logo

La foto del mese

Migliorare le condizioni di lavoro concedendo pause libere. . .

La frase del mese

Non chiederti cosa il tuo paese può fare per te, ma chiediti che cosa tu puoi fare per il tuo paese

- John Fitzgerald Kennedy

In Evidenza

  • CORSO DI FORMAZIONE PER RLS - 21/23/28/30 MAGGIO

    Approfondisci
  • CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI ESCAVATORI, PALE CARICATRICI FRONTALI, TERNE –

    Approfondisci
  • CORSI DI AGGIORNAMENTO PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI GRU PER AUTOCARRO – 13 MAGGIO

    Approfondisci
  • CORSO DI AGGIORNAMENTO PER ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI GRU A TORRE - 13 MAGGIO

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE LAVORATORI (FORMAZIONE GENERALE E SPECIFICA) – 09/10 MAGGIO

    Approfondisci
  • CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI ALL’INSTALLAZIONE E RIMOZIONE DELLA SEGNALETICA STRADALE – 06/07 MAGGIO

    Approfondisci
  • PUBBLICATO IL CALENDARIO DELLA FORMAZIONE IN AULA PER L'ANNO 2019

    Approfondisci
           

I nostri Corsi

Organizziamo corsi in aula e online per la tua azienda. I corsi E-learning sono fruibili da qualsiasi dispositivo...

IL QUIZ DEL MESE: CONOSCI LA SICUREZZA?

Mettiti alla prova con 4 livelli di difficoltà per verificare le tue conoscenze...

PARTNER - SITI AMICI

Scopri i nostri partner

Manualistica

Vedi Manuali disponibili

Cerca con i Tags

ARPA   CIT   CPI   ISPRA   MOG   OT24   RSPP   acqua   acustica   agenti biologici   agenti cancerogeni   agenti chimici   agenti fisici   aia   albo gestori ambientali   ambiente   amianto   aria   atex   atmosfere esplosive   attrezzature di lavoro   aua   audit   bonifiche   burn out   cantieri   cem   certificazioni iso   clp   codici cer   comunicazione   controlli   ctd   danno ambientale   datore di lavoro   dpi   due diligence   ecologia   edilizia   emergenze   emissioni   energia   ergonomia   f-gas   finanziamenti   formazione   gas effetto serra   imballaggi   impianti   inail   incidente rilevante   infortunio   inquinamento   interpelli   lavoro notturno   legionella   linee guida   luoghi di lavoro   macchine   malattia professionale   manuale   manutenzione   marcatura ce   medico competente   microclima   mmc   modulistica   mud   normativa   prevenzione incendi   primo soccorso   privacy   provincia   qualità   radiazioni ionizzanti   reach   registro infortuni   responsabilità   rifiuti   rls   roa   rumore   salute   segnaletica   sentenza   sicurezza   sistemi di gestione   sistri   sorveglianza sanitaria   sostanze pericolose   spazi confinati   stress   terre e rocce da scavo   trasporti   valutazione dei rischi   vas   vdt   verifiche periodiche   via   vibrazioni  

Area Riservata

 Ven 29 Mar 2019

DECRETO LEGISLATIVO 19 FEBBRAIO 2019, N. 17

  dpi , normativa

Immagine

In data 12/03/2019 è entrato in vigore il D.Lgs. n°17 del 19/02/2019 (cfr. allegato), ovvero l’adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del regolamento (UE) n. 2016/425 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 9 marzo 2016, sui dispositivi di protezione individuale e che abroga la direttiva 89/686/CEE del Consiglio.

Il D.Lgs. n°17 del 19/02/2019 apporta quindi modifiche sostanziali al D.Lgs. n°475 del 04/12/1992 che attuava la direttiva europea sui DPI (Dir. n.89/686/CEE del Consiglio, del 21 dicembre 1989), ora abrogata dal Regolamento Europeo sui DPI n. 2016/425.

Inoltre il D.Lgs. n°17 del 19/02/2019 va ad abrogare il D.Lgs. n°10 del 02/01/1997 (Attuazione delle direttive 93/68/CEE, 93/95/CEE e 96/58/CE relative ai dispositivi di protezione individuale), in aggiunta apporta delle modifiche testuali al D.Lgs. n°81/08 (Art. 74 e 76).

Per effetto di tali modifiche il D.Lgs. n.475/1992 è divenuto decreto di adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del regolamento (UE) n. 2016/425.

Il D.Lgs. n°17 del 19/02/2019 modifica, in pratica, la normativa nazionale in materia di DPI, in modo da renderla compatibile con il Regolamento Europeo.

