logo

La foto del mese

Migliorare le condizioni di lavoro concedendo pause libere. . .

La frase del mese

Non chiederti cosa il tuo paese può fare per te, ma chiediti che cosa tu puoi fare per il tuo paese

- John Fitzgerald Kennedy

In Evidenza

  • CORSO PER AUDITOR DI PARTE TERZA DI SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA (in collaborazione con RICEC) – 28 MARZO, 08 E 09 APRILE

    Approfondisci
  • CORSI DI AGGIORNAMENTO PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI PLE – 09 APRILE

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE LAVORATORI (FORMAZIONE GENERALE E SPECIFICA) – 04/05 APRILE

    Approfondisci
  • CORSI DI FORMAZIONE ADDETTI E TECNICI RIMOZIONE, BONIFICA E SMALTIMENTO MATERIALI CONTENENTI AMIANTO – A PARTIRE DAL 12 APRILE

    Approfondisci
  • CORSO PER ADDETTI ESPOSTI AL RISCHIO ELETTRICO – QUALIFICA PES, PAV E PEI – 01/02 APRILE

    Approfondisci
  • CORSI AGGIORNAMENTO PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI CARRELLI INDUSTRIALI – 09 APRILE

    Approfondisci
  • CORSO DI AGGIORNAMENTO PER ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO – 27 MARZO

    Approfondisci
  • CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO - A - B - C – 25 E 26 MARZO

    Approfondisci
  • PUBBLICATO IL CALENDARIO DELLA FORMAZIONE IN AULA PER L'ANNO 2019

    Approfondisci
           

I nostri Corsi

Organizziamo corsi in aula e online per la tua azienda. I corsi E-learning sono fruibili da qualsiasi dispositivo...

IL QUIZ DEL MESE: CONOSCI LA SICUREZZA?

Mettiti alla prova con 4 livelli di difficoltà per verificare le tue conoscenze...

PARTNER - SITI AMICI

Scopri i nostri partner

Manualistica

Vedi Manuali disponibili

Cerca con i Tags

ARPA   CIT   CPI   ISPRA   MOG   OT24   RSPP   acqua   acustica   agenti biologici   agenti cancerogeni   agenti chimici   agenti fisici   aia   albo gestori ambientali   ambiente   amianto   aria   atex   atmosfere esplosive   attrezzature di lavoro   aua   audit   bonifiche   burn out   cantieri   cem   certificazioni iso   clp   codici cer   comunicazione   controlli   ctd   danno ambientale   datore di lavoro   dpi   due diligence   ecologia   edilizia   emergenze   emissioni   energia   ergonomia   f-gas   finanziamenti   formazione   gas effetto serra   imballaggi   impianti   inail   incidente rilevante   infortunio   inquinamento   interpelli   lavoro notturno   legionella   linee guida   luoghi di lavoro   macchine   malattia professionale   manuale   manutenzione   marcatura ce   medico competente   microclima   mmc   modulistica   mud   normativa   prevenzione incendi   primo soccorso   privacy   provincia   qualità   radiazioni ionizzanti   reach   registro infortuni   responsabilità   rifiuti   rls   roa   rumore   salute   segnaletica   sentenza   sicurezza   sistemi di gestione   sistri   sorveglianza sanitaria   sostanze pericolose   spazi confinati   stress   terre e rocce da scavo   trasporti   valutazione dei rischi   vas   vdt   verifiche periodiche   via   vibrazioni  

Area Riservata

 Mer 13 Apr 2016

RADON – I NUOVI LIVELLI DI RIFERIMENTO DELLA DIRETTIVA 2013/59/EURATOM

  radiazioni ionizzanti , sicurezza

Immagine

E' fissata al 6 febbraio 2018 la data entro la quale il Governo italiano dovrà procedere al recepimento della la Direttiva 2013/59/Euratom del Consiglio Europeo del dicembre 2013 (cfr. allegato), già pubblicata il 17 gennaio 2014, che stabilisce le norme fondamentali di sicurezza relative alla protezione contro i pericoli derivanti dall’esposizione alle radiazioni ionizzanti e che si presume avrà un notevole impatto sulla normativa relativa all’esposizione al radon negli ambienti di lavoro.

Fra le principali novità introdotte con la nuova Direttiva 2013/59/Euratom vi sono livelli di riferimento inferiori rispetto ai livelli di azione indicati dalla normativa italiana per gli ambienti di lavoro; ogni Stato membro dovrà stabilire livelli di riferimento nazionali, per la media annua della concentrazione di attività di radon in aria, non superiori a 300 Bq/mc, a meno che un livello superiore non sia giustificato dalle circostanze esistenti a livello nazionale (ad oggi invece il livello di azione è pari a 500 Bq/mc).

