logo

La foto del mese

Il lunedì dell'informatico. . .

La frase del mese

Prima di parlare domandati se ciò che dirai corrisponde a verità, se non provoca male a qualcuno, se è utile, ed infine se vale la pena turbare il silenzio per dire ciò che vuoi dire.

- Il silenzio è d'oro - Buddha

In Evidenza

  • CORSI DI FORMAZIONE LAVORATORI (FORMAZIONE GENERALE E SPECIFICA) – 12/13 DICEMBRE

    Approfondisci
  • PUBBLICATO IL CALENDARIO DELLA FORMAZIONE IN AULA PER L'ANNO 2019

    Approfondisci
           

I nostri Corsi

Organizziamo corsi in aula e online per la tua azienda. I corsi E-learning sono fruibili da qualsiasi dispositivo...

IL QUIZ DEL MESE: CONOSCI LA SICUREZZA?

Mettiti alla prova con 4 livelli di difficoltà per verificare le tue conoscenze...

PARTNER - SITI AMICI

Scopri i nostri partner

Manualistica

Vedi Manuali disponibili

Cerca con i Tags

ARPA   CIT   CPI   GSE   ISPRA   MOG   OT24   RSPP   acqua   acustica   agenti biologici   agenti cancerogeni   agenti chimici   agenti fisici   aia   albo gestori ambientali   ambiente   amianto   aria   atex   atmosfere esplosive   attrezzature di lavoro   aua   audit   bonifiche   burn out   cantieri   cem   certificazioni iso   circolare   clp   codici cer   comunicazione   controlli   ctd   danno ambientale   datore di lavoro   dpi   due diligence   ecologia   edilizia   emergenze   emissioni   energia   ergonomia   età   f-gas   finanziamenti   formazione   fotovoltaico   gas effetto serra   imballaggi   impianti   inail   incidente rilevante   infortunio   inquinamento   interpelli   lavori in quota   lavoro notturno   legionella   linee guida   luoghi di lavoro   macchine   malattia professionale   manuale   manutenzione   marcatura ce   medico competente   microclima   mmc   modulistica   mud   normativa   norme tecniche   prevenzione   prevenzione incendi   primo soccorso   privacy   provincia   qualità   radiazioni ionizzanti   reach   registro infortuni   responsabilità   rifiuti   rls   roa   rumore   salute   segnaletica   sentenza   sicurezza   sistemi di gestione   sistri   sorveglianza sanitaria   sostanze pericolose   spazi confinati   stress   terre e rocce da scavo   trasporti   valutazione dei rischi   vas   vdt   verifiche periodiche   via   vibrazioni  

Area Riservata

 Mer 20 Mar 2019

ART 26 BIS DL 113/2018: PIANI DI EMERGENZA INTERNI

  ambiente , emergenze , rifiuti , sicurezza

Immagine

Con l’arrivo del Dl 113/18 (in particolare l’art 26bis), si è richiesto a tutti i gestori di impianti autorizzati al trattamento e stoccaggio rifiuti, di provvedere alla stesura di un idoneo piano di emergenza interno.

Tale piano dovrà essere consegnato al prefetto in modo che egli possa valutare se e come redigere un piano di emergenza esterno.

La scadenza per tale prescrizione e per la comunicazione delle indicazioni per l’adempimento era fissata in data 4 marzo 2018.

Tali indicazioni al riguardo (non incluse nel Dl.) sono in parte giunte tramite due circolari ministeriali, rispettivamente il 21/01/19 (cfr. allegato 1) e il 13/2/19 (cfr. allegato 2), dove, tra le altre cose, si precisa che la ragione di tale richiesta è il voler scongiurare ulteriori incendi negli impianti di gestione rifiuti.

Ad ormai più di dieci giorni dalla scadenza imposta, comunque, le indicazioni complete ed esaustive al riguardo non sono ancora giunte.

Dalle circolari, apprendiamo che dall’applicazione dell’art 26bis sono naturalmente esclusi tutti gli impianti considerati a rischio di incidente rilevante (D.Lgs. 105/2015 SEVESO) poiché già dotati di adeguati piani di emergenza interni ed esterni. Inoltre si ricorda come il piano di emergenza sia uno strumento già obbligatorio per tutte le realtà con più di 10 dipendenti.

Questo sembrerebbe restringere di molto il numero dei soggetti coinvolti ma di fatto, considerando anche i requisiti richiesti per tali piani, molti sono stati i documenti da redigere / aggiornare.

Per chi non si fosse ancora attivato in tal senso, si ricorda come tale piano dovrà contenere almeno (secondo le circolari ministeriali):

- Ragione sociale e indirizzo dell’impianto;

- Nominativo e recapiti del gestore dell’impianto e del responsabile per la sicurezza;

- Descrizione dell’attività svolta e dei relativi processi, indicazione del numero degli addetti;

- Elenco delle autorizzazioni/certificazioni nel campo ambientale e della sicurezza in possesso della società;

- Planimetria generale dalla quale risultino l'ubicazione dell’attività, il contesto territoriale circostante, le condizioni di accessibilità all'area e di viabilità;

- Piante in scala adeguata degli edifici e delle aree all’aperto utilizzate per le attività recanti l’indicazione degli elementi caratteristici: layout dell’impianto, con identificazione delle aree di accettazione in ingresso, delle aree di stoccaggio e trattamento e degli impianti tecnici, degli uffici e delle misure di sicurezza e protezione riportate nella relazione tecnica.

- Relazione tecnica contenente almeno i seguenti elementi:

1. quantità e tipologia dei rifiuti gestiti e indicazione della massima capacità di stoccaggio istantanea consentita. Nel caso l’impianto gestisca rifiuti pericolosi, indicare le relative caratteristiche di pericolo e specificare le modalità di gestione adottate;

2. descrizione degli impianti tecnici;

3. descrizione delle misure di sicurezza e protezione adottate, anche in relazione alla gestione dell’impianto.

- Descrizione, dei possibili effetti sulla salute umana e sull’ambiente che possono essere causati da un eventuale incendio, esplosione o rilascio/spandimento;

- Descrizione delle misure adottate nel sito per prevenire gli incidenti e per limitarne le conseguenze per la salute umana, per l'ambiente e per i beni;

- Descrizione delle misure previste per provvedere al ripristino e al disinquinamento dell’ambiente dopo un incidente;

- Descrizione delle disposizioni per avvisare tempestivamente, le autorità competenti per gli interventi in caso di emergenza (Vigili del fuoco, Prefettura, ARPA, ecc.).

Il tempo ci dirà se quest’operazione sarà stata solamente una troppo zelante imposizione documentale o qualcosa di effettivamente efficace ai fini della salvaguardia ambientale e della sicurezza.





A cura di: Ing. Andrea BONETTO



 



 



 


ALLEGATI
  Allegato 1: Circolare ministeriale del 21-01-2019
  Allegato 2: Circolare ministeriale del 13-2-2019

Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.