logo

In Evidenza

  • CORSO DI AGGIORNAMENTO PER ADDETTI ANTINCENDIO - RISCHIO BASSO, MEDIO, ALTO - 25 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI ANTINCENDIO – RISCHIO BASSO E MEDIO – 25 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI FORMAZIONE DL/RSPP – A PARTIRE DAL 24 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE RESPONSABILI E REDATTORI PIANI DI MANUTENZIONE E CONTROLLO DI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO – 10-17-24 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE LAVORATORI (FORMAZIONE GENERALE E SPECIFICA) – 12/13/14 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI AGGIORNAMENTO FORMAZIONE LAVORATORI – 18 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI AGGIORNAMENTO PER ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO – 21 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO - A - B - C – 19/20 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • PUBBLICATO IL CALENDARIO DELLA FORMAZIONE IN AULA PER L'ANNO 2018

    Approfondisci
           

La foto del mese

E' solo un ragazzino. . . Quanto pensi possa tirare forte?

La frase del mese

Primo assioma sull'organizzazione del lavoro: lavorare in gruppo è essenziale perchè ti permette di dare la colpa a qualcun altro. . .

- Organizzazione del lavoro (Legge di Murphy)

I nostri Corsi

Organizziamo corsi in aula e online per la tua azienda. I corsi E-learning sono fruibili da qualsiasi dispositivo...

IL QUIZ DEL MESE: DI AMBIENTE COSA NE SAI?

Mettiti alla prova con 4 livelli di difficoltà per verificare le tue conoscenze...

PARTNER - SITI AMICI

Scopri i nostri partner

Manualistica

Vedi Manuali disponibili

Cerca con i Tags

ARPA   CIT   CPI   ISPRA   MOG   OT24   RSPP   acqua   acustica   agenti biologici   agenti cancerogeni   agenti chimici   agenti fisici   aia   albo gestori ambientali   ambiente   amianto   aria   atex   atmosfere esplosive   attrezzature di lavoro   aua   audit   bonifiche   burn out   cantieri   cem   certificazioni iso   clp   codici cer   comunicazione   controlli   ctd   danno ambientale   dpi   due diligence   ecologia   edilizia   emergenze   emissioni   energia   ergonomia   f-gas   finanziamenti   formazione   gas effetto serra   imballaggi   impianti   inail   incidente rilevante   infortunio   inquinamento   interpelli   lavoro notturno   legionella   linee guida   luoghi di lavoro   macchine   malattia professionale   manuale   manutenzione   marcatura ce   medico competente   microclima   mmc   modulistica   mud   normativa   prevenzione incendi   primo soccorso   privacy   provincia   qualità   radiazioni ionizzanti   reach   registro infortuni   responsabilità 231   rifiuti   rls   roa   rumore   salute   segnaletica   sentenza   sicurezza   sistemi di gestione   sistri   sorveglianza sanitaria   sostanze pericolose   spazi confinati   stress   terre e rocce da scavo   trasporti   valutazione dei rischi   vas   vdt   verifiche periodiche   via   vibrazioni  

Area Riservata

 Mar 31 Ott 2017

GESTIONE DELLA SICUREZZA NELL'ALTERNANZA SCUOLA LAVORO

  formazione , normativa , sicurezza , valutazione dei rischi

Immagine

Sempre più frequentemente nelle aziende ci si trova ad avere a che fare con situazioni di alternanza scuola-lavoro, una metodologia didattica che sfrutta processi di apprendimento attivi consentendo a ragazzi delle scuole di affacciarsi al mondo del lavoro e comprenderne dinamiche e realtà e favorendo inoltre la formazione della consapevolezza dell’importanza della prevenzione di infortuni e malattie professionali.

L’introduzione di questa metodologia didattica ha portato però un po’ di trambusto all’interno delle aziende (ma anche per quella che è la normale gestione didattica delle scuole) per la definizione dei ruoli e responsabilità sui compiti di formazione e sulla sorveglianza sanitaria in relazione all’alternanza scuola-lavoro.

