logo

In Evidenza

  • CORSO DI AGGIORNAMENTO PER ADDETTI ANTINCENDIO - RISCHIO BASSO, MEDIO, ALTO - 25 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI ANTINCENDIO – RISCHIO BASSO E MEDIO – 25 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI FORMAZIONE DL/RSPP – A PARTIRE DAL 24 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE RESPONSABILI E REDATTORI PIANI DI MANUTENZIONE E CONTROLLO DI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO – 10-17-24 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE LAVORATORI (FORMAZIONE GENERALE E SPECIFICA) – 12/13/14 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI AGGIORNAMENTO FORMAZIONE LAVORATORI – 18 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI AGGIORNAMENTO PER ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO – 21 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO - A - B - C – 19/20 SETTEMBRE

    Approfondisci
  • PUBBLICATO IL CALENDARIO DELLA FORMAZIONE IN AULA PER L'ANNO 2018

    Approfondisci
           

La foto del mese

E' solo un ragazzino. . . Quanto pensi possa tirare forte?

La frase del mese

Primo assioma sull'organizzazione del lavoro: lavorare in gruppo è essenziale perchè ti permette di dare la colpa a qualcun altro. . .

- Organizzazione del lavoro (Legge di Murphy)

I nostri Corsi

Organizziamo corsi in aula e online per la tua azienda. I corsi E-learning sono fruibili da qualsiasi dispositivo...

IL QUIZ DEL MESE: DI AMBIENTE COSA NE SAI?

Mettiti alla prova con 4 livelli di difficoltà per verificare le tue conoscenze...

PARTNER - SITI AMICI

Scopri i nostri partner

Manualistica

Vedi Manuali disponibili

Cerca con i Tags

ARPA   CIT   CPI   ISPRA   MOG   OT24   RSPP   acqua   acustica   agenti biologici   agenti cancerogeni   agenti chimici   agenti fisici   aia   albo gestori ambientali   ambiente   amianto   aria   atex   atmosfere esplosive   attrezzature di lavoro   aua   audit   bonifiche   burn out   cantieri   cem   certificazioni iso   clp   codici cer   comunicazione   controlli   ctd   danno ambientale   dpi   due diligence   ecologia   edilizia   emergenze   emissioni   energia   ergonomia   f-gas   finanziamenti   formazione   gas effetto serra   imballaggi   impianti   inail   incidente rilevante   infortunio   inquinamento   interpelli   lavoro notturno   legionella   linee guida   luoghi di lavoro   macchine   malattia professionale   manuale   manutenzione   marcatura ce   medico competente   microclima   mmc   modulistica   mud   normativa   prevenzione incendi   primo soccorso   privacy   provincia   qualità   radiazioni ionizzanti   reach   registro infortuni   responsabilità 231   rifiuti   rls   roa   rumore   salute   segnaletica   sentenza   sicurezza   sistemi di gestione   sistri   sorveglianza sanitaria   sostanze pericolose   spazi confinati   stress   terre e rocce da scavo   trasporti   valutazione dei rischi   vas   vdt   verifiche periodiche   via   vibrazioni  

Area Riservata

 Mer 27 Giu 2018

CONGLOMERATO BITUMINOSO: REGOLAMENTO END OF WASTE IN VIGORE DAL 3 LUGLIO 2018

  normativa , rifiuti

Immagine

Il Ministero dell’Ambiente con “Regolamento recante disciplina della cessazione della qualifica di rifiuto di conglomerato bituminoso ex art. 184 -ter, c. 2 del D.Lgs. n. 152/2006” (cfr. allegato 1) detta i criteri specifici da rispettare affinchè il rifiuto identificato con il codice EER 17.03.02 proveniente da operazioni di fresatura a freddo o di demolizione delle pavimentazioni bituminose cessi di essere qualificato come rifiuto per essere identificato come granulato di conglomerato bituminoso.

Il decreto pare voler inserirsi come tassello chiarificatore all’interno del corposo dibattito dottrinale e giurisprudenziale da tempo in corso sul “fresato d’asfalto” e sulla possibile qualifica dello stesso come “sottoprodotto”, agendo, però, in modo differente e stabilendo i criteri la cessazione della qualifica come rifiuto a favore di una merce identificabile come “granulato di conglomerato bituminoso”.

Sul punto la giurisprudenza amministrativa (ex plurimis, Consiglio di Stato, Sez. IV, 6 ottobre 2014, n. 4978; id., Sez. IV, 21 maggio 2013, n. 4151) si è espressa affermando il principio per il quale è astrattamente possibile qualificare il fresato d'asfalto come sottoprodotto, mentre ripetutamente la giurisprudenza penale (ex plurimis, Corte di Cassazione penale, Sez. III, 4 giugno 2018, n. 24865) è stata netta nell’affermare l’impossibilità di qualificare il “fresato d’asfalto” come “sottoprodotto” in quanto il “sottoprodotto” deve scaturire da un processo produttivo, mentre il “fresato d’asfalto” generalmente si origina da un processo di demolizione, non riconoscibile come “processo produttivo”.

Con buona pace di tutti, dopo un’apertura salomonica ed apparentemente disarmante al comma 2 dell’articolo 1 quando testualmente si legge “Le disposizioni del presente regolamento non si applicano al conglomerato bituminoso qualificato come sottoprodotto ai sensi e per gli effetti dell’articolo 184 -bis del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152” il decreto non può che essere accolto favorevolmente dagli addetti ai lavori che, dal 3 luglio 2018, potranno contare su regole certe per poter ottenere il riconoscimento di un’attività di recupero in grado di valorizzare un rifiuto speciale “conglomerato bituminoso” come merce “granulato di conglomerato bitumoso”.

I 6 articoli ed i 2 allegati di cui è composto il decreto stabiliscono:

quando il conglomerato bituminoso non è rifiuto

- gli obblighi dei produttori
(la Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, l'obbligo di conservazione del campione e le sue esenzioni)

- gli utilizzi del granulato di conglomerato bituminoso

Interessante risultano alcune affermazioni contenute nei “visti e considerando” prodromici al regolamento, soprattutto nella parte in cui si afferma che “in Italia esiste un mercato per il granulato di conglomerato bituminoso in ragione del fatto che lo stesso risulta comunemente oggetto di transazioni commerciali e possiede un effettivo valore economico di scambio, che sussistono scopi specifici per i quali la sostanza è utilizzabile, nel rispetto dei requisiti tecnici di cui al presente regolamento, che la medesima rispetta la normativa e gli standard esistenti applicabili ai prodotti e che il suo utilizzo non porta a impatti complessivi negativi sull’ambiente o sulla salute umana”.





A cura di: Dott. Flavio Portesio


ALLEGATI
  Allegato 1: Decreto 28 marzo 2018, n.69

ECOLAV Service S.r.l. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l' utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento