logo

La frase del mese

Il nostro tempo è limitato, per cui non lo dobbiamo sprecare vivendo la vita di qualcun altro. Non facciamoci intrappolare dai dogmi, che vuol dire vivere seguendo i risultati del pensiero di altre persone. Non lasciamo che il rumore delle opinioni altrui offuschi la nostra voce interiore. E, cosa più importante di tutte, dobbiamo avere il coraggio di seguire il nostro cuore e la nostra intuizione. In qualche modo, essi sanno che cosa vogliamo realmente diventare. Tutto il resto è secondario.

- Il tempo - Steve Jobs

La foto del mese

Cosa ti fa pensare? Liberazione da un vincolo. . . Rottura di un legame affettivo. . . Verifiche manutentive discutibili. . .

In Evidenza

  • CORSO DI AGGIORNAMENTO PER RLS – 01 DICEMBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE LAVORATORI (FORMAZIONE GENERALE E SPECIFICA) – 10/11 DICEMBRE

    Approfondisci
           

I nostri Corsi

Organizziamo corsi in aula e online per la tua azienda. I corsi E-learning sono fruibili da qualsiasi dispositivo...

IL QUIZ DEL MESE: DI AMBIENTE COSA NE SAI?

Mettiti alla prova con 4 livelli di difficoltà per verificare le tue conoscenze...

PARTNER - SITI AMICI

Scopri i nostri partner

Manualistica

Vedi Manuali disponibili

Cerca con i Tags

ARPA   BAT   CIT   COVID-19   CPI   GSE   INPS   ISPRA   MOG   OT24   RAEE   RSPP   acqua   acustica   agenti biologici   agenti cancerogeni   agenti chimici   agenti fisici   aia   albo gestori ambientali   ambiente   amianto   aria   atex   atmosfere esplosive   attrezzature di lavoro   aua   audit   bonifiche   burn out   cantieri   cem   certificazioni iso   circolare   clima   clp   codici cer   comunicazione   controlli   ctd   danno ambientale   datore di lavoro   dpi   due diligence   ecologia   economia   edilizia   emergenze   emissioni   energia   ergonomia   età   f-gas   finanziamenti   formazione   fotovoltaico   gas effetto serra   imballaggi   impianti   inail   incidente rilevante   infortunio   inquinamento   interpelli   lavori in quota   lavoro agile   lavoro notturno   legionella   linee guida   luoghi di lavoro   macchine   malattia   malattia professionale   manuale   manutenzione   marcatura ce   medico competente   microclima   mmc   modulistica   mud   normativa   norme tecniche   prevenzione   prevenzione incendi   primo soccorso   privacy   procedura   provincia   qualità   radiazioni ionizzanti   reach   registro infortuni   responsabilità   rifiuti   rls   roa   rumore   salute   segnaletica   sentenza   sicurezza   sistemi di gestione   sistri   smartworking   sorveglianza sanitaria   sostanze pericolose   spazi confinati   stress   terre e rocce da scavo   trasporti   valutazione dei rischi   vas   vdt   verifiche periodiche   via   vibrazioni   vigili del fuoco  

Area Riservata

 Mar 5 Mag 2020

EMERGENZA COVID-19 - LE CORRETTE MODALITÀ DI SMALTIMENTO DEI DPI USATI NEI LUOGHI DI LAVORO

  COVID-19 , dpi , luoghi di lavoro , normativa , rifiuti , salute , sicurezza

EMERGENZA COVID-19 - LE CORRETTE MODALITÀ DI SMALTIMENTO DEI DPI USATI NEI LUOGHI DI LAVORO

A seguito delle ultime indicazioni nazionali e regionali le mascherine possono essere considerate il simbolo della pandemia da COVID-19.

Il Politecnico di Torino ha stimato un fabbisogno nazionale di mascherine durante la fase 2 (appena avviata) di quasi un miliardo al mese che, una volta usate, diventeranno rifiuti da smaltire come i guanti monouso e tutti gli altri dispositivi di protezione individuale utilizzati nello svolgimento di attività quotidiana e lavorativa.

