logo

In Evidenza

  • CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI ESCAVATORI, PALE CARICATRICI FRONTALI, TERNE – 20 LUGLIO

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE ADDETTI E TECNICI RIMOZIONE, BONIFICA E SMALTIMENTO MATERIALI CONTENENTI AMIANTO – A PARTIRE DAL 30 OTTOBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI PLE – 25/26 OTTOBRE

    Approfondisci
  • CORSO DI AGGIORNAMENTO PREPOSTI – 24 OTTOBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI AGGIORNAMENTO PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI PLE – 23 OTTOBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI CARRELLI INDUSTRIALI – 23 OTTOBRE

    Approfondisci
  • CORSI DI AGGIORNAMENTO PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI GRU PER AUTOCARRO – 26 LUGLIO

    Approfondisci
  • CORSO DI FORMAZIONE PREPOSTI – 18 OTTOBRE

    Approfondisci
  • PUBBLICATO IL CALENDARIO DELLA FORMAZIONE IN AULA PER L'ANNO 2018

    Approfondisci
           

La foto del mese

L'estate sta finendo. . . speriamo in un autunno migliore. Un pensiero alle vittime di Genova.

La frase del mese

Le statistiche dicono che tutte le volte che un uomo respira una persona muore. Bisogna trovare quell'uomo e fare qualcosa per il suo alito. . .

- Anonimo

I nostri Corsi

Organizziamo corsi in aula e online per la tua azienda. I corsi E-learning sono fruibili da qualsiasi dispositivo...

IL QUIZ DEL MESE: DI AMBIENTE COSA NE SAI?

Mettiti alla prova con 4 livelli di difficoltà per verificare le tue conoscenze...

PARTNER - SITI AMICI

Scopri i nostri partner

Manualistica

Vedi Manuali disponibili

Cerca con i Tags

ARPA   CIT   CPI   ISPRA   MOG   OT24   RSPP   acqua   acustica   agenti biologici   agenti cancerogeni   agenti chimici   agenti fisici   aia   albo gestori ambientali   ambiente   amianto   aria   atex   atmosfere esplosive   attrezzature di lavoro   aua   audit   bonifiche   burn out   cantieri   cem   certificazioni iso   clp   codici cer   comunicazione   controlli   ctd   danno ambientale   datore di lavoro   dpi   due diligence   ecologia   edilizia   emergenze   emissioni   energia   ergonomia   f-gas   finanziamenti   formazione   gas effetto serra   imballaggi   impianti   inail   incidente rilevante   infortunio   inquinamento   interpelli   lavoro notturno   legionella   linee guida   luoghi di lavoro   macchine   malattia professionale   manuale   manutenzione   marcatura ce   medico competente   microclima   mmc   modulistica   mud   normativa   prevenzione incendi   primo soccorso   privacy   provincia   qualità   radiazioni ionizzanti   reach   registro infortuni   responsabilità   rifiuti   rls   roa   rumore   salute   segnaletica   sentenza   sicurezza   sistemi di gestione   sistri   sorveglianza sanitaria   sostanze pericolose   spazi confinati   stress   terre e rocce da scavo   trasporti   valutazione dei rischi   vas   vdt   verifiche periodiche   via   vibrazioni  

Area Riservata

 Gio 3 Dic 2015

TERRE E ROCCE DA SCAVO: IN ARRIVO UN NUOVO DECRETO PER IL RIUTILIZZO. E PER LA SEMPLIFICAZIONE…

  normativa , rifiuti , terre e rocce da scavo

Immagine

Novità in arrivo per le modalità di riutilizzo delle terre e rocce da scavo, come prevede lo schema di DPR approvato in sede di Consiglio dei Ministri n.89 dello scorso 6 novembre (cfr. allegato), in ossequio all’art. 8 del c.d. Decreto Sblocca Italia (Dl 133/2014, convertito dalla legge n. 164 del 2014).

Novità che dovrebbero tradursi in una semplificazione delle procedure per la gestione delle terre e rocce da scavo come sottoprodotti; questi i principali cambiamenti attesi:

- sono previste definizioni più chiare per le stesse “terre e rocce da scavo”, per i “materiali di riporto”, per la classificazione dei cantieri (“piccole dimensioni”, “grandi dimensioni”, “grandi dimensioni non sottoposti a VIA o AIA”), e per il tanto temuto (dalle autorità deputate al controllo) “deposito intermedio”;

- i residui della lavorazione dei materiali lapidei vengono esclusi dalla nozione di terre e rocce da scavo, novità che permette agli operatori di qualificarli come sottoprodotti in presenza delle condizioni di legge e, ovviamente, nel pieno rispetto dei livelli minimi di tutela ambientale;

- viene definita una disciplina più chiara e dettagliata del deposito intermedio, introducendo l’aspetto vincolante della identità di destinazione urbanistica tra questo ed il sito di produzione delle terre e rocce da scavo qualificate sottoprodotti;

- viene eliminato l’obbligo di comunicazione preventiva all’autorità competente di ogni trasporto di terre e rocce da scavo qualificate come sottoprodotti (previsto dall’Allegato VI del DM 161/2012), stabilendo l’attivazione contestuale dei necessari controlli da parte delle autorità competenti;

- si introduce un iter più spedito per apportare modifiche sostanziali al piano di utilizzo delle terre e rocce da scavo generate nell’ambito dei cantieri di grandi dimensioni, con la possibilità di una proroga di un anno della durata del piano;

- predisposizione di una specifica procedura per l’utilizzo in situ delle terre e rocce da scavo escluse dal campo di applicazione dei rifiuti, con particolare riguardo per quelle prodotte dalla realizzazione di opere sottoposte a Valutazione di impatto ambientale;

- viene prevista una procedura più spedita per attestare che le terre e le rocce da scavo generate nei cantieri di grandi dimensioni soddisfino i requisiti normativi nazionali e comunitari per essere qualificate sottoprodotti, con meccanismi analoghi a quelli di una SCIA. Sostanzialmente viene introdotta una formula di silenzio-assenso per il piano di utilizzo, da presentarsi sempre con almeno 90 giorni di anticipo all’Autorità competente e all’ARPA-APPA: sono previsti 30 giorni dalla trasmissione per la richiesta di integrazioni al piano, superati i quali la documentazione si intende completa.

Dallo scorso 19 novembre, inoltre, è aperta ai sensi del citato Dl 133/2014 la consultazione pubblica a tutti i portatori di interesse (tutti i cittadini) che possono presentare osservazioni sulla proposta di regolamento semplicemente compilando un questionario on-line disponibile sul sito istituzionale del MATTM; la consultazione scade il prossimo 19 dicembre 2015. 





A cura di: Dott. Marco ABRATE


ALLEGATI
  Allegato: Schema di DPR approvato in sede di Consiglio dei Ministri n.89

ECOLAV Service S.r.l. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l' utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento