logo

La frase del mese

Il nostro tempo è limitato, per cui non lo dobbiamo sprecare vivendo la vita di qualcun altro. Non facciamoci intrappolare dai dogmi, che vuol dire vivere seguendo i risultati del pensiero di altre persone. Non lasciamo che il rumore delle opinioni altrui offuschi la nostra voce interiore. E, cosa più importante di tutte, dobbiamo avere il coraggio di seguire il nostro cuore e la nostra intuizione. In qualche modo, essi sanno che cosa vogliamo realmente diventare. Tutto il resto è secondario.

- Il tempo - Steve Jobs

La foto del mese

Cosa ti fa pensare? Liberazione da un vincolo. . . Rottura di un legame affettivo. . . Verifiche manutentive discutibili. . .

In Evidenza

  • CORSO DI AGGIORNAMENTO PER RLS – 01 DICEMBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE LAVORATORI (FORMAZIONE GENERALE E SPECIFICA) – 10/11 DICEMBRE

    Approfondisci
           

I nostri Corsi

Organizziamo corsi in aula e online per la tua azienda. I corsi E-learning sono fruibili da qualsiasi dispositivo...

IL QUIZ DEL MESE: DI AMBIENTE COSA NE SAI?

Mettiti alla prova con 4 livelli di difficoltà per verificare le tue conoscenze...

PARTNER - SITI AMICI

Scopri i nostri partner

Manualistica

Vedi Manuali disponibili

Cerca con i Tags

ARPA   BAT   CIT   COVID-19   CPI   GSE   INPS   ISPRA   MOG   OT24   RAEE   RSPP   acqua   acustica   agenti biologici   agenti cancerogeni   agenti chimici   agenti fisici   aia   albo gestori ambientali   ambiente   amianto   aria   atex   atmosfere esplosive   attrezzature di lavoro   aua   audit   bonifiche   burn out   cantieri   cem   certificazioni iso   circolare   clima   clp   codici cer   comunicazione   controlli   ctd   danno ambientale   datore di lavoro   dpi   due diligence   ecologia   economia   edilizia   emergenze   emissioni   energia   ergonomia   età   f-gas   finanziamenti   formazione   fotovoltaico   gas effetto serra   imballaggi   impianti   inail   incidente rilevante   infortunio   inquinamento   interpelli   lavori in quota   lavoro agile   lavoro notturno   legionella   linee guida   luoghi di lavoro   macchine   malattia   malattia professionale   manuale   manutenzione   marcatura ce   medico competente   microclima   mmc   modulistica   mud   normativa   norme tecniche   prevenzione   prevenzione incendi   primo soccorso   privacy   procedura   provincia   qualità   radiazioni ionizzanti   reach   registro infortuni   responsabilità   rifiuti   rls   roa   rumore   salute   segnaletica   sentenza   sicurezza   sistemi di gestione   sistri   smartworking   sorveglianza sanitaria   sostanze pericolose   spazi confinati   stress   terre e rocce da scavo   trasporti   valutazione dei rischi   vas   vdt   verifiche periodiche   via   vibrazioni   vigili del fuoco  

Area Riservata

 Mer 1 Apr 2020

GESTIONE DEI RIFIUTI DURANTE L’EMERGENZA COVID-19

  COVID-19 , normativa , rifiuti , salute , sicurezza

GESTIONE DEI RIFIUTI DURANTE L’EMERGENZA COVID-19

Durante questo periodo di emergenza abbiamo assistito alla pubblicazione di un fitto numero di Decreti, Circolari, Rapporti, Indicazioni dai vari Enti Istituzionali deputati alla gestione tecnica e normativa del periodo contingente.

Proviamo a fare una sintesi, con le informazioni disponibili oggi, delle attuali disposizioni emanate e riguardanti una delle filiere NON SOSPESE dal DPCM 22 marzo 2020, come modificato dal DPCM 25 marzo 2020: la gestione dei rifiuti.

Non abbiamo la presunzione di essere esaustivi e siamo consapevoli di essere “a metà del guado” dell’emergenza in corso, quindi quanto presente potrebbe essere in ogni momento aggiornato o modificato con nuovi provvedimenti.

Il Gruppo di Lavoro ISS Ambiente e Gestione dei Rifiuti, con il Rapporto ISS COVID-19, n.3/2020, nella versione aggiornata al 14 marzo 2020 (cfr. allegato 01) ha fornito le “Indicazioni ad interim per la gestione dei rifiuti urbani in relazione alla trasmissione dell’infezione da virus sars-cov-2”.

Il documento fornisce linee di indirizzo e suggerisce modalità operative nella gestione di due tipi di rifiuti, e precisamente:

1. Rifiuti urbani prodotti nelle abitazioni dove soggiornano soggetti positivi al tampone in isolamento o in quarantena obbligatoria.