Relativamente agli ambienti residenziali non esiste attualmente una normativa specifica ed in passato ci si rifaceva prima alla Raccomandazione europea 90/143/Euratom del 21/02/90, che aveva stabilito un livello di riferimento di 400 Bq/mc per gli edifici esistenti e, come parametro di progetto, un livello di 200 Bq/mc per gli edifici residenziali da costruire, superati i quali era raccomandata l'adozione di provvedimenti correttivi, e poi, dal 2009, al valore di riferimento di 100 Bq/mc proposto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, che consentiva comunque, per particolari condizioni, di arrivare fino a 300 Bq/mc.

Ora la Direttiva impone che gli Stati membri stabiliscano livelli di riferimento nazionali, per la media annua della concentrazione di attività di radon in aria, non superiori a 300 Bq/mc.

Altra indicazione data dalla direttiva è che gli Stati membri definiscano un piano d'azione nazionale che affronti i rischi di lungo termine dovuti alle esposizioni al radon, con il principale obiettivo di ridurre l’impatto sulla popolazione e sui lavoratori, attraverso, ad esempio, l’adozione di misure appropriate per prevenire l’ingresso del radon in nuovi edifici e individuando le zone in cui si prevede che la concentrazione media annuale di radon superi il livello di riferimento nazionale in un numero significativo di edifici. All’interno di tali zone dovranno essere effettuate misurazioni del radon nei luoghi di lavoro e negli edifici pubblici situati al pianterreno o a livello interrato, e promossi interventi volti a individuare le abitazioni in cui la concentrazione media annua supera il livello di riferimento, incoraggiando eventuali azioni di rimedio in tali abitazioni.

A tale scopo, si rivelano molto interessanti le indicazioni per interventi volti alla riduzione del gas negli ambienti pubblicate da ISPRA, di carattere generale e di tipo descrittivo.

Gli interventi presi in considerazione sono i seguenti:

- Depressurizzazione del suolo: è la tecnica maggiormente consigliata nel caso di concentrazione molto elevata derivante dal suolo; prevede la realizzazione di un pozzetto di raccolta del gas radon, collegato a un piccolo ventilatore, sotto la superficie dell'edificio così da creare una depressione tale da raccogliere il gas, per poi espellerlo in aria ed impedirne l’ingresso nell’edificio;

- Ventilazione: questa tecnica prevede l’installazione di uno o più ventilatori con lo scopo di diluire il radon presente nell’aria; possono però insorgere problemi legati alla necessità di recupero del calore nei mesi invernali; per questo motivo il metodo si rivela maggiormente adatto per applicazioni in ambienti di lavoro, in particolare laddove esiste già un impianto;

- Ventilazione del vespaio: laddove presente un vespaio, aumentando la ventilazione in quella zona dell’edificio si diluisce il radon presente e di conseguenza il trasferimento del gas all’interno dello stabile; l'incremento della ventilazione può essere realizzato aumentando il numero delle bocchette di aerazione ed eventualmente applicando un ventilatore ma in alcuni casi la semplice pulizia delle bocchette di aerazione può portare ad una riduzione considerevole della concentrazione di radon;

- Pressurizzazione dell’edificio: in questo caso si cerca di incrementare la pressione interna dell'edificio, in modo da contrastare la risalita del radon dal suolo, anche in questo caso per mezzo di ventilatori;

- Sigillatura delle vie di ingresso: con questo metodo si tenta di chiudere tutte le possibili vie di ingresso. La sigillatura può essere parziale, cioè a carico delle fessure, delle giunzioni pavimento-pareti, dei passaggi dei servizi, (idraulici, termici, delle utenze ecc.), per la quale si utilizzano particolari materiali polimerici, oppure totale, cioè su tutta la superficie di contatto con il suolo, per la quale si utilizzano fogli di materiale impermeabile al radon;

- Azioni di prevenzione per nuove costruzioni: in fase di progettazione o di costruzione di un nuovo edificio è opportuno prevedere l’adozione di uno dei criteri sopra individuati, così da poterne contener i costi.

A conclusione di quanto detto è quindi importante ricordare la scadenza di recepimento della direttiva, per monitorare i nuovi limiti di gas radon che verranno indicati e adeguare di conseguenza le misure di controllo e prevenzione e protezione adottate.





A cura di: Ing. Emanuela PISANU


ALLEGATI
  Allegato: Direttiva 2013/59/Euratom

Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.