Per chiarire questi aspetti risulta utile l’intervento “Sicurezza in alternanza scuola lavoro”, a cura di Roberto Curtolo dell’Ufficio scolastico regionale per la Toscana, presentato al convegno dal titolo “La gestione della sicurezza nell'alternanza scuola-lavoro” che si è tenuto a Firenze lo scorso 24 maggio 2017, in cui si ricordano gli adempimenti del dirigente scolastico e i compiti delle aziende

Si indica che l’istituzione scolastica è “tenuta a verificare le condizioni di sicurezza connesse all’organizzazione dell’alternanza scuola lavoro e ad assicurare le relative misure di prevenzione e gestione, garantendo sia la tutela degli allievi, mediante strutture ospitanti ‘sicure’, sia la loro informazione-formazione”. 

In particolare il dirigente scolastico deve:

- formare gli studenti con un corso sulla sicurezza a carattere generale, come riportato nel documento Inail del 2013 “Gestione del sistema sicurezza e cultura della prevenzione nella scuola”;

- garantire la sorveglianza sanitaria ove necessario mediante visita preventiva da parte del medico competente dell’istituzione scolastica o mediante specifiche convenzioni attivate dagli USR con le Aziende Sanitarie Locali o altre strutture pubbliche;

- assicurare presso l’INAIL contro gli infortuni sul lavoro e malattie professionali gli studenti;

- stipulare un’assicurazione per la responsabilità civile verso terzi;

- designare un tutor interno che sia adeguatamente formato in materia di sicurezza”. 

L’azienda deve:

- integrare la formazione già erogata dalla scuola con una specifica, informando l’allievo sui rischi generali e specifici dell’azienda, riferiti alla mansione a cui sarà adibito, nonché sulle misure di prevenzione ed emergenza in atto;

- mettere a disposizione i D.P.I. (dispositivi di protezione individuale) qualora la mansione svolta dall’allievo lo preveda;

- individuare un tutor aziendale con competenze anche in materia di sicurezza.

Per quanto riguarda la formazione si ribadisce che, se quella generale spetta alla scuola (durata non inferiore a 4 ore e trattazione di concetti di rischi, danno, prevenzione, protezione, diritti e doveri dei vari soggetti aziendali, organi di vigilanza, controllo, assistenza) la formazione specifica compete alla struttura ospitante (durata variabile in base alla classificazione del settore di rischio secondo quanto indicato dall’accordo Stato-Regioni del 21 dicembre 2011); solo qualora essa non fosse in grado di assicurarla, può delegare la scuola ad impartirla, con apposita specifica nella convenzione.

Altro aspetto particolarmente spinoso è quello relativo alla sorveglianza sanitaria degli allievi; in particolare:

- se nella scuola è presente il medico competente spetta a lui la certificazione dell’idoneità dello studente;

- se a scuola non è presente il medico competente è a carico dell’impresa ma risulta obbligatoria solo in pochi casi, proprio in virtù della natura dell’attività svolta dai ragazzi, di apprendimento in affiancamento e non tramite esecuzione diretta.

Facendo riferimento al già citato documento Inail, si segnala che in generale, secondo le disposizioni vigenti, “anche laddove siano previste attività di laboratorio, è difficile che si vengano a creare condizioni di rischio per la salute tali da prevedere la sorveglianza sanitaria. In ogni caso, si potrebbe ipotizzare un sistema di sorveglianza a livello di anamnesi, ovvero che gli studenti riferiscano sul proprio stato di salute (ipersensibilità a prodotti e malattie allergiche)”.

Se gli obblighi non sono soddisfatti, la responsabilità primaria è a carico dei soggetti dell’impresa (utilizzatore).







A cura di: Ing. Emanuela PISANU



 


ECOLAV Service S.r.l. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l' utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento