logo

La foto del mese

Eppure il geometra mi ha detto di aver preso le misure tre volte. . .

La frase del mese

La follia sta nel fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi.

- Albert EINSTEIN

In Evidenza

  • CORSI DI FORMAZIONE PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI CARRELLI ELEVATORI – 26 E 27 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI FORMAZIONE DL/RSPP – A PARTIRE DAL 23 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI AGGIORNAMENTO PER ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO – 20 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE RESPONSABILI E REDATTORI PIANI DI MANUTENZIONE E CONTROLLO DI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO – 16-23-30 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE LAVORATORI (FORMAZIONE GENERALE E SPECIFICA) – 12/13 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI AGGIORNAMENTO FORMAZIONE LAVORATORI – 17 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO - A - B - C – 18 E 19 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • PUBBLICATO IL CALENDARIO DELLA FORMAZIONE IN AULA PER L'ANNO 2019

    Approfondisci
           

I nostri Corsi

Organizziamo corsi in aula e online per la tua azienda. I corsi E-learning sono fruibili da qualsiasi dispositivo...

IL QUIZ DEL MESE: CONOSCI LA SICUREZZA?

Mettiti alla prova con 4 livelli di difficoltà per verificare le tue conoscenze...

PARTNER - SITI AMICI

Scopri i nostri partner

Manualistica

Vedi Manuali disponibili

Cerca con i Tags

ARPA   CIT   CPI   ISPRA   MOG   OT24   RSPP   acqua   acustica   agenti biologici   agenti cancerogeni   agenti chimici   agenti fisici   aia   albo gestori ambientali   ambiente   amianto   aria   atex   atmosfere esplosive   attrezzature di lavoro   aua   audit   bonifiche   burn out   cantieri   cem   certificazioni iso   clp   codici cer   comunicazione   controlli   ctd   danno ambientale   datore di lavoro   dpi   due diligence   ecologia   edilizia   emergenze   emissioni   energia   ergonomia   f-gas   finanziamenti   formazione   gas effetto serra   imballaggi   impianti   inail   incidente rilevante   infortunio   inquinamento   interpelli   lavori in quota   lavoro notturno   legionella   linee guida   luoghi di lavoro   macchine   malattia professionale   manuale   manutenzione   marcatura ce   medico competente   microclima   mmc   modulistica   mud   normativa   prevenzione incendi   primo soccorso   privacy   provincia   qualità   radiazioni ionizzanti   reach   registro infortuni   responsabilità   rifiuti   rls   roa   rumore   salute   segnaletica   sentenza   sicurezza   sistemi di gestione   sistri   sorveglianza sanitaria   sostanze pericolose   spazi confinati   stress   terre e rocce da scavo   trasporti   valutazione dei rischi   vas   vdt   verifiche periodiche   via   vibrazioni  

Area Riservata

 Lun 7 Gen 2019

CONVEGNO SAFAP 2018 “SICUREZZA, CONDUZIONE E GESTIONE DELLE MACCHINE FRIGORIFERE”

  attrezzature di lavoro , sicurezza

immagine

Si è da poco concluso il  convegno SAFAP 2018 sulla SICUREZZA E AFFIDABILITÀ DELLE ATTREZZATURE A PRESSIONE, dal quale viene estratto il presente atto sulla sicurezza, conduzione e gestione delle macchine frigorifere a cura di A. Nuzzo, G. de Gennaro, F. P. Nigri.

Le macchine frigorifere, ampiamente diffuse nelle industrie alimentari, presentano oltre ai problemi di sicurezza legati al superamento della pressione, anche e soprattutto, quelli conseguenti al rischio di rilascio in ambiente del fluido impiegato nel ciclo.

Tra i fluidi è chiaramente diffuso l’R717 (NH3 Ammoniaca), il quale ha caratteristiche di pericolosità per principalmente per l’uomo, avendo caratteristiche di tossicità, infiammabilità e corrosione, mentre risulta irrilevante l’inquinamento ambientale derivante dal riscaldamento globale (GWP) e alla potenzialità di assottigliamento dello strato di ozono (ODP) in quanto il ciclo di vita espresso in anni in atmosfera è pari a 0.01 ovvero a circa 86 ore; caratteristiche rafforzate inoltre dalle migliori proprietà di trasferimento del calore rispetto ai refrigeranti di natura chimica (CFC, HCFC).

Il Triclorofluorometano (R-11) il Clorodifluorometano (R-22), il 2,2-dicloro-1,1,1-trifluoroetano (R- 123), risultano assai più inquinanti arrivando nel caso dell’ R22 ad essere smaltito in atmosfera a circa 100 anni dalla sua immissione con effetti gravosi sul riscaldamento globale.

Lo standard Europeo per i requisiti per la sicurezza e la salvaguardia dell’ambiente nella progettazione, costruzione, installazione e funzionamento degli impianti frigoriferi sono disciplinate dalla norma UNI EN 378:2018 suddivisa in 4 parti e pubblicata il 13 aprile 2017.

Come descritto nella “Relazione della Commissione Europea datata 30/11/2016” l’utilizzo di ammoniaca o C02 come refrigeranti sia a livello europeo che nazionale non costituisce un ostacolo vincolato da codici standard e legislazione, purché vengano utilizzati nel rispetto degli standard di sicurezza vigenti come citati nella EN 378.

In Italia la condizione della macchine frigorifere non può prescindere dall’applicazione del  regolamento speciale dei gas tossici R.D. n. 147 del 09 gennaio 1927, nel quale tra le sostanze ritenute tossiche è presente l’ammoniaca in quantitativi superiore a 75 Kg.

Nella gestione delle macchine frigorifere, continua il trattato dell’INAIL – Uot di Bari, ha un ruolo fondamentale la manutenzione predittiva, ovvero la manutenzione preventiva effettuata a seguito dell’individuazione di uno o più parametri e dell’estrapolazione, secondo modelli appropriati, del tempo residuo intercorrente prima del guasto, nel caso del compressore per ammoniaca, il parametro in questione potrebbe essere l’analisi vibrazionale sulla turbomacchina.

In conclusione, a differenza delle altre attrezzature a pressione per il quale il rischio fondamentale è quello del superamento della pressione di progetto, le macchine frigorifere presentano in aggiunta il rischio connesso all’impiego di fluidi generalmente tossici e quindi il quadro normativo da rispettare è più vasto e complesso, ovvero la direttiva PED 2014/68/EU, da attuarsi tramite la norma EN 378 con l’applicazione del R.D. 147 del 09 gennaio 1927, mentre la manutenzione predittiva è assolutamente auspicabile in quanto in grado di programmare tempestivamente gli interventi manutentivi con riduzione del rischio di rilascio del fluido frigorigeno all’esterno.

Per maggiori approfondimenti si rimanda alla consultazione degli atti del convegno (cfr. allegato).







A cura di: P.I. Pierpaolo RAVERA


ALLEGATI
  Allegato: A. Nuzzo, G. de Gennaro, F. P. Nigri - Sicurezza, conduzione e gestione delle macchine frigorifere

Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.