2. Rifiuti urbani prodotti dalla popolazione generale, in abitazioni dove non soggiornano soggetti positivi al tampone in isolamento o in quarantena obbligatoria

Il documento preliminarmente riconosce che i rifiuti urbani prodotti nel caso 1 andrebbero idealmente gestiti come “rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo” – perché equivalenti a quelli che si possono generare in una struttura sanitaria – secondo quanto previsto nel DPR 254/2003 “Regolamento recante la disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell’articolo 24 della legge 31 luglio 2002, n. 179”.

Considerata la difficoltà nell’attuazione delle disposizioni di cui sopra il documento raccomanda che nelle abitazioni in cui sono presenti soggetti positivi al tampone, in isolamento o in quarantena obbligatoria, sia interrotta la raccolta differenziata, ove in essere, e che tutti i rifiuti domestici, indipendentemente dalla loro natura e includendo fazzoletti, rotoli di carta, i teli monouso, mascherine e guanti, siano considerati INDIFFERENZIATI e pertanto raccolti e conferiti insieme, avendo cura di utilizzare almeno due sacchetti uno dentro l’altro, oppure in numero maggiore in dipendenza della loro resistenza meccanica.

Per i rifiuti urbani prodotti nel caso 2 si raccomanda di mantenere le procedure adottate sul territorio e non interrompere la raccolta differenziata.

A scopo cautelativo fazzoletti o rotoli di carta, mascherine e guanti eventualmente utilizzati, dovranno essere smaltiti nei rifiuti INDIFFERENZIATI, avendo cura di utilizzare almeno due sacchetti uno dentro l’altro, oppure in numero maggiore in dipendenza della loro resistenza meccanica.

Il documento prosegue con specifiche

- raccomandazioni per gli operatori del settore di raccolta e smaltimento rifiuti

- raccomandazioni per i volontari


concludendo che “RIFIUTI INDIFFERENZIATI dovranno essere gestiti come da procedure vigenti sul territorio e, ove siano presenti impianti di termodistruzione, deve essere privilegiato l’incenerimento, al fine di minimizzare ogni manipolazione del rifiuto stesso”.

In Regione Piemonte, con nota a firma dell’assessore Matteo Marnati (cfr. allegato 02), sono state fornite indicazioni regionali sui DPI utilizzati all'interno delle attività economiche produttive precisando che i DPI (mascherine e guanti), per la tutela da COVID-19, devono essere assimilati agli urbani ed in particolare devono essere conferiti nel rifiuto INDIFFERENZIATO.

In data 23 marzo 2020 il Consiglio SNPA ha approvato le “Prime indicazioni generali per la gestione dei rifiuti” (cfr. allegato 03) nel quale

1. ha integrato le raccomandazioni del Rapporto ISS COVID-19 sulla gestione dei rifiuti indifferenziati provenienti da abitazioni in cui sono presenti soggetti positivi al tampone;

2. ha suggerito di valutare interventi normativi, nel perdurare l’emergenza, al fine di garantire una maggiore capacità di deposito temporaneo dei rifiuti presso gli impianti produttivi e di messa in riserva (R3) e deposito preliminare (D15) dettando una serie di condizioni minime da soddisfare.

Il MATTM con Circolare n.25515 del 30 marzo 2020 (cfr. allegato 04) ha fornito indicazioni alle Regioni ed alle Province Autonome nel caso queste si risolvessero ad adottare ordinanze con tingibili ed urgenti ex art.191 D.Lgs. 152/2006 per disciplinare forme speciali di gestione rifiuti su proprio territorio nazionale.

Le indicazioni hanno considerato le ipotesi di

1. incremento entro un limite massimo inferiore al 50% delle capacità di stoccaggio degli impianti destinatari dei rifiuti, fatto salvo il rispetto di una serie di condizioni, meglio dettagliate nel documento;

2. incremento, fino ad un quantitativo massimo doppio del deposito temporaneo, con un limite temporale massimo non superiore a 18 mesi;

3. incremento, fino al doppio, della durata massima di deposito dei rifiuti urbani presso i centri di raccolta comunali, nonché l’aumento della capacità annua e istantanea di stoccaggio nel limite del 20%;

4. aumento della capacità termica degli impianti di incenerimento fino a quella massima valutata in sede di autorizzazione, nonché consentire il ritiro sia dei rifiuti urbani indifferenziati provenienti da abitazioni dove non soggiornano soggetti positivi al tampone, sia per il ritiro dei fanghi di depurazione (CER 190805);

5. deroghe alle autorizzazioni di smaltimento in discarica.





A cura di: Dott. Flavio PORTESIO


ALLEGATI
  Allegato 01: Rapporto ISS COVID-19, n.3/2020
  Allegato 02: Nota Regione Piemonte - COVID Att. produttive
  Allegato 03: Consiglio SNPA - “Prime indicazioni generali per la gestione dei rifiuti”
  Allegato 04: MATTM - Circolare n.25515 del 30 marzo 2020

Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.