L’obiettivo è di semplificare e chiarire il quadro esistente per l’immissione sul mercato dispositivi di protezione individuali di I, II e III categoria, superando le differenze applicative riscontrate in passato attraverso un provvedimento identico per tutti gli Stati membri; nonché di migliorare la trasparenza, l’efficacia e l’armonizzazione delle misure esistenti.

Modifiche al D.Lgs. n.475/1992

Le modifiche apportate al D.Lgs. n.475/1992 fanno riferimento in particolar modo all’entrata in vigore (il 21/04/2018) del Regolamento (UE) n. 2016/425 che va ad abrogare la Direttiva 89/686/CEE del Consiglio.

Il Regolamento (UE) n. 2016/425 ha lo scopo di stabilire i requisiti per la progettazione e la fabbricazione dei DPI che devono essere messi a disposizione sul mercato, al fine di garantire la protezione della salute e della sicurezza degli utilizzatori e stabilisce le norme sulla libera circolazione dei DPI nell’Unione.

Tale regolamentazione riguarda sia i DPI fabbricati nell’Unione Europea sia i DPI importati da un paese terzo, pertanto andrà applicata a qualsivoglia forma di fornitura compresa la vendita a distanza.

Relativamente al mercato dei DPI si segnala che nell’Art.3 del D.Lgs. n.475/1992 viene indicato che possono essere messi a disposizione sul mercato DPI, che rispettino le indicazioni di cui agli articoli 4 (che indica le “Categorie di DPI” e che non viene modificato) e 5 (“Procedure di certificazione CE” che viene invece modificato in relazione alle indicazioni fornite dal regolamento 2016/425).

Sono quindi considerati conformi i DPI muniti della marcatura CE per i quali il fabbricante o il suo mandatario stabilito nel territorio dell’Unione sia in grado di presentare, la documentazione di cui all’art. 15 e all’allegato III “Documentazione del fabbricante” del regolamento DPI, nonché, relativamente ai DPI di seconda e terza categoria, la certificazione di cui agli allegati V, VI, VII e VIII del regolamento DPI.

Relativamente alla valutazione della conformità dei DPI si segnala che nell’Art.5 del D.Lgs. n.475/1992 (Procedura di valutazione della conformità) si richiede al fabbricante di eseguire, o far eseguire la procedura di valutazione della conformità (Art.19) e di redigere la documentazione tecnica (Allegato III) anche al fine di esibirla alle Autorità di Vigilanza per tutti i DPI e non solo per i DPI di II e III categoria come avveniva in passato.

Nell’Art.6 vengono specificate le modalità con cui gli organismi notificati che effettuano le attività di valutazione della conformità dei DPI, devono presentare la domanda di autorizzazione al Ministero dello Sviluppo Economico.

Relativamente alla marcatura dei DPI il D.Lgs. 17/19 sostituisce completamente l’art.12 del D.Lgs. n.475/1992, rimandando a quanto previsto dall’Art.16 e 17 del regolamento europeo sui DPI. Inoltre l’Art. 12 bis viene interamente sostituito dalla Documentazione Tecnica relativa ai metodi di attestazione di conformità nonché alle istruzioni e avvertenze dei DPI prodotti o commercializzati in Italia (che devono essere redatte in lingua italiana).

Relativamente alla vigilanza del mercato dei DPI si segnala che l’Art.13 del D.Lgs. n.475/1992 viene modificato indicando che, nell’ambito delle rispettive competenze, l’attività di vigilanza sarà a carico del Ministero dello sviluppo economico e del Ministero del lavoro e delle politiche sociali.

Per quanto riguarda gli aspetti sanzionatori si segnala che il D.Lgs. 17/19 ha introdotto un sensibile inasprimento delle sanzioni rispetto al passato. Tali sanzioni riguardano in particolar modo i fabbricanti, i distributori o chiunque immetta sul mercato DPI di I, II e III categoria.

Si segnala infine una modifica dell’Art. 15 del D.Lgs. n.475/1992 che ora va a dettagliare gli “Oneri relativi alle procedure di valutazione della conformità dei DPI” che sono a carico degli “operatori economici interessati”.

Modifiche al D.Lgs. n.81/2008

Il Testo Unico viene sostanzialmente modificato dal D.Lgs. 17/19 negli Articoli n°74 e 76, nel primo caso contestualizzandone le definizioni rispetto al solo Testo Unico di Sicurezza e, inserendo un richiamo a finalità, campo di applicazione e definizioni di cui agli articoli 1, 2 e 3, paragrafo 1, numero 1), del regolamento (UE) n. 2016/425. Mentre per quanto riguarda l’Art. 76 si sostituisce il riferimento al D.Lgs. n.475/1992 con il richiamo al Regolamento (UE) n. 2016/425.





A cura di: P.I. Matteo CAPELLO


ALLEGATI
  Allegato: D.Lgs. n°17 del 19/02/2019

Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.