logo

In Evidenza

  • CORSI DI FORMAZIONE ADDETTI E TECNICI RIMOZIONE, BONIFICA E SMALTIMENTO MATERIALI CONTENENTI AMIANTO – A PARTIRE DAL 8 GENNAIO

    Approfondisci
  • CORSO DI FORMAZIONE PER AUDITOR INTERNO DI SISTEMI DI GESTIONE (in collaborazione con BUREAU VERITAS) – 11 E 18 FEBBRAIO

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE LAVORATORI (FORMAZIONE GENERALE E SPECIFICA) – 07/08 FEBBRAIO

    Approfondisci
  • PUBBLICATO IL CALENDARIO DELLA FORMAZIONE IN AULA PER L'ANNO 2019

    Approfondisci
           

La foto del mese

Auguri di buon Natale e di un sereno 2019

La frase del mese

Non ho voglia di tuffarmi
in un gomitolo di strade
Ho tanta stanchezza
sulle spalle
Lasciatemi cosi
come una cosa posata
in un angolo
e dimenticata
Qui non si sente altro
che il caldo buono
Sto con le quattro
capriole di fumo
del focolare

- Natale (Giuseppe Ungaretti)

I nostri Corsi

Organizziamo corsi in aula e online per la tua azienda. I corsi E-learning sono fruibili da qualsiasi dispositivo...

IL QUIZ DEL MESE: DI AMBIENTE COSA NE SAI?

Mettiti alla prova con 4 livelli di difficoltà per verificare le tue conoscenze...

PARTNER - SITI AMICI

Scopri i nostri partner

Manualistica

Vedi Manuali disponibili

Cerca con i Tags

ARPA   CIT   CPI   ISPRA   MOG   OT24   RSPP   acqua   acustica   agenti biologici   agenti cancerogeni   agenti chimici   agenti fisici   aia   albo gestori ambientali   ambiente   amianto   aria   atex   atmosfere esplosive   attrezzature di lavoro   aua   audit   bonifiche   burn out   cantieri   cem   certificazioni iso   clp   codici cer   comunicazione   controlli   ctd   danno ambientale   datore di lavoro   dpi   due diligence   ecologia   edilizia   emergenze   emissioni   energia   ergonomia   f-gas   finanziamenti   formazione   gas effetto serra   imballaggi   impianti   inail   incidente rilevante   infortunio   inquinamento   interpelli   lavoro notturno   legionella   linee guida   luoghi di lavoro   macchine   malattia professionale   manuale   manutenzione   marcatura ce   medico competente   microclima   mmc   modulistica   mud   normativa   prevenzione incendi   primo soccorso   privacy   provincia   qualità   radiazioni ionizzanti   reach   registro infortuni   responsabilità   rifiuti   rls   roa   rumore   salute   segnaletica   sentenza   sicurezza   sistemi di gestione   sistri   sorveglianza sanitaria   sostanze pericolose   spazi confinati   stress   terre e rocce da scavo   trasporti   valutazione dei rischi   vas   vdt   verifiche periodiche   via   vibrazioni  

Area Riservata

 Ven 23 Nov 2018

CARRELLI ELEVATORI: VERIFICHE DELLE CATENE DI SOLLEVAMENTO

  attrezzature di lavoro , controlli , linee guida , verifiche periodiche

Immagini

Accade non di rado che i controlli sullo stato di efficienza delle catene di sollevamento dei carrelli elevatori vengano effettuati in modo superficiale e non confacente a quelli che sono i requisiti normativi, ovvero alle procedure espresse dalle linee guida di riferimento (in particolare “Linea guida INAIL – ex ISPESL” consultabili all'allegato 1).

Gli errori macroscopici più frequenti sono riconducibili ai seguenti aspetti:

a. Errata identificazione dei soggetti incaricati della effettuazione delle verifiche

b. Errata frequenza dei controlli periodici delle catene

c. Errata identificazione ed analisi dei parametri di degrado delle catene

La normativa è sufficientemente chiara al riguardo di tutti i punti su indicati, in particolare:

a. L’articolo 71 del D.lgs. 81/2008 prevede, fra l’altro, che:

il datore di lavoro prenda le misure necessarie affinché le attrezzature di lavoro siano oggetto di idonea manutenzione, al fine di garantire nel tempo la permanenza dei requisiti di sicurezza.

