logo

In Evidenza

  • CORSO DI FORMAZIONE PER AUDITOR INTERNO DI SISTEMI DI GESTIONE (in collaborazione con BUREAU VERITAS) – 11 E 18 FEBBRAIO

    Approfondisci
  • PUBBLICATO IL CALENDARIO DELLA FORMAZIONE IN AULA PER L'ANNO 2019

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE LAVORATORI (FORMAZIONE GENERALE E SPECIFICA) – 12/13/14 DICEMBRE

    Approfondisci
           

La foto del mese

Auguri di buon Natale e di un sereno 2019

La frase del mese

Non ho voglia di tuffarmi
in un gomitolo di strade
Ho tanta stanchezza
sulle spalle
Lasciatemi cosi
come una cosa posata
in un angolo
e dimenticata
Qui non si sente altro
che il caldo buono
Sto con le quattro
capriole di fumo
del focolare

- Natale (Giuseppe Ungaretti)

I nostri Corsi

Organizziamo corsi in aula e online per la tua azienda. I corsi E-learning sono fruibili da qualsiasi dispositivo...

IL QUIZ DEL MESE: DI AMBIENTE COSA NE SAI?

Mettiti alla prova con 4 livelli di difficoltà per verificare le tue conoscenze...

PARTNER - SITI AMICI

Scopri i nostri partner

Manualistica

Vedi Manuali disponibili

Cerca con i Tags

ARPA   CIT   CPI   ISPRA   MOG   OT24   RSPP   acqua   acustica   agenti biologici   agenti cancerogeni   agenti chimici   agenti fisici   aia   albo gestori ambientali   ambiente   amianto   aria   atex   atmosfere esplosive   attrezzature di lavoro   aua   audit   bonifiche   burn out   cantieri   cem   certificazioni iso   clp   codici cer   comunicazione   controlli   ctd   danno ambientale   datore di lavoro   dpi   due diligence   ecologia   edilizia   emergenze   emissioni   energia   ergonomia   f-gas   finanziamenti   formazione   gas effetto serra   imballaggi   impianti   inail   incidente rilevante   infortunio   inquinamento   interpelli   lavoro notturno   legionella   linee guida   luoghi di lavoro   macchine   malattia professionale   manuale   manutenzione   marcatura ce   medico competente   microclima   mmc   modulistica   mud   normativa   prevenzione incendi   primo soccorso   privacy   provincia   qualità   radiazioni ionizzanti   reach   registro infortuni   responsabilità   rifiuti   rls   roa   rumore   salute   segnaletica   sentenza   sicurezza   sistemi di gestione   sistri   sorveglianza sanitaria   sostanze pericolose   spazi confinati   stress   terre e rocce da scavo   trasporti   valutazione dei rischi   vas   vdt   verifiche periodiche   via   vibrazioni  

Area Riservata

 Mer 27 Apr 2016

DOPO LA PUBBLICAZIONE, GLI ELEMENTI DI CAMBIAMENTO DELLA ISO 14001:2015

  ambiente , sistemi di gestione

Immagine

Proseguiamo a introdurre tutte i principali cambiamenti realizzati nelle nuove versioni degli standard ISO.

In questo frangente partiamo con la ISO 9001:2015 evidenziando in tutti i capitoli i cambiamenti introdotti.

1. Contesto dell’organizzazione:

L’organizzazione deve individuare e analizzare i fattori interni ed esterni:

- rilevanti per i suoi obiettivi strategici;

- che influenzano la sua capacità di ottenere i risultati attesi dal sistema di gestione per la qualità.

Definire tali fattori è fondamentale per ragionare in un’ottica di approccio basato sui rischi e organizzare di conseguenza il sistema di gestione per la qualità.

Obiettivo: elevare il livello di visione strategica dell’organizzazione nel progettare il sistema di gestione per la qualità, tenendo conto del contesto in cui essa opera.

La conoscenza di:

- contesto;

- aspettative delle parti interessate;

- prodotti o servizi offerti dall’organizzazione.

È fondamentale per definire il campo di applicazione del sistema di gestione per la qualità, che costituisce le condizioni entro le quali sono applicati i requisiti della norma.

2Leadership:

Enfasi sulle responsabilità della Direzione e sul suo ruolo, in termini di supporto e motivazione nei confronti delle risorse umane, nell’attuazione del sistema di gestione per la qualità.

La nuova norma non parla più di un Rappresentante della Direzione, ma coinvolge esplicitamente l’Alta Direzione (“Persona o gruppo di persone che dirigono e controllano una organizzazione al più alto livello”).

Il coinvolgimento della Direzione aziendale è fondamentale per l’efficace attuazione di un sistema di gestione per la qualità e per migliorare la sua integrazione con il “sistema azienda”.

3Pianificazione:

Approccio basato sul rischio: fondamentale per pianificare il sistema di gestione per la qualità, e trasversale a tutto lo standard, porta nelle organizzazioni nuove responsabilità:

- analizzare rischi e opportunità, classificarli in rapporto alla gravità delle conseguenze;

- pianificare le azioni volte ad affrontare i rischi (eliminazione e/o mitigazione degli stessi);

- mettere in atto tali azioni;

- controllarne l’efficacia

- apprendere dall’esperienza, nell’ottica di un miglioramento continuo.

Le organizzazioni dovranno determinare il miglior modo per valutare rischi ed opportunità, in maniera commisurata alla complessità dell’organizzazione stessa e dei suoi processi.

4. Supporto:

Nuovo punto in cui sono convogliati i requisiti di supporto, ossia: risorse, competenze, consapevolezza, comunicazione ed informazione documentata.

La consapevolezza è elevata a requisito.

Informazione documentata:

- è il vero elemento di novità (comune a tutte le norme aderenti alla HLS);

- sostituisce i termini “procedure” e “registrazioni”;

- può essere redatta e conservata nella forma che l’organizzazione ritiene più adeguata in funzione delle proprie esigenze, rischi ed opportunità.

5Attività operative

L’approccio per processi è reso più esplicito.

Obiettivo dei processi è generare fiducia nella capacità dell’organizzazione di:

- soddisfare le aspettative del cliente;

- fornire prodotti e servizi conformi ai requisiti dello standard.

L’applicabilità ai “servizi” è resa più esplicita (nell’edizione precedente si parlava solo di “prodotto”).

Prodotti e servizi forniti dall’esterno:

- sostituisce i termini “approvvigionamento / outsourcing”;

- si pone l’accento sul suo controllo: l’organizzazione deve assicurare che quanto approvvigionato all’esterno sia conforme ai requisiti.

6. Valutazione delle prestazioni:

L’attenzione è spostata dal monitoraggio del sistema di gestione alla pianificazione delle attività di monitoraggio sul prodotto e/o servizio.

L’organizzazione deve identificare cosa deve essere monitorato, in che modo e quando i risultati del monitoraggio devono essere analizzati.

Le attività di monitoraggio, misurazione e analisi servono a garantire:

- l’efficacia del sistema di gestione per la qualità;

- il costante soddisfacimento dei requisiti e degli obiettivi che l’organizzazione ha stabilito.

7. Miglioramento:

Obiettivo: determinare e selezionare opportunità di miglioramento di:

- processi;

- prodotti e servizi;

- risultati attesi dal sistema di gestione.

Attività continua: ogni volta che un’opportunità di miglioramento viene identificata, l’organizzazione deve stabilire come implementarla e quali risorse utilizzare.





A cura di: Dott. Pierantonio SERAFINO


Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.