Ad oggi non è presente una disposizione governativa che fornisca indicazioni precise sulle modalità di gestione e smaltimento dei dispositivi come mascherine, guanti, indumenti protettivi, ecc. utilizzati in luoghi di lavoro diversi dalle strutture sanitarie.

La strada, sollecitata da più parti tra cui anche Confindustria Firenze con il Position Paper del 16 aprile 2020 inviato al MATTM (cfr. allegato 01) pare al momento tracciata, fatta salva l’applicazione del “principio di precauzione” che, in ossequio al DPR 254/2003, prevede la loro gestione come “rifiuti speciali” ai quali attribuire il codice EER 18.01.03* “rifiuti che devono essere raccolti e smaltiti applicando precauzioni particolari per evitare infezioni” ed almeno la caratteristica di pericolo HP9 – INFETTIVO.

In tale ipotesi, di estrema cautela, pare opportuno ricordare che il DPR 254/2003 fissa per questa tipologia di rifiuti una serie di prescrizioni in materia di imballaggio (a perdere e di adeguata resistenza), etichettatura (almeno a rischio biologico), deposito temporaneo (massimo 5 giorni dal momento della chiusura del contenitore, estendibili fino a 30 nel caso di quantitativi inferiori a 200 litri), adozione del registro di carico e scarico rifiuti con annotazioni entro 5 giorni dalla produzione e smaltimento, etc.

La strada pare possa rintracciarsi nel Rapporto ISS COVID-19, n.3/2020, nella versione aggiornata al 31 marzo 2020 (cfr. allegato 02) in occasione delle “Indicazioni ad interim per la gestione dei rifiuti urbani in relazione alla trasmissione dell’infezione da virus sars-cov-2”.

Il Gruppo di Lavoro ISS Ambiente e Gestione dei Rifiuti indica, a scopo cautelativo, che fazzoletti o carta in rotoli, mascherine e guanti eventualmente utilizzati da soggetti non positivi e non in quarantena obbligatoria, dovranno siano smaltiti nei rifiuti urbani indifferenziati.

Nel poster informativo a cura del Gruppo ISS “Comunicazione Nuovo Coronavirus” del 13-03-2020 (cfr. allegato 03) si indica ai soggetti non positivi e non in quarantena di utilizzare, per la raccolta indifferenziata, due o tre sacchetti possibilmente resistenti (uno dentro l’altro).

Il Consiglio SNPA nelle “Prime indicazioni generali per la gestione dei rifiuti” (cfr. allegato 04) approvate il 23-03-2020, ha integrato le raccomandazioni del Rapporto ISS COVID-19 indicando che “i rifiuti urbani indifferenziati, includendo fazzoletti, rotoli di carta, teli monouso, mascherine e guanti, sono classificati con il codice 200301” (ndr rifiuto non pericoloso).

Regione Lombardia (nota in allegato 05), Regione Piemonte (nota in allegato 06) e Regione Veneto (ordinanza in allegato 07) hanno in generale disposto anche i Dispositivi di Protezione Individuale (DPI) utilizzati all’interno di attività economiche produttive, per la tutela da COVID-19, quali mascherine e guanti, devono essere assimilati agli urbani ed in particolare devono essere conferiti nel rifiuto indifferenziato.





A cura di: Dott. Flavio PORTESIO


ALLEGATI
  Allegato 1: Confindustria Firenze - Position Paper
  Allegato 2: Rapporto ISS COVID-19 n. 3_2020
  Allegato 3: Poster RIFIUTI ISS 13-03-2020
  Allegato 4: Nota SNPA 23-3-2020
  Allegato 5: Regione Lombardia - nota DPI del 13 marzo 2020
  Allegato 6: Regione Piemonte - nota DPI COVID Att. produttive del 19 marzo 2020
  Allegato 7: Regione Veneto - Ordinanza 41 del 15-04-2020

Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.