logo

In Evidenza

  • CORSO DI FORMAZIONE PER AUDITOR INTERNO DI SISTEMI DI GESTIONE (in collaborazione con BUREAU VERITAS) – 11 E 18 FEBBRAIO

    Approfondisci
  • PUBBLICATO IL CALENDARIO DELLA FORMAZIONE IN AULA PER L'ANNO 2019

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE LAVORATORI (FORMAZIONE GENERALE E SPECIFICA) – 12/13/14 DICEMBRE

    Approfondisci
           

La foto del mese

Auguri di buon Natale e di un sereno 2019

La frase del mese

Non ho voglia di tuffarmi
in un gomitolo di strade
Ho tanta stanchezza
sulle spalle
Lasciatemi cosi
come una cosa posata
in un angolo
e dimenticata
Qui non si sente altro
che il caldo buono
Sto con le quattro
capriole di fumo
del focolare

- Natale (Giuseppe Ungaretti)

I nostri Corsi

Organizziamo corsi in aula e online per la tua azienda. I corsi E-learning sono fruibili da qualsiasi dispositivo...

IL QUIZ DEL MESE: DI AMBIENTE COSA NE SAI?

Mettiti alla prova con 4 livelli di difficoltà per verificare le tue conoscenze...

PARTNER - SITI AMICI

Scopri i nostri partner

Manualistica

Vedi Manuali disponibili

Cerca con i Tags

ARPA   CIT   CPI   ISPRA   MOG   OT24   RSPP   acqua   acustica   agenti biologici   agenti cancerogeni   agenti chimici   agenti fisici   aia   albo gestori ambientali   ambiente   amianto   aria   atex   atmosfere esplosive   attrezzature di lavoro   aua   audit   bonifiche   burn out   cantieri   cem   certificazioni iso   clp   codici cer   comunicazione   controlli   ctd   danno ambientale   datore di lavoro   dpi   due diligence   ecologia   edilizia   emergenze   emissioni   energia   ergonomia   f-gas   finanziamenti   formazione   gas effetto serra   imballaggi   impianti   inail   incidente rilevante   infortunio   inquinamento   interpelli   lavoro notturno   legionella   linee guida   luoghi di lavoro   macchine   malattia professionale   manuale   manutenzione   marcatura ce   medico competente   microclima   mmc   modulistica   mud   normativa   prevenzione incendi   primo soccorso   privacy   provincia   qualità   radiazioni ionizzanti   reach   registro infortuni   responsabilità   rifiuti   rls   roa   rumore   salute   segnaletica   sentenza   sicurezza   sistemi di gestione   sistri   sorveglianza sanitaria   sostanze pericolose   spazi confinati   stress   terre e rocce da scavo   trasporti   valutazione dei rischi   vas   vdt   verifiche periodiche   via   vibrazioni  

Area Riservata

 Ven 16 Giu 2017

DPR TERRE E ROCCE DA SCAVO: ATTESA LA PUBBLICAZIONE IN GAZZETTA UFFICIALE

  ambiente , normativa , terre e rocce da scavo

Immagine

Il Consiglio dei Ministri n. 30 dello scorso 19 maggio 2017 ha approvato in via definitiva il regolamento, da adottarsi mediante decreto del Presidente della Repubblica, che semplifica la disciplina relativa alla gestione delle terre e rocce da scavo, ai sensi dell'articolo 8 del decreto legge 12 settembre 2014, n.133, convertito, con modifiche, dalla legge 11 novembre 2014, n.164.

Il testo, già licenziato nel luglio scorso nella sua prima versione, è stato privato di una norma relativa alla fase transitoria, che secondo il Colle portava il rischio di sanatoria, neanche tanto celata, per i cantieri abbandonati.

Ora, a seguito della firma del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, si attende solo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Il provvedimento, che nel tempo ha subito diverse modifiche dalla bozza iniziale, con il ricorso a una consultazione pubblica rivolta a cittadini, associazioni e addetti del settore, oltre che sulla base del parere espresso dalla Conferenza unificata, ha la finalità di comprendere in un testo unico le numerose disposizioni oggi vigenti che disciplinano la gestione e l’utilizzo delle terre e rocce da scavo. Il decreto avrà pertanto per oggetto:

- la gestione delle terre e rocce da scavo qualificate come sottoprodotti, sia provenienti da cantieri di piccole sia da quelli di grandi dimensioni;

- la disciplina del deposito temporaneo delle terre e rocce da scavo;

- l’utilizzo nel sito di produzione delle terre e rocce da scavo escluse dalla disciplina dei rifiuti;

- la gestione delle terre e rocce da scavo nei siti oggetto di bonifica.

Tra le principali peculiarità del provvedimento, si segnalano:

- la semplificazione delle procedure e la fissazione di termini certi per concludere le stesse, anche con meccanismi in grado di superare eventuali situazioni di inerzia da parte degli uffici pubblici; in tal modo si prevede di evitare eventuali lunghi tempi di attesa da parte degli operatori per la preventiva approvazione del piano di utilizzo delle terre e rocce da parte delle autorità competenti;

- la messa in atto di procedure più veloci per attestare che le terre e rocce da scavo soddisfano i requisiti stabiliti dalle norme europee e nazionali per essere qualificate come sottoprodotti e non come rifiuti;

- una definizione puntuale delle condizioni di utilizzo delle terre e rocce all'interno del sito oggetto di bonifica, con l'individuazione di procedure uniche per gli scavi e la caratterizzazione dei terreni generati dalle opere da realizzare nei siti oggetto di bonifica;

- il rafforzamento del sistema dei controlli;

- la salvaguardia della disciplina previgente per i progetti o i piani di utilizzo approvati ai sensi, rispettivamente, dell’art. 186 del d.lgs. n. 152 del 2006 o del d.m. n. 161 del 2012.





A cura di: Dott. Marco ABRATE


Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.