In caso di riparazione, di trasformazione o manutenzione, i lavoratori interessati siano qualificati in maniera specifica (per soggetti qualificati si intendono persone esperte, vale a dire persone che, sulla base della loro formazione ed esperienza professionale, dispongano di sufficienti conoscenze nell’ambito della tecnologia dei veicoli di cui trattasi, ed abbiano una dimestichezza sufficiente con le norme in vigore per la protezione dei lavoratori e la prevenzione degli infortuni, con le norme di buona tecnica, etc., tanto da poter valutare le condizioni di sicurezza delle attrezzature medesime).

È quindi assolutamente chiaro che la scelta del soggetto incaricato della manutenzione (e quindi del controllo delle catene) debba ricadere su personale qualificato. Non ci sono vincoli in merito alla scelta di personale interno o esterno all’azienda utilizzatrice. Di fatto, molti datori di lavoro si avvalgono della professionalità del proprio personale interno addetto alla manutenzione; altri, non avendo tale possibilità, avviano un contratto con ditte esterne specializzate.

b. All’interno dell’allegato VI del D.lgs. 81/2008, nella sezione 3 riguardante le disposizioni concernenti l’uso delle attrezzature di lavoro che servono a sollevare carichi (punto 3.1.2), è previsto, fra l’altro, che:

Le funi e le catene debbano essere sottoposte a controlli trimestrali, in mancanza di specifica indicazione da parte del fabbricante.

Ne consegue che il datore di lavoro utilizzatore sia tenuto, in prima battuta, a verificare eventuali indicazioni di periodismi più ravvicinati, all’interno del manuale di uso e manutenzione dell’attrezzatura; in caso di assenza (condizione frequente), dovrà attenersi alle verifiche trimestrali indicate in allegato VI.

c. A supporto di una corretta ed efficace verifica trimestrali delle catene, è disponibile la “linea guida per il controllo periodico dello stato di manutenzione ed efficienza dei carrelli elevatori e delle relative attrezzature” emanata (ormai da qualche anno) da ISPESL (ora INAIL). Le tematiche trattate sono assolutamente attuali, pur in presenza di taluni riferimenti normativi ormai superati.

Il tema del controllo periodico delle catene verte sulla identificazione di quattro parametri di criticità (cfr. allegato 2):

1. Usura delle catene.

Problema: le catene si consumano a causa dell’uso.

Come verificare: misurare la lunghezza “A” di 10 maglie consecutive (da perno a perno – nella zona di massima usura, generalmente nel tratto della catena al di sopra delle pulegge, con piastra portaforche sollevata in assetto di marcia); controllare sul manuale il passo “P” della catena; determinare l’allungamento percentuale, come risultato dell’algoritmo (A-10P)/10P x 100.

Azione conseguente: se l’allungamento percentuale (su catena tesa, nella condizione senza carico) risulta superiore al 2-3%, occorre provvedere alla sostituzione della catena e mantenere un buon livello di ingrassaggio/lubrificazione.

2. Presenza di maglie crepate.

Problema: presenza di maglie spezzate o criccate a causa di urti e/o strappi (prevalentemente con carrello carico al massimo della sua capacità).

Come verificare: ispezione visiva di tutta la catena, generalmente vicino ai perni, alla ricerca di cricche.

Azione conseguente: in caso di presenza di crepe o cricche, provvedere alla sostituzione della catena e mantenere un buon livello di ingrassaggio/lubrificazione.

3. Presenza di ruggine sulle catene.

Problema: la catena arrugginisce a causa di lubrificazione non corretta o insufficiente (ovvero per impieghi in ambienti “severi”).

Come verificare: ispezione visiva di tutta la catena, alla ricerca di ruggine su maglie e perni.

Azione conseguente: in caso di presenza di ruggine in quantità significativa, provvedere alla sostituzione della catena e mantenere un buon livello di ingrassaggio/lubrificazione.

4. Presenza di perni sporgenti.

Problema: i perni possono muoversi a causa di insufficiente o non corretta lubrificazione.

Come verificare: ispezione visiva di tutta la catena, alla ricerca di perni sporgenti rispetto alle maglie.

Azione conseguente: in presenza di perni sporgenti; provvedere alla sostituzione della catena e mantenere un buon livello di ingrassaggio/lubrificazione.

È infine opportuno controllare che le catene abbiano una tensione uniforme e che il dispositivo di tensionamento sia completo, ben fissato ed in buono stato di conservazione (assenza di segni di usura eccessiva e di cricche).





A cura di: PI Marco ANTONIELLI


ALLEGATI
  Allegato 1: Linea guida ISPESL (ex INAIL)
  Allegato 2: Scheda parametri di verifica

Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.