NOVEMBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LAVORATORI E PREPOSTI ADDETTI AL MONTAGGIO/SMONTAGGIO/TRASFORMAZIONE DI PONTEGGI – 6 NOVEMBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI PLE – 26 e 27 OTTOBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE ADDETTI E TECNICI RIMOZIONE, BONIFICA E SMALTIMENTO MATERIALI CONTENENTI AMIANTO – A PARTIRE DAL 30 OTTOBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI FORMAZIONE PREPOSTI – 19 OTTOBRE

    Approfondisci
  • PUBBLICATO IL CALENDARIO DELLA FORMAZIONE IN AULA PER L'ANNO 2017

    Approfondisci
           

La frase del mese

Se ti trovi ad affrontare un problema, i casi sono due:
- il problema è risolvibile e quindi non ha senso preoccuparsi
oppure
- il problema NON è risolvibile e quindi perché ti affanni?
TAKE IT EASY. . .

- Approccio ai problemi - Anonimo su web

La foto del mese

Uso improprio? Sul manuale non era scritto che non si potevano tagliare le siepi. . .

I nostri Corsi

Organizziamo corsi in aula e online per la tua azienda. I corsi E-learning sono fruibili da qualsiasi dispositivo...

IL QUIZ DEL MESE: CONOSCI LA SICUREZZA?

Mettiti alla prova con 4 livelli di difficoltà per verificare le tue conoscenze...

PARTNER - SITI AMICI

Scopri i nostri partner

Manualistica

Vedi Manuali disponibili

Area Riservata

 Ven 25 Ago 2017

GUIDA AGLI SCENARI SEVESO

  incidente rilevante , manuale

Immagine

Ad aprile 2017 la Commissione Europea ha rilasciato l’Handbook of Scenarios for Assessing Major Chemical Accident Risks, un manuale finalizzato a guidare gli Stati Membri ad una corretta e omogenea applicazione della Direttiva Seveso 2012/18/UE, recepita in Italia con il Dlgs 105/2015.

Questo rapporto tecnico ha l’obiettivo di aiutare gli Stati Membri a ridurre l’entità degli impatti dovuti ai grandi incidenti delle aziende ricadenti in Seveso.

Le autorità durante l’elaborazione della valutazione dei rischi e delle emergenze in presenza di stabilimenti a incedente rilevante, avranno a disposizione diversi scenari di riferimento, che terranno conto della tipologia di sostanza pericolosa, della conformazione territoriale e della distanza da bersagli sensibili.

Gli scenari individuati comprendono solamente alcuni tipi di sostanze: cloro, GPL, ammoniaca anidra, gas naturale liquefatto (GNL), liquidi infiammabili e ossigeno liquido.

Nonostante non vengano elencati tutti i tipi di scenari possibili questo manuale è comunque considerato un valido punto di partenza per la valutazione del rischio per i siti ricadenti sotto la Direttiva Seveso, questo infatti non fornisce obblighi ma solamente buone prassi.

Il manuale si articola in nove capitoli, nel primo viene fatta un’introduzione sullo scopo e sull’ambito di applicazione, nei successivi sette vengono illustrati gli scenari che coinvolgono le sostanze e le attrezzature pericolose più comunemente utilizzate all’interno della Comunità Europea, e  nell’ultimo capitolo si riporta un esercizio di benchmarking in cui otto gruppi di esperti provenienti da autorità regionali e nazionali dell’UE hanno condotto delle valutazioni del rischio per la pianificazione del territorio in due siti differenti.

Accenni sulla Direttiva Seveso III:

La “Direttiva Seveso III”(Dir. 2012/18/UE) emanata dal Parlamento europeo e dal Consiglio dell’Unione Europea, relativa al controllo del pericolo di incidenti rilevanti, sostituisce integralmente le Direttive 96/82/CE (Seveso II) e 2003/105/CE. Tale Direttiva è stata recepita in Italia con il D.Lgs 26 giugno 2015, n°105, il quale ha abrogato le precedenti norme di recepimento (D.Lgs 334/99 e 238/05) e una serie di decreti collegati (quali D.M. 16/3/1998, DD.MM. 9/8/2000, D.M. 19/3/2001).

L’emanazione di tale Direttiva è dovuta principalmente alla necessità di adeguare la disciplina Seveso II al nuovo sistema di classificazione delle sostanze chimiche, il regolamento CE n. 1272/2008, al fine di omologare il sistema di etichettatura e classificazione dei prodotti chimici all’interno dell’ Unione Europea con quello adottato a livello internazionale GHS – Globally Harmonised System of Classification and Labelling of Chemicals.

Gli Stati Membri sono obbligati a censire tutti gli stabilimenti a rischio incidente rilevante e ad attuare, per ognuno di questi, un piano di prevenzione e di emergenza.

In particolare è prevista:

- La cooperazione tra i gestori per limitare l’effetto domino;

- Il controllo dell’urbanizzazione nelle zone limitrofe al sito;

- La divulgazione delle informazioni agli abitanti delle zone limitrofe al sito;

- L’istituzione di un’autorità preposta all’ispezione dei siti a rischio.





A cura di: Dott.ssa Elena Martis


ECOLAV Service S.r.l. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l' utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento