logo

In Evidenza

  • CORSI DI FORMAZIONE LAVORATORI (FORMAZIONE GENERALE E SPECIFICA) – 8/9/10 NOVEMBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LAVORATORI E PREPOSTI ADDETTI AL MONTAGGIO/SMONTAGGIO/TRASFORMAZIONE DI PONTEGGI – 6 NOVEMBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI PLE – 26 e 27 OTTOBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE ADDETTI E TECNICI RIMOZIONE, BONIFICA E SMALTIMENTO MATERIALI CONTENENTI AMIANTO – A PARTIRE DAL 30 OTTOBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI FORMAZIONE PREPOSTI – 19 OTTOBRE

    Approfondisci
  • PUBBLICATO IL CALENDARIO DELLA FORMAZIONE IN AULA PER L'ANNO 2017

    Approfondisci
           

La frase del mese

Se ti trovi ad affrontare un problema, i casi sono due:
- il problema è risolvibile e quindi non ha senso preoccuparsi
oppure
- il problema NON è risolvibile e quindi perché ti affanni?
TAKE IT EASY. . .

- Approccio ai problemi - Anonimo su web

La foto del mese

Uso improprio? Sul manuale non era scritto che non si potevano tagliare le siepi. . .

I nostri Corsi

Organizziamo corsi in aula e online per la tua azienda. I corsi E-learning sono fruibili da qualsiasi dispositivo...

IL QUIZ DEL MESE: CONOSCI LA SICUREZZA?

Mettiti alla prova con 4 livelli di difficoltà per verificare le tue conoscenze...

PARTNER - SITI AMICI

Scopri i nostri partner

Manualistica

Vedi Manuali disponibili

Area Riservata

 Ven 18 Ago 2017

CANTIERI: LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO DEVE ESSERE GARANTITA ANCHE IN MOMENTI DI PAUSA, RIPOSO O SOSPENSIONE DEI LAVORI?

  cantieri , infortunio , sentenza

Immagine

Per un ricorso relativo all’infortunio mortale accaduto per il crollo dei fronti di uno scavo sprotetto nel quale il datore di lavoro dell’impresa affidataria dei lavori era sceso di sua iniziativa, non per motivi strettamente di lavoro ma per sue necessità fisiologiche, la Corte di Cassazione, con la sentenza del 10 aprile 2017, n. 17906,  (cfr. allegato 1) ha ribadito che la sicurezza negli ambienti di lavoro deve essere garantita in ogni caso indipendentemente dal requisito dell’attualità dell’attività e quindi anche in momenti di pausa, riposo o sospensione dei lavori perfino per danni che possono derivare a terzi e non a lavoratori addetti.

Sulla responsabilità del coordinatore per l'esecuzione dei lavori (CSE) per l’infortunio, la suprema Corte ha evidenziato che non vi è alcun dubbio che il CSE abbia un'autonoma funzione di “alta vigilanza” ma che non sia tenuto anche ad un puntuale controllo, momento per momento, delle singole attività lavorative, ruolo che è invece demandato ad altre figure operative (datore di lavoro, dirigente, preposto). Restano però in capo al CSE gli obblighi previsti dall'art. 92 del D. Lgs. n. 81/2008 (cfr. allegato 2) ed in particolare di sospendere, in caso di pericolo grave e imminente direttamente riscontrato, le singole lavorazioni fino alla verifica degli avvenuti adeguamenti da parte delle imprese interessate. In questo caso, dalla ricostruzione effettuata dalla Corte di Appello, è emerso che il CSE non era mai stato visto sul cantiere durante l'esecuzione dei lavori, cosicché mai si era accertato direttamente della consistenza degli stessi, pur in presenza di un scavo non armato e di lavoratori che svolgevano lavorazioni all'interno dello stesso.


ALLEGATI
  Allegato 1: Sentenza del 10 aprile 2017, n. 17906 della Corte di Cassazione
  Allegato 2: Art. 92 del D. Lgs. n. 81/2008

ECOLAV Service S.r.l. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l' utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento