logo

In Evidenza

           

La foto del mese

Cosa ti fa pensare? Liberazione da un vincolo. . . Rottura di un legame affettivo. . . Verifiche manutentive discutibili. . .

La frase del mese

Il nostro tempo è limitato, per cui non lo dobbiamo sprecare vivendo la vita di qualcun altro. Non facciamoci intrappolare dai dogmi, che vuol dire vivere seguendo i risultati del pensiero di altre persone. Non lasciamo che il rumore delle opinioni altrui offuschi la nostra voce interiore. E, cosa più importante di tutte, dobbiamo avere il coraggio di seguire il nostro cuore e la nostra intuizione. In qualche modo, essi sanno che cosa vogliamo realmente diventare. Tutto il resto è secondario.

- Il tempo - Steve Jobs

I nostri Corsi

Organizziamo corsi in aula e online per la tua azienda. I corsi E-learning sono fruibili da qualsiasi dispositivo...

IL QUIZ DEL MESE: DI AMBIENTE COSA NE SAI?

Mettiti alla prova con 4 livelli di difficoltà per verificare le tue conoscenze...

PARTNER - SITI AMICI

Scopri i nostri partner

Manualistica

Vedi Manuali disponibili

Cerca con i Tags

ARPA   BAT   CIT   COVID-19   CPI   GSE   INPS   ISPRA   MOG   OT23   RAEE   RSPP   acqua   acustica   agenti biologici   agenti cancerogeni   agenti chimici   agenti fisici   agricoltura   aia   albo gestori ambientali   ambiente   amianto   aria   atex   atmosfere esplosive   attrezzature di lavoro   aua   audit   bonifiche   burn out   cantieri   cem   certificazioni iso   circolare   clima   clp   codici cer   comunicazione   controlli   ctd   danno ambientale   datore di lavoro   dpi   due diligence   ecologia   economia   edilizia   emergenze   emissioni   energia   ergonomia   età   f-gas   finanziamenti   formazione   fotovoltaico   gas effetto serra   imballaggi   impianti   inail   incidente rilevante   infortunio   inquinamento   interpelli   lavori in quota   lavoro agile   lavoro notturno   legionella   linee guida   luoghi di lavoro   macchine   malattia   malattia professionale   manuale   manutenzione   marcatura ce   medico competente   microclima   mmc   modulistica   mud   normativa   norme tecniche   prevenzione   prevenzione incendi   primo soccorso   privacy   procedura   provincia   qualità   radiazioni ionizzanti   reach   registro infortuni   responsabilità   rifiuti   rischio incendio   rls   roa   rumore   salute   segnaletica   sentenza   sicurezza   sistemi di gestione   sistri   smartworking   sorveglianza sanitaria   sostanze pericolose   spazi confinati   stress   terre e rocce da scavo   trasporti   valutazione dei rischi   vas   vdt   verifiche periodiche   via   vibrazioni   vigili del fuoco  

Area Riservata

 Gio 5 Ott 2017

EMISSIONI IN ATMOSFERA: D.LGS. 152/2006 IN VIA DI REVISIONE

  ambiente , emissioni , normativa

Immagine

Attualmente all’esame del Parlamento, dopo l’approvazione da parte del Consiglio dei Ministri nella seduta n. 40 dello scorso 28 luglio 2017, lo schema di decreto legislativo che recepisce le indicazioni contenute nella Direttiva 2015/2193/UE concernente le emissioni di specifici inquinanti originate da impianti di combustione di taglia media (tra 1 e 50 MW), porterà in realtà novità ben più corpose all’intera Parte Quinta del D.lgs. 152/2006. Al Governo, infatti, nel contesto dell’adozione di idoneo atto normativo per il recepimento della direttiva europea, è stato delegato anche il compito di provvedere al riordino del quadro normativo relativo alla disciplina autorizzatoria in materia di emissioni in atmosfera.

Lo schema di decreto, infatti, prevede non solo l’adeguamento dello status vigente con quanto definito dalla Direttiva 2015/2193/UE relativamente ai medi impianti di combustione (peraltro già normati dal Codice ambientale), definendo una nuova situazione di impianti “esistenti” e “nuovi” (a far data dalla sua entrata in vigore), ma interviene sensibilmente sulla disciplina apportando semplificazioni (…?) a livello autorizzativo, aggiornando i limiti di emissione (parti I, II e III dell’Allegato I alla Parte Quinta), incrementando le sanzioni, prevedendo un migliore coordinamento con altre procedure autorizzative (autorizzazioni generali, AUA, AIA).

Tra le principali novità si segnala:

- l’introduzione della differenziazione tra medi impianti di combustione “esistenti” (messi in esercizio primo del 20/12/2018 o autorizzati prima del 19/12/2017 e messi in esercizio prima del citato 20/12/2018) e “nuovi”;

- decadenza della deroga, prevista dalla parte I dell’Allegato IV, per gli impianti di combustione di potenzialità compressa tra 1 e 3 MW alimentati a metnao, gpl, biogas; tali impianti dovranno essere autorizzati entro il 1 gennaio 2023 o 2028 (in quest’ultimo caso se di potenza inferiore a 5 MW);

- il nuovo art. 272-bis introduce, in capo alle regioni, la facoltà di stabilire specifiche misure per prevenire e limitare le emissioni odorigene provenienti dagli stabilimenti;

- la “procedura semplificata” viene potenzialmente estesa a tutti gli impianti (che non utilizzino sostanze e preparati pericolosi) in luogo della procedura ordinaria, fatta salva la presenza di effettive autorizzazioni generali regionali/statali;

- inasprimento delle sanzioni penali e/o amministrative previste dal vecchio art. 279, ormai ancorato al lontano 1988, in modo da “assicurarne l’efficacia e la proporzionalità”, come riportato nel comunicato stampa del CdM n. 40.





A cura di: Dott. Marco ABRATE


Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.